Ticket to Paradise

Ticket to Paradise recensione film di Ol Parker con Julia Roberts e George Clooney

Dal regista di Mamma Mia! 2, un film dimenticabile nonostante i suoi paesaggi ed il carisma dei suoi protagonisti

Ticket to Paradise recensione film di Ol Parker con Julia RobertsGeorge ClooneyKaitlyn Dever e Maxime Bouttier

Per anni gli amanti delle rom-com si sono sentiti ripetere quanto il loro genere cinematografico preferito fosse di serie B, quanto fossero sciocche, inutili e… proseguite aggiungendo un aggettivo dispregiativo a caso. Molti dei detrattori non hanno mai tenuto conto che, non soltanto, le rom-com erano tra i film che più incassavano ai botteghini, ma molte di esse hanno contribuito a plasmare un immaginario collettivo sull’amore e le relazioni tale da influenzare le generazioni successive: Pretty Woman, Notting Hill, Harry ti presento Sally (per citare alcuni tra i titoli più noti tra gli anni ’80 e ’90) sono tutti film diventati cult e al tempo stesso l’esempio perfetto di comfort movie, quelli nei quali ci rifugiamo quando il mondo risulta troppo grigio. E, allo stesso modo, i loro interpreti sono diventate delle star di Hollywood, riconoscibili da chiunque e ovunque, proprio grazie ai ruoli da protagonisti in questi film.

Wren (Billie Lourd, di spalle), Gede (Maxime Bouttier) e Lily (Kaitlyn Dever) in Ticket to Paradise di Ol Parker
Wren (Billie Lourd, di spalle), Gede (Maxime Bouttier) e Lily (Kaitlyn Dever) in Ticket to Paradise di Ol Parker (credits: Universal Pictures © 2022 Universal Studios. All Rights Reserved)

Non sorprende, dunque, che Ol Parker (già regista di Mamma Mia! Ci risiamo) abbia scelto due nomi tra i più famosi del genere: Julia Roberts George Clooney. Sono loro, infatti, a dare vita e corpo a Georgia e David Cotton, ex coniugi che si ritrovano a unire le forze per impedire che la figlia neolaureata, Lily (Kaitlyn Dever), convoli a nozze con il dolce Gede (Maxime Bouttier), coltivatore di alghe di Bali, conosciuto durante una vacanza post-laurea. Pur di evitare che Lily commetta il loro stesso errore, i due proveranno a impedire la cerimonia con ogni mezzo possibile…

I paesaggi del Pacifico fanno da sfondo alla vicenda di Ticket to Paradise
I paesaggi del Pacifico fanno da sfondo alla vicenda di Ticket to Paradise (credits: Stills Photography by Vince Valitutti © 2022 Universal Studios)

Ticket to Paradise – una cornice da favola per una storia che favola non è

Se c’è un merito che dobbiamo riconoscere a Ol Parker è quello di aver scelto per il suo film uno dei posti più incantevoli del mondo: Bali, con le sue spiagge bianche, le sue acque cristalline e i tramonti mozzafiato è il luogo ideale (sebbene estremamente patinato e per la visione di un pubblico prevalentemente occidentale) per un matrimonio o per una vacanza con la propria anima gemella. Perciò, è un vero peccato che su uno sfondo così suggestivo sia ambientato un film che, purtroppo, non ne vuole sapere di decollare e che risulta fortemente sconnesso. La trama, infatti, ricalca i cliché di molte commedie romantiche e non sarebbe un problema, se non fosse accompagnata da dialoghi poco incisivi, a cui neppure l’immensa bravura e carisma dei suoi protagonisti riesce a dare colore e mordente. Inoltre, lo sviluppo della vicenda sembra puntare verso una direzione che, invece, viene completamente disattesa dal finale, con un salto nel buio (è il caso di dirlo e chi vedrà il film capirà di cosa parliamo) che non giova all’opera. Raccontare di un amore finito e di uno sbaglio giovanile è un tema interessante e che avrebbe potuto essere sviluppato in maniera migliore, senza tante battute al vetriolo e momenti imbarazzanti. Persino gli escamotage per impedire il matrimonio vengono portati avanti senza troppa convinzione e risultano alquanto deludenti.

Il regista Ol Parker con Julia Roberts e George Clooney sul set di Ticket to Paradise
Il regista Ol Parker con Julia Roberts e George Clooney sul set di Ticket to Paradise (credits: Vince Valitutti / Universal Pictures © 2022 Universal Studios. All Rights Reserved)

Un vero peccato, perché nonostante il suo titolo, Ticket to Paradise proprio non riesce a condurci nel paradiso dell’amore, restando un film che facilmente dimenticheremo.

Sintesi

Ticket to Paradise, l'ultimo film di Ol Parker con Julia Roberts e George Clooney, che ricalca i cliché di molte commedie romantiche. Non sarebbe un problema, se non fosse per i dialoghi poco incisivi, a cui neppure l'immensa bravura e carisma dei suoi protagonisti riesce a dare colore e mordente. Dimenticabile.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Ticket to Paradise recensione film di Ol Parker con Julia Roberts e George ClooneyTicket to Paradise, l'ultimo film di Ol Parker con Julia Roberts e George Clooney, che ricalca i cliché di molte commedie romantiche. Non sarebbe un problema, se non fosse per i dialoghi poco incisivi, a cui neppure l'immensa bravura e carisma dei suoi protagonisti riesce a dare colore e mordente. Dimenticabile.