L'uomo del labirinto

L’uomo del labirinto recensione

Il 30 ottobre arriva in sala L’uomo del labirinto, un noir senza via d’uscita con Toni Servillo, Dustin Hoffman, Vinicio Marchioni e un’impeccabile Valentina Bellè

L’uomo del labirinto recensione del film di Donato Carrisi con Toni Servillo, Dustin Hoffman, Valentina Bellè, Vinicio Marchioni e Caterina Shulha

L’adattamento cinematografico di un romanzo – L’uomo del labirinto è un libro* del 2017 scritto da Donato Carrisi – è ormai un cliché, che sia una necessità artistica o un modo per sfruttare fino all’ultimo minuto il successo economico di qualcosa, ha sempre scatenato nel lettore / spettatore diverse reazioni, la più comune è “Ah ma è troppo diverso dal libro”.

E menomale. L’adattamento è un processo complicato ma significa che una storia deve adattarsi a un mezzo diverso e non essere una sua copia. Donato Carrisi, uomo di televisione e scrittore, scrive un libro come se fosse già una sceneggiatura, immaginando la storia sul grande schermo.

Dustin Hoffman e Toni Servillo
Il Dottor Green (Dustin Hoffman) e Bruno Genko (Toni Servillo) in una scena de L’uomo del labirinto

L’uomo del labirinto ha il limite di sembrare proprio un libro sullo schermo, con troppi dettagli che un lettore non farebbe caso ma che uno spettatore non può non notare e per i quali ovviamente si aspetta una spiegazione.

L’uomo del labirinto invece spiegazioni ne dà poche, ma è proprio questo il bello: esci dalla sala con un senso di insoddisfazione e inquietudine che non ti fa smettere di pensare alla trama così intrecciata e speculare. Sei fuori ma sei ancora dentro a provare, invano, a rimettere insieme i pezzi.

È questo ciò che rende un bel film L’uomo del labirinto, la capacità di catturarti anche oltre la durata del film e di tenerti con la mente incollata allo schermo senza la possibilità di distrarti nemmeno per guardare l’orario sul cellulare, e al giorno d’oggi è un vero lusso.

Valentia Bellè e Dustin Hoffman
Valentia Bellè e Dustin Hoffman

Donato Carrisi dissemina un’infinità indizi e simbologie al punto da non renderci conto se effettivamente tutto ha un secondo significato, oppure no.

L’uomo del labirinto non è ambientato in Svizzera né in un hotel, ma è comunque in un non-luogo ma anche un non-tempo.

Molto simile ad un immaginario distopico, ci troviamo di fronte ad una città che sembra vecchia ma vedendola dai finestrini delle auto somiglia ad un sobborgo di Tokyo nel 2030. I nomi dei personaggi sono sia italiani che inglesi, i costumi sono datati, come anche gli apparecchi elettronici, eppure l’unico personaggio ad avere un iPhone e un MacBook è Bruno Genko (Toni Servillo), come se fosse l’unico più avanti degli altri.

L’uomo del labirinto recensione
Toni Servillo interpreta Bruno Genko

Bunny ne L'uomo del labirinto
Bunny ne L’uomo del labirinto

Samanta Andretti (Valentina Bellè) viene ritrovata dopo 15 anni chiusa in un labirinto costretta a giocare con il suo rapitore pur di sopravvivere, sarà interrogata da un profiler (Dustin Hoffman) che cerca, attraverso la psicologia, di trovare il criminale. Contemporaneamente Bruno Genko, investigatore privato che però si occupa di recupero crediti, svolgerà un’indagine diversa ma altrettanto inquietante.

Genko ha una cover con gli unicorni e beve vodka accompagnata da un bicchiere di latte. Latte bianco e puro come lo è lui e come lo sono i coniglietti, ma non Bunny; fondamentale è anche la simbologia dello specchio, che segna il tempo che passa e mostra significati nascosti; e poi c’è il numero 23, che viene disseminato per tutto il film.

La forza del film sta nel suo intreccio: un labirinto dove Carrisi ci fa entrare senza effettivamente trovare una via d’uscita. Ci mostra degli indizi ma che non spiega e fa in mondo di dubitare di tutti i personaggi, compresi noi stessi.

*In qualità di Affiliato Amazon MadMass.it riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

L'uomo del labirinto: locandina
L’uomo del labirinto: locandina

Sintesi

Donato Carrisi porta L'uomo del labirinto dalle pagine del libro al grande schermo cinematografico. Un adattamento difficile per la grande quantità di indizi e simbologie che la narrazione racchiude ma che alla fine riesce a tenere lo spettatore inchiodato alla poltrona diventando lui stesso parte dell'indagine. Un noir avvincente che però ogni tanto si perde nei dettagli.

Articoli Correlati

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Curon Netflix recensione serie TV [Anteprima]

Curon: recensione serie TV Netflix con Valeria Bilello, Luca Lionello, Federico Russo, Margherita Morchio, Alessandro Tedeschi e Juju Di Domenico Dentro di noi vivono due lupi: uno...

I cinque migliori film sul razzismo [Throwback Thursday]

Il tema del razzismo è molto presente nel cinema. In tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, ripercorriamo insieme i migliori film sul razzismo È...

Curon: il trailer della serie TV Netflix in attesa della recensione

Curon: in attesa della recensione in anteprima, vi mostriamo il trailer della serie TV italiana Netflix disponibile dal 10 giugno in streaming Nei prossimi giorni...

Sandman: la serie TV sta arrivando su Netflix!

Sandman di Neil Gaiman, una delle migliori saghe a fumetti mai stampata, sta finalmente arrivando su Netflix Neil Gaiman, autore di American Gods e Good...

L’immensità della notte – The Vast of Night: gli Easter Egg del film su Prime Video

L'immensità della notte - The Vast of Night, opera prima di Andrew Patterson con Sierra McCormick e Jake Horowitz, disponibile su Amazon Prime Video L'immensità...

Snowpiercer Netflix recensione prima stagione completa serie TV Episodi 6-10

Snowpiercer Netflix: recensione serie TV con Jennifer Connelly, Daveed Diggs, Mickey Sumner, Iddo Goldberg, Alison Wright, Sheila Vand e Lena Hall Keep the faith, and you...

The 100 recensione stagione 7 episodio 2 7×2 Il giardino

The 100 recensione 7x2 episodio 2 stagione 7 Il giardino - The Garden con Eliza Taylor, Bob Morley, Marie Avgeropoulos e Shelby Flannery Prosegue...

The 100: perché vedere la serie TV di fantascienza su Netflix

The 100: perché vale la pena vedere la serie TV di Jason Rothenberg basata sui romanzi di Kass Morgan con Eliza Taylor e Bob...

Snowpiercer, il treno della vita: il film di Bong Joon-ho prima della serie Netflix [Throwback Thursday]

In occasione dell'uscita della serie TV Netflix ricordiamo Snowpiercer, il film di fantascienza post-apocalittica di Bong Joon-ho che ci ricorda che non siamo tutti uguali Il...

Giffoni Film Festival presenta la 50esima edizione: ospiti, date e programma 2020

Giffoni Film Festival ritorna dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020 e dal 26 al 30 dicembre 2020: ospiti e programma...