Venom

Venom recensione

Venome recensione del film di Ruben Fleischer con Tom Hardy, Michelle Williams e Riz Ahmed, basato sul personaggio dei fumetti creato da David Michelinie e Todd McFarlane.

Venom ritorna ai canoni classici del film supereroistico e sci-fi horror, e alle atmosfere delle produzioni cinematografiche fine Anni ’80 ed inizi Anni ’90 quali Darkman di Sam Raimi, L’Alieno – The Hidden di Jack Sholder e Specie Mortale – Species di Roger Donaldson.

L’Eddie Brock di Ruben Fleischer è un antieroe egoista ed egocentrico, autodistruttivo ed incapace di trovare un equilibrio nella vita personale, incline alle dipendenze e alla depressione. Il suo unico punto fermo è l’amore incondizionato che Anne Weying (Michelle Williams) prova per lui. Ma Eddie sarà capace persino di porre fine all’unica fonte di bene e positività nella sua vita.

Venom, character creato da David Michelinie e Todd McFarlane, è noto ai più come arcinemico di Spider-Man, raccontare dunque l’antieroe senza l’eroe per eccellenza che lo completa – elemento chiave del fumetto, mai del tutto compreso dal cinema che troppe volte si è focalizzato sull’eroe svilendo il villain, tranne in rari casi come Il Cavaliere Oscuro e The Unbreakable, dove Joker (Heath Ledger) e Mr. Glass (Samuel L. Jackson) spiegano alla platea in modo didascalico l’importanza dell’antieroe, ed il recente clamoroso successo di Thanos (Josh Brolin) in Avengers: Infinity War – non era una missione affatto semplice.

Ruben Fleischer (Benvenuti a Zombieland, Gangster Squad) dirige un film cupo, violento e cattivo che, seppur non spingendosi per ragioni commerciali – e per facilitare l’incontro con l’amichevole ragno di quartiere – a violenza e spargimenti di sangue R-rated, rende perfettamente l’idea delle pulsioni e di cosa sia capace Venom.

Venom
Il simbionte vs Tom Hardy

L’equilibrio tra il bene ed il male viene inoltre ampiamente soddisfatto da una disfida a livello altro della storia, tra l’antieroe Venom ed il male assoluto Riot, simbionte conquistatore e leader, come definito dallo stesso Venom, che in parole tanto divertenti quanto semplici afferma invece di non essere un leader, ma di rivedersi di più in Eddie.

Io sono un po’ come te. Noi siamo Venom.

Fleischer afferma che la violenza estrema non è necessaria per definire Venom, in quanto egli non rappresenta violenza fine a se stessa, Venom è un protettore letale.

Protettore che si nutre di cervelli umani e dell’adrenalina dell’ospite, che odia essere chiamato parassita, che nuoce ma al tempo stesso rigenera e protegge l’essere con cui va in simbiosi. Protettore che potremmo vedere presto in team up e non contro Spider-Man, per affrontare una minaccia ancora più grande anche se affine a Riot.

Venom
Il Protettore letale

La possente colonna sonora ad opera di Ludwig Goransson (Black Panther, Creed) con il brano Venom di Eminem, una piacevole quanto misurata sottotraccia di umorismo ed un ottimo cast ben bilanciato nei ruoli e nel minutaggio contribuiscono al far si che Venom sia molto più che il palcoscenico di Tom Hardy.

La diversità è la chiave per l’eccellenza, e seppur Venom non eccella e osi meno di quanto avrebbe potuto trascendendo verso tonalità più oscure e sanguinose, il non seguire i canoni Disney nella realizzazione di un film supereroistico non può e non deve essere una debolezza, semmai un punto di forza, e anche per questo a noi Venom è decisamente piaciuto.

Sintesi

Venom è un film cupo, violento e cattivo che ritorna ai canoni classici del film supereroistico e sci-fi horror.
Articolo precedenteAquaman trailer italiano
Articolo successivoOverlord trailer italiano

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...

Rassegna stampa 8 Luglio

Rassegna stampa 8 luglio: il ritorno di Josh Hartnett, Hilary Swank Away per Netflix, un war movie per Dylan O’Brien e Viggo Mortensen diretti...

Rassegna stampa 7 luglio

Rassegna stampa 7 luglio: addio al maestro Ennio Morricone, tutti i vincitori dei Nastri d'Argento 2020, Borderland con John Boyega e Felicity Jones, Brad...