Rassegna stampa 26 giugno

Rassegna stampa 26 giugno: Tenet nuovamente rinviato, il disaster movie Greenland con Gerard Butler e Morena Baccarin, Millie Bobby Brown e Henry Cavill sono Enola e Sherlock Holmes per Netflix

Tenet non ce l’ha fatta: dopo aver tenuto viva la speranza – in USA e UK – di un’uscita in sala che rispettasse se non il giorno almeno il mese di luglio previsto originariamente, Christopher Nolan si è dovuto arrendere all’evidenza che, almeno negli Stati Uniti, la situazione sanitaria dissuaderà la maggior parte degli spettatori dal precipitarsi nelle sale cinematografiche ancora per qualche settimana.
La data di uscita internazionale passa quindi dal 31 luglio al 12 agosto, gettando quindi ancora di più nello sconforto gli esercenti che, dal canto loro, potrebbero almeno cercare di tranquillizzare i potenziali avventori imponendo l’obbligo di indossare la mascherina. Negli Stati Uniti, dove la catena AMC si rifiuta di stabilire questa regola per la scellerata decisione di ‘restare fuori dal dibattito politico’, e nel Regno Unito, dove i dipendenti della catena Cineworld sono in agitazione per convincere il management della necessità di tale misura, la visione per il futuro è ancora decisamente poco rosea.
Per le altre uscite di rilievo previste, in primis Mulan, si attendono notizie a breve.

Rassegna stampa 26 giugno
Morena Baccarin e Gerard Bulter nel disaster movie Greeland
Millie Bobby Brown è Enola Holmes
Millie Bobby Brown è Enola Holmes

Per chi volesse distrarsi dai disastri quotidiani rifugiandosi in quelli di fiction, arriva il trailer di Greenland, che racconta dell’improvvisa apparizione di una cometa, salutata dapprima da astronomi e astrofili di tutto il mondo, poi causa di panico e morte quando, al contatto con l’atmosfera, si sfalda in migliaia di asteroidi di varie dimensioni, pronti all’impatto con il suolo terrestre, portando distruzione e sfacelo. L’unica speranza per l’umanità è una smisurata dose di fortuna, oppure il recarsi in rifugi sotterranei in grado di sopportare una potenziale collisione. Per buona parte degli Stati Uniti, il riparo più vicino è in Groenlandia, ed è lì che Gerard Butler e sua moglie Morena Baccarin sono diretti – assieme a migliaia di altri sventurati.
Greenland, che ad un certo punto aveva attratto le attenzioni di Chris Evans e Neil Blomkamp, porta la firma di Chris Sparling, autore dei thriller claustrofobici Buried – Sepolto (con Ryan Reynolds) e ATM – Macchina Mortale, oltre che del megaflop La foresta dei sogni (nonostante Matthew McConaughey e Naomi Watts). La regia è ora dell’ex stuntman Ric Roman Waugh, che aveva già diretto Butler in Attacco al potere 3.

Avevamo parlato di Enola Holmes due anni e mezzo fa, quando era stata annunciata la partecipazione di Millie Bobby Brown nel ruolo titolare della sorellina di Sherlock e Mycroft Holmes, eroina di sei romanzi firmati dall’autrice americana Nancy Springer, ed investigatrice in proprio.
Netflix ha diffuso ieri via Twitter le prime immagini della protagonista di Stranger Things nelle sue vesti vittoriane, accompagnata dai fratelli maggiori Henry Cavill (Sherlock) e Sam Claflin (Mycroft) – sì, in questo caso Mycroft è più giovane di Sherlock. Parte della famiglia è anche mamma Eudoria, interpretata da Helena Bonham Carter.

Il film, scritto da Jack Thorne (His Dark Materials) e diretto da Harry Bradbeer (Fleabag, Killing Eve), è atteso, in streaming, per settembre. A meno che le complicazioni della causa legale intentata dagli eredi di Sir Arthur Conan Doyle abbiano effetto: l’oggetto del contendere è che il film mostrerebbe un aspetto più umano del leggendario detective, caratteristica che appare solo nelle storie più recenti scritte dall’autore britannico, e che sono ancora protette da copyright.
Un simile procedimento legale era stato portato avanti qualche anno fa nei confronti di Mr. Holmes, il film con Ian McKellen che raccontava gli ultimi anni dell’investigatore, ed in quel caso il contenzioso era stato risolto fuori dai tribunali.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli