Chiara

Chiara recensione film di Susanna Nicchiarelli con Margherita Mazzucco e Andrea Carpenzano [Venezia 79]

Chiara non riesce a svelare le cose più rare nascoste tra la santa e la donna, sembrando più interessata a tenere il punto di vista della regista. La recensione dell'opera di Susanna Nicchiarelli in diretta dalla Mostra del Cinema di Venezia 2022

Chiara recensione film di Susanna Nicchiarelli con Margherita Mazzucco, Andrea Carpenzano, Carlotta Natoli, Paola Tiziana Cruciani e Luigi Lo Cascio

La sguardo di Susanna Nicchiarelli si volge al mondo ecclesiastico e trova in Chiara una figura che merita di essere raccontata. Persona prima che santa cattolica, perché qui non si parla della santa, ma della donna dietro dietro l’icona religiosa. Non dovrebbe esserci velleità spirituale, non si dovrebbe indugiare sulla mistica, mentre prevale il compito di svelare attitudini e dinamiche di un mondo sordo all’esigenza di riconoscere una parità di intenti oltre che di genere.

Chiara (Margherita Mazzucco) vorrebbe svelare “le cose più rare”, quelle che sfuggono ad agiografie e canonizzazioni e si nascondono nella pratica della vita. La regista si serve del lavoro di Chiara Frugoni, storica medievale che ha collaborato al film e a cui è espressamente dedicato, per collocare la santa nella storia e nei dintorni di Assisi e raccontarne la radicalità delle posizioni. Per saldare questo al mistero religioso, la figura di Chiara vive, anzi “subisce un rapporto col divino quasi incidentale che aggiunge mattoncini alla leggenda dell’immaginario ecclesiastico. I miracoli la colpiscono e la rivelano al mondo, ma finiscono per appesantire il vero prodigio di Chiara-donna: la rivoluzione di un mondo che le sta stretto.

Margherita Mazzucco
Margherita Mazzucco (Credits: Emanuela Scarpa/Vivo Film/Tarantula)
Andrea Carpenzano e Margherita Mazzucco
Andrea Carpenzano e Margherita Mazzucco (Credits: Emanuela Scarpa/Vivo Film/Tarantula)

LEGGI ANCORA: Venezia 79, tutte le recensioni in diretta dalla Mostra del Cinema

La consapevolezza politica di una figura capace di inserire una nuova visione della donna nel canone ecclesiastico si disperde nel tentativo di far conciliare il sacro e il profano e renderli impari protagonisti. Il volgare scelto come lingua è solo un contesto che non si trasforma in un approccio storico alla spiritualità. Meglio insistere sulla natura dei miracoli come marketing canonico – la guarigione del bambino – e sulle azioni diventate volgata popolare per esprimerne i contenuti rivoluzionari.

Il problema di Chiara è aver incontrato la vena creativa di Susanna Nicchiarelli nel suo terzo atto. La contemporaneità che la regista italiana ha donato alle storie confluite in  Nico, 1988 e Miss Marx con entusiasmo si mostra qui strumentale a un disegno intellettuale che non abbandona il faldone della sceneggiatura. Tenuta a dimostrare il suo potenziale, finisce per perdersi nell’onere di concludere un’involontaria trilogia sulla donna.

Margherita Mazzucco
Margherita Mazzucco (Credits: Emanuela Scarpa/Vivo Film/Tarantula)

Sintesi

La sguardo di Susanna Nicchiarelli si volge al mondo ecclesiastico e trova in Chiara una figura che merita di essere raccontata, mettendo al centro la donna prima dell'icona religiosa. Un tentativo non perfettamente riuscito, visto che il film tenuto a dimostrare il suo potenziale, finisce per perdersi nell'onere di concludere un'involontaria trilogia sulla donna.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Chiara recensione film di Susanna Nicchiarelli con Margherita Mazzucco e Andrea Carpenzano [Venezia 79]La sguardo di Susanna Nicchiarelli si volge al mondo ecclesiastico e trova in Chiara una figura che merita di essere raccontata, mettendo al centro la donna prima dell'icona religiosa. Un tentativo non perfettamente riuscito, visto che il film tenuto a dimostrare il suo potenziale, finisce per perdersi nell'onere di concludere un'involontaria trilogia sulla donna.