Sundown

Sundown recensione film di Michel Franco con Tim Roth e Charlotte Gainsbourg [Venezia 78]

Sundown racconta la storia di Neil Bennet e le contraddizioni di un Messico bellissimo ma ostaggio di una terribile violenza: la recensione

Sundown recensione film di Michel Franco con Tim Roth, Charlotte Gainsbourg, Iazua Larios, Henry Goodman e Albertine Kotting McMillan a Venezia 78

Il sole di Acapulco sembra avere un’incredibile magnetismo e un’oscuro potere in Sundown, il film con cui Michel Franco ritorna al Lido dopo Nuevo Orden. La gente si assiepa sulle spiagge dell’iconica località messicana per avvicinarcisi il più possibile, scolando birre e  mangiando pesce di ogni tipo. Capita anche di morire, freddati da criminali arrivati dal mare a bordo delle moto d’acqua, ma rimane il luogo perfetto dove fuggire dalla vita, dove sopravvivere senza troppi patemi d’animo.

E’ quello che fa Neil (Tim Roth) non appena la notizia della morte della madre lo raggiunge durante una lussuosa vacanza in Messico con la sorella (Charlotte Gainsbourg) e i nipoti. Dovrebbe tornare con loro a Londra in fretta e furia, ma finge di perdere il passaporto e affitta una stanza in un hotel malfamato per tornare a oziare sulla spiaggia. Lascia tutto e tutti, compie un distacco netto e disinvolto dalla sua vita abbracciando l’inerzia di un luogo sospeso tra il sole e il mare.

Sundown recensione film di Michel Franco con Tim Roth e Charlotte Gainsbourg
Tim Roth (Credits: Teorema)

Charlotte Gainsbourg e Tim Roth
Charlotte Gainsbourg e Tim Roth (Credits: Teorema)

Non si tratta di un salto nel buio, non c’è una rivoluzione personale. Il personaggio che ci viene presentato all’inizio del film rimane pressoché identico a quello che rimane in scena fino all’ultimo, con l’aggiunta progressiva e parsimoniosa di dettagli su tutto quello con cui non vuole avere nulla a che fare. La realtà viene ingannata e rallentata con l’amore di Berenice (Iazua Larios) e la rinuncia a un’immensa fortuna familiare ma, come successo con il film di Paul Schrader anch’esso in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, il caos vitale non esenta nessuno dal pagare dazio.

Il regista messicano è interessato a raccontare non solo una storia ma un territorio contraddittorio, lasciando che quest’ultimo le conferisca un’impronta unica. Il singhiozzo comunicativo dei personaggi, l’indolenza e l’apatia del protagonista sono illuminati dal sole in maniera incessante e impietosa, rivelando le imperfezioni di un’area in preda alla violenza. Il tramonto che il titolo prospetta sembra essere quello che incombe inevitabilmente sulla luce più intensa e duratura: nessuna dura per sempre. Prima o poi bisogna fare i conti con le tenebre, dentro e fuori di noi.

Tim Roth in Sundown
Tim Roth in Sundown (Credits: Teorema)

Iazua Larios e Tim Roth
Iazua Larios e Tim Roth (Credits: Teorema)

Sintesi

Con Sundown Michel Franco è interessato a raccontare non solo una storia ma un territorio contraddittorio, lasciando che quest'ultimo le conferisca un'impronta unica. Il singhiozzo comunicativo dei personaggi, l'indolenza e l'apatia del protagonista sono illuminati dal sole in maniera incessante e impietosa, rivelando le imperfezioni di un'area in preda alla violenza.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli