Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta recensione film con Harrison Ford

Il richiamo della foresta recensione film di Chris Sanders con Harrison Ford, Omar Sy, Karen Gillan, Dan Stevens e Bradley Whitford

Tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore statunitense Jack London, Il richiamo della foresta (The Call of the Wild) diretto da Chris Sanders, è l’ultimo dei numerosi adattamenti cinematografici dell’opera, tra i quali spicca quello diretto da William A. Wellman nel 1935 con Clark Gable e Loretta Young.

Chris Sanders gira il suo primo film live action dopo essere stato regista di Lilo & Stitch, Dragon Trainer (co-diretti con Dean DeBlois) e I Croods. È stato inoltre head storyboard per i Walt Disney Animation Studios e character designer per La Bella e la Bestia, Aladdin, Il Re Leone e Mulan. La distribuzione internazionale del film, originariamente prevista per il 25 dicembre 2019, è stata rimandata al 20 febbraio 2020 a causa dell’acquisizione di 20th Century Fox da parte di Disney.

Impossibile non conoscere il romanzo di Jack London: Buck, un cane addomesticato che vive lussuosamente a Santa Clara, in California, viene rapito e venduto come cane da slitta in Alaska. Dopo varie disavventure, incontra John Thornton, uomo solo e sofferente a causa della morte del figlio gravemente malato. I due partiranno insieme alla scoperta della selvaggia natura incontaminata del Nord America e del proprio posto nel mondo.

Harrison Ford è John Thornton
Harrison Ford è John Thornton

Harrison Ford e Buck
Harrison Ford e Buck

A metà tra Balto e 8 amici da salvare, almeno nelle intenzioni, e tra l’animazione in CGI e il live action, Il richiamo della foresta si presenta come un sottoprodotto disneyano d’avventura incapace di convincere davvero.
La compenetrazione tra recitazione e animazione 3D, sulla carta potenzialmente molto interessante, appare fin dai primi minuti della pellicola una grande criticità. Buck è animato egregiamente s’intende, così come tutti gli altri animali digitali, ma il comparto d’animazione pecca di presunzione e il tentativo di iperrealismo si infrange rovinosamente quando lo si accosta alla realtà stessa. La magia si dissolve, un po’ come le ali di Icaro in prossimità del sole. Gli animali infatti, caricati di espressioni facciali emotive tipicamente umane, perdono la loro natura originaria diventando fantocci posticci; creature digitali dagli occhi vitrei, sebbene sapientemente modellate.

Deludente anche il cast artistico. Omar Sy (Quasi amici) e Harrison Ford escono con le ossa rotte da questo “esperimento”, un film che ruota tutt’intorno alle animazioni e relega attori di un certo calibro al ruolo di figurazioni. Entrambi, in momenti diversi del film, tentano timidamente di portare avanti la narrazione attraverso dialoghi privi di spessore; soliloqui che si perdono a mezz’aria e dai quali traspare tutta la difficoltà di dover recitare a lungo e soli di fronte ad un green screen.

Omar Sy e Buck
Omar Sy e Buck

Il richiamo della foresta recensione
Il richiamo della foresta tratto dal romanzo di Jack London

Il personaggio di Buck attinge un po’ da Beethoven, un po’ da Lessie, un po’ dai supereroi Marvel, tant’è che lo si vede compiere azioni straordinarie al limite del surreale. La caratterizzazione scelta vuole divertire, suscitare fiducia e infondere coraggio. Vuole dipingere un eroe senza macchia capace di vincere ogni limite e avversità; una guida sia per i suoi simili che per gli esseri umani.

Tale sforzo lo si apprezza volentieri, soprattutto se si pensa che il film è destinato prevalentemente ad un pubblico di bambini che di certo saprà attingere dalla bontà e dalla saggezza del protagonista.
Lo spettatore non più adolescente invece, emancipato dal concetto manicheo del bene e del male, del bello e del brutto, potrebbe trovare la pellicola eccessivamente semplicistica e priva di scopo, per una grande storia che forse non aveva bisogno di essere così raccontata.

Samuele

Sintesi

La compenetrazione tra recitazione live action e animazione 3D vede il tentativo di iperrealismo de Il richiamo della foresta infrangersi rovinosamente contro la realtà stessa di creature animali che, seppur sapientemente modellate, diventano fantocci posticci dagli occhi vitrei e dalle espressioni facciali emotive tipicamente umane. Se i bambini sapranno attingere dalla bontà e dalla saggezza di Buck, viceversa per gli adulti la magia di questa grande storia si dissolverà.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...

Cinema News del 18 gennaio [Rassegna Stampa]

Jane in Love Il secondo film di Michele Vannucci La storia di Laila Bertheussen Flack Il trailer di Fear of Rain Brevissime Cinema News...

WandaVision recensione serie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany [Disney+]

WandaVision recensione serie TV Disney+ diretta da Jac Shaeffer con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings, Randall Park, Debra Jo Rupp...

Cinema News del 17 gennaio [Rassegna Stampa]

Heart of Stone con Gal Gadot su Netflix The Tragedy of Macbeth di Joel Coen con Denzel Washington e Frances McDormand Mortal Kombat:...

L’eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett [Anteprima]

L'eredità della vipera recensione film di Anthony Jerjen con Josh Hartnett, Margarita Levieva, Owen Teague, Bruce Dern, Tara Buck e Chandler Riggs Nessuno può prevedere...

Cinema News del 16 gennaio [Rassegna Stampa]

Cinema italiani chiusi fino al 5 marzo 2021 Bong Joon-ho presidente di Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia The Last Of Us:...

Fuori orario recensione film di Martin Scorsese con Griffin Dunne [Flashback Friday]

Fuori orario recensione del film di Martin Scorsese con Griffin Dunne, Rosanna Arquette, Linda Fiorentino, Teri Garr, John Heard, Will Patton e Rocco Sisto Nonostante...