Il meglio deve ancora venire

Il meglio deve ancora venire recensione film con Fabrice Luchini e Patrick Bruel [Anteprima]

Il meglio deve ancora venire recensione film di Matthieu Delaporte e Alexandre De La Patellière con Fabrice Luchini, Patrick Bruel, Zineb Triki, Pascale Arbillot, Marie Narbonne e Jean-Marie Winling

“Tu m’as laissé la terre entière, mais la terre sans toi c’est petit”, “Tu mi hai lasciato il mondo intero, ma il mondo senza te è piccolo”: così recita il testo della canzone Et Maintenant di Gilbert Bécaud, perfetta introduzione al film Il meglio deve ancora venire.
Per la regia del duo formato da Alexandre De La Patellière e Matthieu Delaporte, solido dopo aver già collaborato in Cena tra amici e Mamma o papà?, il film francese è stato presentato al pubblico già nel 2019, durante la Festa del Cinema di Roma, e uscirà nelle sale italiane il 17 settembre 2020.

Fabriche Luchini e Patrick Bruel, anche loro duo consolidato con il film del 1985 Profs, interpretano rispettivamente Arthur e César. Arthur è un insegnante e ricercatore che, nonostante siano passati già cinque anni dal divorzio, crede ancora di poter avere un futuro con la sua ex moglie; César, in una relazione con una donna più giovane e di recente rimasto nullatenente, vive la vita “come se non ci fosse un domani”. Amici da quando si sono conosciuti, ragazzini, in collegio, Arthur e César sono ben consapevoli del fatto che la loro amicizia, non fosse nata in quella circostanza particolare, difficilmente sarebbe sbocciata, perché sono agli antipodi, e in comune hanno solo l’affetto che provano l’uno per l’altro. Ai fan di Good Omens, il romanzo di Terry Pratchett e Neil Gaiman poi serie televisiva diretta da Douglas Mackinnon, Arthur e César potranno ricordare i protagonisti Aziraphale e Crowley.

Fabrice Luchini e Patrick Bruel
Fabrice Luchini e Patrick Bruel

Zineb Triki e Fabrice Luchini,
Zineb Triki e Fabrice Luchini,

Commedia “alla francese” che si trova nel perfetto punto di incontro tra film drammatico e commedia a tutti gli effetti, Il meglio deve ancora venire non è un film perfetto nel contenuto né nella scrittura. La trama, di per sé, non è del tutto originale: quando scopre che César ha un cancro ai polmoni, in stadio avanzato, Arthur è consapevole di doverglielo dire, ma diverse circostanze, oltre alla consapevolezza di quanto il sapere possa portare a un’immensa tristezza, lo portano a tacere e ad assecondare un’incomprensione in un climax che, purtroppo, non esplode mai davvero.

La scena della rivelazione risulta insoddisfacente per la scelta registica di privare dell’audio lo sfogo di Arthur. Se la scelta, dal punto di vista della narrativa, è comprensibile perché lo spettatore avrebbe dovuto ascoltare, per l’ennesima volta, la storia dal punto di inizio – il motivo dell’incomprensione e il motivo del tacere di Arthur – al tempo stesso la soluzione narrativa adottata lascia lo spettatore con l’amaro in bocca e il film incompleto.

Fabrice Luchini, Patrick Bruel e Zineb Triki
Fabrice Luchini, Patrick Bruel e Zineb Triki

Il meglio deve ancora venire recensione film
Matthieu Delaporte e Alexandre De La Patellière

Nonostante alcune debolezze Il meglio deve ancora venire è frizzante, gradevole, in alcune sequenze commovente. L’esecuzione da parte dei due attori, in particolare di Luchini, è magistrale; l’amicizia tra i due personaggi è scritta in modo realistico; sono incredibilmente umane la confusione, il dolore, il senso di tradimento che la malattia porta con sé. Malattia che non viene romanticizzata e vista sotto la luce del bello come è stato maldestramente fatto in opere, con un target giovanile e solo per citarne di recenti, come Colpa delle stelle o Io prima di te.

Il potenziale dell’opera di Matthieu Delaporte e Alexandre De La Patellière non è del tutto espresso, ma, grazie alla capacità degli attori e all’utilizzo delle sottotrame, coinvolge ed emoziona lo spettatore, destinato a lasciare la sala come se avesse appena salutato due amici di vecchia data.

Sintesi

Il meglio deve ancora venire è un'opera frizzante, gradevole, commovente che rappresenta in modo incredibilmente umano la confusione, il dolore, il senso di tradimento che la malattia porta con sé, impreziosita dalle interpretazioni dei suoi protagonisti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...

The Disaster Artist recensione film di e con James Franco

The Disaster Artist recensione del film diretto e interpretato da James Franco con Dave Franco, Alison Brie e Seth Rogen Nell'ormai lontano 2003, per la promozione del...

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu [TFF 38]

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu, Ciara Renée, Tzi Ma, Fiona Fu e Lynn Chen Fuori Concorso al...