Stanley Kubrick: the Exhibition – a Londra fino al 15 settembre

Un corridoio di schermi e il climax di Così parlò Zarathustra di Richard Strauss segnano l’inizio della mostra intitolata semplicemente Stanley Kubrick: the Exhibition al Design Musem di Londra.

L’esposizione, che commemora il ventennale della morte del regista, rispetta il copione di simili retrospettive dedicate, in passato, ad altri artisti, celebrando la sua opera attraverso cimeli personali dell’autore, spezzoni dei film e materiali di scena dai suoi film. La limitata produzione di Stanley Kubrick consente di allestire un’installazione molto più focalizzata, ordinata e precisa, che onora la straordinaria (e in tutti i sensi ‘leggendaria’) attenzione per i dettagli del regista.

Purtroppo 'Stanley Kubrick: the Exhibition' non è allestita all'interno di un labirinto
Occasione mancata: purtroppo ‘Stanley Kubrick: the Exhibition’ non è allestita all’interno di un labirinto

Ad eccezione della stanza iniziale, una sorta di anticamera che mescola oggetti personali, attrezzi del mestiere, planning di lavorazione e un inatteso focus sui progetti incompiuti (la biografia di Napoleone in primis), il resto della mostra riserva una stanza ad ognuno dei classici realizzati da Kubrick, da Orizzonti di gloria in poi.

Il Sergente Hartman ci 'accoglie' nella sezione dedicata a Full Metal Jacket in Stanley Kubrick: the Exhibition
Il Sergente Hartman ci ‘accoglie’ nella sezione dedicata a Full Metal Jacket nella Stanley Kubrick Exhibition

In una sequenza che non è necessariamente quella che ci si aspetterebbe (da Spartacus si passa a Full Metal Jacket), ci viene ricordato come ogni film del regista sia un’opera d’arte a sé stante, indissolubilmente legata a scene ed oggetti che sono diventati vere e proprie icone: dalle statue (paradossalmente) iconoclaste di Arancia meccanica alle maschere di Eyes Wide Shut, ogni stanza include materiali originali ormai entrati nella storia del cinema.

Gli inquietanti protagonisti di Eyes Wide Shut - in mostra a Stanley Kubrick: the Exhibition
Gli inquietanti protagonisti di Eyes Wide Shut – in mostra a Stanley Kubrick: the Exhibition

Nell’omaggiare il genio visuale di Kubrick, il Design Museum concede anche un’occhiata anche al suo processo creativo, presentando alcune alternative che, per quanto sembri impossibile oggi, sono state considerate nel corso della lavorazione dei rispettivi film.

Alex DeLarge non ha sempre indossato una bombetta
Alex DeLarge non ha sempre indossato una bombetta

La corrispondenza scambiata dal regista con vari interlocutori nel corso della lavorazione delle sue opere apre anche uno spiraglio sul lato umano di Stanley Kubrick, Americano di nascita ma chiaramente Britannico d’adozione, autore di lettere ossequiose ed estremamente cortesi, tanto diverso sulla carta dal despota perfezionista descritto dalla leggenda.

Una mostra imperdibile per gli appassionati di cinema, Stanley Kubrick: the Exhibition continuerà al Design Museum di Londra fino al 15 settembre.

Midnight, the stars and you
Midnight, the stars and Stanley Kubrick: the Exhibition

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar [TFF 38]

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar, Mahdokht Molaei, Soroush Saeidi, Mohsen Kiani e Morteza Khanjani al Torino Film Festival 38 Il cinema iraniano...

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen [TFF 38]

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen, Anders Heinrichsen, Morten Holst, Signe Egholm Olsen e Eeva Putro al Torino Film Festival 38 L'immortalità...

Black Friday Amazon 2020: Disney Marvel offerte film Blu-ray steelbook e cofanetti

Black Friday Amazon 2020: le offerte Disney e Marvel in Blu-ray steelbook e cofanetti, da Avengers: Endgame a Frozen 2, Toy Story 4 e...

Black Friday Amazon 2020: film e serie TV Blu-ray e DVD in offerta

Black Friday Amazon 2020: film Blu-ray e DVD in offerta tra saghe cinematografiche, cofanetti, serie TV, anime e i migliori titoli Disney in steelbook Ci...

Cinema News del 25 novembre [Rassegna Stampa]

Gianfranco Rosi possibile candidato agli Oscar Tom Holland nelle prime immagini di Cherry La serie tv di Xavier Dolan Il trailer di Our...

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...