Nymphomaniac

Nymphomaniac Volume 1 e 2 recensione

Nymphomaniac recensione film di Lars von Trier con Charlotte Gainsbourg, Stacy Martin, Willem Dafoe, Stellan Skarsgård, Christian Slater, Uma Thurman, Shia LaBeouf, Jamie Bell, Mia GothConnie Nielsen

In ogni classifica dei film più controversi della storia del cinema fa la sua bella figura Nymphomaniac, il capitolo finale della Trilogia della Depressione di Lars von Trier – composta inoltre da Antichrist e Melancholia – diviso in due parti presentate nel 2013 una alla Berlinale, l’altra alla Mostra del cinema di Venezia. Descritto dal suo stesso autore come un porno di cinque ore e mezza, Nymphomaniac è il resoconto dettagliato di cinquant’anni di vita della ninfomane Joe, interpretata da Charlotte Gainsbourg e, nei flashback della sua giovinezza, dall’allora debuttante Stacy Martin; a dialogare con lei il raffinato intellettuale Seligman (Stellan Skarsgård), che una mattina di inverno la raccoglie dalla strada ferita dopo una colluttazione e la rifugia a casa sua. È per ringraziarlo della sua ospitalità che Joe inizia il racconto della sua ninfomania, della quale ha appena deciso di disfarsi.

Nymphomaniac recensione
Shia LaBeouf e Stacy Martin

Nymphomaniac è l’apice assoluto, e allo stesso tempo la sintesi, di tutto il cinema di Lars von Trier. Chi lo apprezza, adorerà questo film. Chi non lo apprezza, lo schiferà. Tutte le cifre stilistiche dell’autore danese sono concentrate in quest’opera monumentale: la protagonista femminile, l’uso della camera a mano, un’attenzione alla sessualità umana tanto ricorrente quanto glaciale, un senso dell’umorismo esasperatamente cinico, le citazioni ad altri film di Tarkovskij o dello stesso Trier, le disquisizioni filosofiche ed euristiche. Tutti i volti ricorrenti della sua filmografia – oltre alla Gainsbourg e a Skarsgård, ritroviamo anche Udo Kier, Willem Dafoe, – interpretano personaggi più o meno importanti del film, con le preziose new entry di Uma Thurman, che ritornerà nel successivo La casa di Jack (2018), di Shia LaBeouf e di Mia Goth. Diviso in otto capitoli, il film è un folle mosaico di ricordi e situazioni, un’opera-cattedrale che non teme di confrontarsi direttamente con La Ricerca di Proust.

Troppa importanza e’ stata data, sia dal pubblico che dagli addetti al marketing, a quanto “scandaloso” fosse Nymphomaniac e al suo essere un “porno d’autore”. Questa è stata una mossa commerciale che ha permesso al film di avere un relativo successo commerciale, ma ha distolto molto l’attenzione dalla sua a mio parere elevatissima qualità artistica; e benché Lars von Trier sia stato a più riprese accusato di essere misogino, Joe è un personaggio femminile di altissima fattura, con alcuni afflati marcatamente femministi.

Mia Goth in Nymphomaniac
Mia Goth in Nymphomaniac

Sophie Kennedy Clark e Stacy Martin
Sophie Kennedy Clark e Stacy Martin

Fra le scene più indimenticabili e potenti del film non possiamo non citare quella in cui Joe, costretta a partecipare a una terapia di gruppo per donne ninfomani, si ribella e lascia la stanza sbandierando la sua indipendenza mentre accusa le altre di avere soltanto bisogno di un “c*zzo che le riempia”; la sequenza della morte del padre; la scena in cui Joe si pratica un aborto da sola, sul tavolo della cucina, che ha causato lo svenimento di diversi spettatori – tutti uomini – alla premiere danese del film; la visione mistica che accompagna il suo primo orgasmo, da preadolescente, che Seligman “de-simbolizza” nella contrapposizione fra Chiesa d’Oriente e Chiesa d’Occidente.

A differenza di Melancholia, Nymphomaniac decisamente non è il film più adatto per iniziare a conoscere la filmografia di Trier; tuttavia, a parere di chi scrive, Nymphomaniac è il miglior film degli ultimi vent’anni, se non addirittura uno dei migliori film di sempre, un’opera d’arte totale che sa unire il sacro all’osceno, la narrazione alla filosofia, il cinema alla vita, la disperazione e il nichilismo più totali alla purezza espressiva e formale – complice anche la fotografia di Manuel Alberto Claro – più splendida, la depressione e le problematiche psichiche di un artista ad una concezione tragica e universale del raccontare.

Ludovico

Sintesi

Nymphomaniac è il miglior film degli ultimi vent’anni, se non addirittura uno dei migliori film di sempre, un’opera d’arte totale che sa unire il sacro all’osceno, la narrazione alla filosofia, il cinema alla vita, la disperazione e il nichilismo più totali alla purezza espressiva e formale - complice anche la fotografia di Manuel Alberto Claro - più splendida, la depressione e le problematiche psichiche di un artista ad una concezione tragica e universale del raccontare.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...