L'uomo del labirinto

L’uomo del labirinto recensione

Il 30 ottobre arriva in sala L’uomo del labirinto, un noir senza via d’uscita con Toni Servillo, Dustin Hoffman, Vinicio Marchioni e un’impeccabile Valentina Bellè

L’uomo del labirinto recensione del film di Donato Carrisi con Toni Servillo, Dustin Hoffman, Valentina Bellè, Vinicio Marchioni e Caterina Shulha

L’adattamento cinematografico di un romanzo – L’uomo del labirinto è un libro* del 2017 scritto da Donato Carrisi – è ormai un cliché, che sia una necessità artistica o un modo per sfruttare fino all’ultimo minuto il successo economico di qualcosa, ha sempre scatenato nel lettore / spettatore diverse reazioni, la più comune è “Ah ma è troppo diverso dal libro”.

E menomale. L’adattamento è un processo complicato ma significa che una storia deve adattarsi a un mezzo diverso e non essere una sua copia. Donato Carrisi, uomo di televisione e scrittore, scrive un libro come se fosse già una sceneggiatura, immaginando la storia sul grande schermo.

Dustin Hoffman e Toni Servillo
Il Dottor Green (Dustin Hoffman) e Bruno Genko (Toni Servillo) in una scena de L’uomo del labirinto

L’uomo del labirinto ha il limite di sembrare proprio un libro sullo schermo, con troppi dettagli che un lettore non farebbe caso ma che uno spettatore non può non notare e per i quali ovviamente si aspetta una spiegazione.

L’uomo del labirinto invece spiegazioni ne dà poche, ma è proprio questo il bello: esci dalla sala con un senso di insoddisfazione e inquietudine che non ti fa smettere di pensare alla trama così intrecciata e speculare. Sei fuori ma sei ancora dentro a provare, invano, a rimettere insieme i pezzi.

È questo ciò che rende un bel film L’uomo del labirinto, la capacità di catturarti anche oltre la durata del film e di tenerti con la mente incollata allo schermo senza la possibilità di distrarti nemmeno per guardare l’orario sul cellulare, e al giorno d’oggi è un vero lusso.

Valentia Bellè e Dustin Hoffman
Valentia Bellè e Dustin Hoffman

Donato Carrisi dissemina un’infinità indizi e simbologie al punto da non renderci conto se effettivamente tutto ha un secondo significato, oppure no.

L’uomo del labirinto non è ambientato in Svizzera né in un hotel, ma è comunque in un non-luogo ma anche un non-tempo.

Molto simile ad un immaginario distopico, ci troviamo di fronte ad una città che sembra vecchia ma vedendola dai finestrini delle auto somiglia ad un sobborgo di Tokyo nel 2030. I nomi dei personaggi sono sia italiani che inglesi, i costumi sono datati, come anche gli apparecchi elettronici, eppure l’unico personaggio ad avere un iPhone e un MacBook è Bruno Genko (Toni Servillo), come se fosse l’unico più avanti degli altri.

L’uomo del labirinto recensione
Toni Servillo interpreta Bruno Genko

Bunny ne L'uomo del labirinto
Bunny ne L’uomo del labirinto

Samanta Andretti (Valentina Bellè) viene ritrovata dopo 15 anni chiusa in un labirinto costretta a giocare con il suo rapitore pur di sopravvivere, sarà interrogata da un profiler (Dustin Hoffman) che cerca, attraverso la psicologia, di trovare il criminale. Contemporaneamente Bruno Genko, investigatore privato che però si occupa di recupero crediti, svolgerà un’indagine diversa ma altrettanto inquietante.

Genko ha una cover con gli unicorni e beve vodka accompagnata da un bicchiere di latte. Latte bianco e puro come lo è lui e come lo sono i coniglietti, ma non Bunny; fondamentale è anche la simbologia dello specchio, che segna il tempo che passa e mostra significati nascosti; e poi c’è il numero 23, che viene disseminato per tutto il film.

La forza del film sta nel suo intreccio: un labirinto dove Carrisi ci fa entrare senza effettivamente trovare una via d’uscita. Ci mostra degli indizi ma che non spiega e fa in mondo di dubitare di tutti i personaggi, compresi noi stessi.

*In qualità di Affiliato Amazon MadMass.it riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

L'uomo del labirinto: locandina
L’uomo del labirinto: locandina

Sintesi

Donato Carrisi porta L'uomo del labirinto dalle pagine del libro al grande schermo cinematografico. Un adattamento difficile per la grande quantità di indizi e simbologie che la narrazione racchiude ma che alla fine riesce a tenere lo spettatore inchiodato alla poltrona diventando lui stesso parte dell'indagine. Un noir avvincente che però ogni tanto si perde nei dettagli.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...