Respect

Respect recensione film biopic di Aretha Franklin con Jennifer Hudson [Anteprima]

Arriva il biopic sulla Regina del Soul, Aretha Franklin, interpretata da Jennifer Hudson. Ecco la recensione di Respect, visto in anteprima

Respect recensione film di Liesl Tommy con Jennifer Hudson, Forest Whitaker, Marlon Wayans, Tituss Burgess, Audra McDonald e Mary J. Blige

Il biopic sulla Regina del Soul, Aretha Franklin, interpretata da Jennifer Hudson

Arriverà nelle sale alla fine di settembre Respect, il biopic sulla Regina del Soul, una delle voci più potenti della storia della musica: Aretha Franklin.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il film ripercorre la vita di Aretha Franklin (interpretata da Jennifer Hudson), partendo dalla sua infanzia difficile, funestata da uno stupro e dalla morte dell’amata madre.
Fin da subito ci rendiamo conto che Aretha è stata messa molto sotto pressione dal padre (interpretato da Forest Whitaker), per poter cantare, passando dal coro della chiesa a New York. Qui, la sua carriera non decolla e, nonostante i numerosi album, nessuna delle sue canzoni viene considerata una “hit”. La cantante decide di allontanarsi dal padre e dalla sua famiglia, per capire quale sia la sua identità e quali canzoni facciano per lei, ed inizia una relazione con Ted White, che diventa il suo manager.

L’uomo, inizialmente amorevole, diventa sempre più possessivo verso di lei, rendendola un burattino nelle sue mani.
La carriera di Aretha, però, inizia a decollare, pubblicando pezzi ancora oggi iconici, come Respect, Think e (You make me feel) A Natural Woman.

Jennifer Hudson e Mary J. Blige
Jennifer Hudson e Mary J. Blige (Credits: MGM Studios/Eagle Pictures)

Nel corso del film vediamo il suo grande attaccamento alla fede e ai movimenti civili (la sua famiglia era molto legata alla figura di Martin Luther King). Vediamo i successi della cantante, ma anche i suoi momenti oscuri, accompagnati dalle sue grandi canzoni.

Respect è un film diretto Liesl Tommy, con un cast composto, in primis da Jennifer Hudson nei panni di Aretha Franklin, quindi da Forest Whitaker, Marlon Wayans, Tituss Burgess, Audra McDonald, Mary J. Blige, Tate Donovan, Hailey Kilgore e Albert Jones.

La pellicola segue le classiche dinamiche del biopic, raccontando gli inizi, lo sviluppo della carriera, i momenti oscuri e il grande successo, raccontando circa vent’anni dell’esistenza della celebre artista. La vita di Aretha Franklin si presta molto bene alla narrazione, dati anche i grandi eventi che compongono la sua vita, nel bene e nel male.

Ma al contrario della vita della protagonista, il film non brilla mai per intensità.
Gli eventi scorrono lineari (anche fin troppo dilatati, data la lunghezza) e neanche i momenti musicali (interpretati dalla talentuosa Jennifer Hudson) riescono a sollevare l’interesse dello spettatore.

Saycon Sengbloh, Jennifer Hudson e Hailey Kilgore
Saycon Sengbloh, Jennifer Hudson e Hailey Kilgore (Credits: MGM Studios/Eagle Pictures)

Jennifer Hudson
Jennifer Hudson

Nel corso del tempo, ci siamo abituati a vedere diversi biopic musicali molto interessanti, basti pensare a Rocketman, sulla vita di Elton John, o Walk the line, dedicato a Johnny Cash, perciò, di certo, i riferimenti non mancavano.

Aretha Franklin è stato sicuramente un personaggio complesso, ma tutti i lati della sua personalità vengono solamente citati e mai approfonditi, come la sua lotta per i diritti civili o la sua fede nella chiesa. Nonostante i tempi prolungati, la pellicola di Liesl Tommy sembra piuttosto sbrigativa e sorvola sui momenti importanti della cantante, raccontandoli senza spessore e senza mai accendere la giusta attenzione e passione nello spettatore.

Bravissima Jennifer Hudson nelle parti canore, il suo talento è indiscusso, un po’ meno nelle parti recitate, dove manca quel quid in più per poter entrare nel cuore dello spettatore. Perciò, anche le sequenze ad alto tasso emotivo, come il ricongiungimento alla fede da parte di Aretha e la morte di Martin Luther King, rimangono lontani sullo schermo, senza mai toccare lo spettatore.

Marlon Wayans e Jennifer Hudson
Marlon Wayans e Jennifer Hudson

La cantante viene rappresentata in modo remissivo rispetto alle due principali figure maschili della sua vita, ma vediamo una Jennifer Hudson fin troppo misurata e mancante di quella grinta che dimostra quando interpreta i pezzi più famosi della cantante.

Neanche la regia brilla per particolari guizzi artistici, facendo assomigliare Respect più ad un documentario alla buona che ad un vero e proprio biopic che dovrebbe celebrare la Regina del Soul.

Al centro della narrazione abbiamo Aretha Franklin come persona, più che come cantante e icona. Vediamo i dolori che ha avuto nella sua vita, la sofferenza che ha dovuto patire a causa del suo “demone interiore”, ma quello che manca è forse la parte più “patinata” della sua carriera, oltre al suo impegno politico, estremamente importante nella sua vita.

È sempre difficile approcciarsi ad un’icona, soprattutto se ha avuto un passato tormentato. Ci è riuscito bene Rocketman, mescolando biopic e musical, ci è riuscito bene Walk the line, raccontando la vita travagliata di Johnny Cash (grazie anche all’interpretazione di Joaquin Phoenix).

Cos’hanno in comune Johnny Cash, Elton John e Aretha Franklin?

Che sono tre leggende della storia della musica e che le loro canzoni le ricordiamo ancora oggi e le canteremo per sempre. Ma se i film sui primi due artisti sono convincenti, in Respect manca quell’aura di magia e di “rispetto” che l’opera avrebbe dovuto possedere per raccontare la grandiosità della cantante.

Sintesi

In Respect manca quell’aura di magia e di “rispetto” che l'opera avrebbe dovuto possedere per raccontare la grandiosità di Aretha Franklin, ritratta in modo sbrigativo - pensiamo alla lotta dell'artista per i diritti civili o alla sua fede nella chiesa -, misurato e mancante di quello spessore e di quell'intensità necessari per illuminare la narrazione ed accendere la giusta attenzione e passione nello spettatore.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli