Miss Marx

Miss Marx recensione film di Susanna Nicchiarelli [Venezia 77]

Miss Marx recensione film di Susanna Nicchiarelli con Romola Garai, Patrick Kennedy, John Gordon Sinclair, Felicity MontaguKarina Fernandez

Dopo Cosmonauta e Nico, 1988 Susanna Nicchiarelli torna a Venezia, questa volta con un film in concorso. Si tratta di Miss Marx, il ritratto appassionato e originale della figlia minore di Karl Marx che sarà al cinema a partire dal 17 settembre con 01 Distribution.

Romola Garai è Eleanor Marx, una giovane donna ribelle e determinata, forte delle sue idee. Per gran parte della sua (breve) vita si batte per i diritti dei lavoratori, per lo sfruttamento minorile e per le donne, ricordando gli insegnamenti e le convinzioni di un padre politicamente e socialmente imponente nel corso della storia. Nei vari flashback che ci mostrano Eleanor bambina appare chiaro che lei sia stata la preferita di Marx e si nota fin da subito il suo amore per la letteratura e la sua personalità carismatica e ambiziosa.

Patrick Kennedy e Romola Garai
Patrick Kennedy e Romola Garai

Miss Marx recensione film di Susanna Nicchiarelli
Miss Marx di Susanna Nicchiarelli

Tuttavia, quando incontra Edward Alling, interpretato nel film da Patrick Kennedy, l’amore entra nella sua vita. L’uomo è un attivista con cui Eleanor condivide la sua passione politica. I due sembrano estremamente complici all’inizio, in viaggio per il mondo, divisi tra dovere e piacere, ma in seguito le innumerevoli bugie di Edward, insieme alla sua malattia, rompono l’equilibrio portando la donna al suicidio a soli 43 anni.

Susanna Nicchiarelli racconta la vita di questa protagonista femminile forte, dall’animo rivoluzionario, muovendosi con intelligenza e rispetto tra la dimensione privata e pubblica del personaggio con una cura estrema degli ambienti. Il suo ritratto di Eleanor Marx tra modernità e classicismo ricorda l’esperimento di Sofia Coppola con Maria Antonietta. In primis per la scelta della colonna sonora dirompente con un rock urlato e contaminazioni punk in contrasto con il periodo storico in cui è ambientato il film. Fotografie d’epoca che si animano in un montaggio con immagini della storia contemporanea testimoniano l’attualità dei temi affrontati che, a distanza di un secolo, sembrano ancora far parte della società.

Romola Garai è Eleanor Marx
Romola Garai è Eleanor Marx

La regista Susanna Nicchiarelli
La regista Susanna Nicchiarelli

Miss Marx è un film con un ritmo sostenuto che permette di conoscere una figura interessante della storia, ma Nicchiarelli non si limita a un biopic tradizionale e rende la narrazione dinamica e intrigante con al centro una eroina forte e fragile allo stesso tempo. Il rapporto con il suo compagno e la sua attività all’interno del partito sono il motore principale della sceneggiatura che però, ogni tanto, si lascia andare con idee originali come la rottura della quarta parete con Eleanor che parla direttamente al pubblico guardando in macchina, incoraggiando una ulteriore immedesimazione.

La sua condanna del capitalismo e il suo fervore per la tutela della classe operaia e l’uguaglianza uomo-donna nel mondo del lavoro, sembrano lontani anni luce dalla sua scelta di farla finita il 31 marzo 1898. Eppure quel giorno – come si legge in una sua biografia – Eleanor Marx ha mandato la cameriera in farmacia per comprare del cloroformio e una piccola quantità di acido cianidrico per il cane e, una volta ricevuto il pacchetto, ha scritto due biglietti, si è messa a letto e si è avvelenata, ponendo fine per sempre alla sua lotta.

Sintesi

Ritratto appassionato e originale della figlia minore di Karl Marx tra modernità e classicismo, Miss Marx si muove con intelligenza e rispetto tra la dimensione privata e pubblica del personaggio con una cura estrema degli ambienti. Susanna Nicchiarelli va oltre il biopic tradizionale rendendo la narrazione dinamica e intrigante attraverso una colonna sonora dirompente e un montaggio con immagini della storia contemporanea che testimoniano l’attualità dei temi affrontati.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli