La storia di Peppino Impastato: I cento passi [Throwback Thursday]

Peppino Impastato era un ragazzo che voleva combattere la mafia. La sua morte è rimasta in ombra per troppo tempo, fino all’uscita del film I cento passi. Ricordiamo il film dedicato alla sua vita.

Il 9 maggio 1978 fu un giorno buio per l’Italia: in quel giorno fu ritrovato morto, in via Caetani, Aldo Moro, leader della Democrazia Cristiana.
L’Italia era in subbuglio, ma quel 9 maggio accadde anche altro: fu ritrovato morto il giovane Peppino Impastato, giovane che aveva denunciato le attività di Cosa Nostra numerose volte.
La morte di Peppino è stata oscurata per anni ed in quel 9 maggio era ricordata prevalentemente la morte di Moro.

Per questo, ricordiamo insieme il film I cento passi, pellicola del 2000, diretta da Marco Tullio Giordana; il film è dedicato alla vita ed all’omicidio di Peppino Impastato, morto cercando di salvare la sua terra, la Sicilia, dalla mano della mafia.

Peppino era nato in una famiglia mafiosa, il padre Luigi, infatti, era il capo di un piccolo clan ed amico, peraltro, di Gaetano Badalamenti, il futuro mandante dell’omicidio del figlio.
Per staccarsi dalla sua famiglia, denuncia pubblicamente la presenza della mafia a Cinisi, la sua città natale. Il suo odio per la mafia nasce fin da piccolo, ma è da giovane che inizia a scrivere articoli contro la mafia, che lo rendono malvisto negli ambienti della criminalità.
Peppino apre, poi, Radio Aut, un’emittente radiofonica dalla quale attacca e prende in giro la mafia in prima persona, in primis Badalamenti, denunciando i suoi atti criminali.
Peppino si candida anche alle elezioni comunali, col partito Democrazia Proletaria.
Al funerale del padre, morto nel 1977, rifiuta di stringere la mano a Badalamenti, il che lo mette ulteriormente sotto una cattiva luce.
Nel 1978, due giorni prima del voto, Peppino viene fatto saltare in aria sui binari della ferrovia e la sua morte viene rubricata come “incidente sul lavoro”.

Il titolo prende il nome dal numero di passi di distanza tra la casa della famiglia Impastato e quella del boss mafioso Gaetano Badalamenti.

Un’altra scena da I Cento Passi, di Marco Tullio Giordana

Il film rimette, giustamente, in luce, la morte di Peppino Impastato, la cui morte è stata, per troppo tempo, offuscata.

La pellicola vinse cinque David di Donatello e ricevette una nomination ai Golden Globe come miglior film straniero.

Il film è interpretato da Luigi Lo Cascio nei panni di Peppino Impastato, e da Luigi Maria Burruano, Lucia Sardo, Paolo Briguglia e Claudio Gioè.

I cento passi è un film necessario, che non deve essere considerato solo “un film sulla mafia”. Parliamo di una pellicola sulla forza e sul cambiamento necessario, anche andando contro la proprio famiglia, con cui, però, non si ha voglia di condividere il sangue.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...