Godzilla vs. Kong

Godzilla vs. Kong recensione film di Adam Wingard con Rebecca Hall Millie Bobby Brown [PVOD Anteprima]

Godzilla vs. Kong è disponibile in esclusiva digitale dal 6 maggio sulle principali piattaforme come Amazon Prime Video, Sky Primafila ed Apple TV. La recensione in anteprima

Godzilla vs. Kong recensione film di Adam Wingard con Rebecca Hall, Millie Bobby Brown, Alexander Skarsgård, Brian Tyree Henry e Eiza González

Kong non si inchina a nessuno.
(Rebecca Hall in Godzilla vs. Kong)

Quanto e più di Tenet, Godzilla vs. Kong ha simboleggiato la rinascita delle sale cinematografiche nel mercato più importante al mondo e la riappropriazione da parte degli appassionati delle proprie passioni ed abitudini di consumo, restituendo alla sala la sua essenza e nobiltà come luogo di usufruizione del cinema e la sua funzione sociale come luogo di aggregazione e condivisione.

La presenza di due icone leggendarie del cinema dei mostri amatissime nella cultura popolare come Godzilla e Kong ha fortemente contribuito ad attrarre lo spettatore nel rivivere lo stupore e il tripudio delle immagini nel buio della sala: al resto ha pensato una pellicola visivamente spaventosa che al motto squadra che vince non si cambia ripropone l’accoppiata agli effetti speciali e alle musiche di Zack Snyder’s Justice League, rispettivamente John DesJardin e Tom Holkenborg alias Junkie XL.

Kong a Skull Island
Kong a Skull Island (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Rebecca Hall, Alexander Skarsgård e Kaylee Hottle
Rebecca Hall, Alexander Skarsgård e Kaylee Hottle (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Le creature, come le persone, possono cambiare.
(Kaylee Hottle in Godzilla vs. Kong)

La mitologia della rivalità al centro dello scontro tra i due titani alfa che si sfidano per la supremazia e l’onore mentre l’uomo trama per ritornare all’apice della catena alimentare: l’esile sceneggiatura di Eric Pearson e Max Borenstein non si affanna nel dare spiegazioni sulla smisurata crescita di Kong che adesso eguaglia Godzilla in statura o sulle vicende occorse nei tre anni di assenza di quest’ultimo, o di raccontarci la backstory della piccola protagonista Jia, l’esordiente Kaylee Hottle, tagliando corto nella narrazione umana degli eventi, dal viaggio di Kong verso l’Antartide al rintracciamento immediato dell’irrintracciabile podcaster complottista infiltrato nella APEX Cybernetics Bernie (Brian Tyree Henry) da parte di Madison (Millie Bobby Brown) e Josh (Julian Dennison).

In attesa che possa avverare il suo sogno rappresentato da film live action per soli mostri senza attori in carne ed ossa, il cinema appassionato di Adam Wingard si mostra devoto all’intrattenimento genuino ed ingenuo senza troppo sfaccettature, non riuscendo ad aggiungere layer emotivi attraverso la componente umana o immaginaria, privo delle note emozionali di altri virtuosi dei grandi set del cinema d’azione ricco di effetti speciali visivi come Michael Bay o lo stesso Gareth Edwards che con il primo capitolo del MonsterVerse, Godzilla del 2014, aveva stupito conquistando poi la regia dell’altrettanto apprezzato Rogue One: A Star Wars Story, considerata la migliore opera recente dell’universo Star Wars.

Godzilla vs. Kong recensione film di Adam Wingard
Godzilla in azione (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Alexander Skarsgård
Alexander Skarsgård (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Godzilla non è il nemico.
(Kyle Chandler in Godzilla vs. Kong)

Wingard ricerca con ammirevole passione l’espressività nei suoi mostri avvicinandosi alla visuale dei monster movie giapponesi, a suon di primi piani e combattendo persino con TOHO pur di regalare a Godzilla delle espressioni umane compreso un breve ma percettibile ghigno di soddisfazione, riducendo le componenti umane e narrative ai minimi termini per focalizzarsi sull’intensità delle scene d’azione, visivamente sorprendenti, tripudio di effetti speciali goduriosi realizzati da Weta Digital, Scanline VFX, MPC e Luma Pictures, supervisionati come già scritto dall’asso John DesJardin a cui saremo sempre grati per averci restituito Zack Snyder’s Justice League.

Millie Bobby Brown e il regista Adam Wingard
Millie Bobby Brown e il regista Adam Wingard (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Eiza González
Eiza González (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Nell’epica dello scontro che determina chi si inchina a chi, da Skull Island fino al centro della Terra Cava o Hollow Earth passando per i ghiacci dell’Antartide, tra la fonte di energia vitale che alimenta i titani, fenomeni di inversione gravitazionale e i resti di King Ghidorah sfruttati dalla bramosia dell’uomo per dare vita al mostro da incubo Mechagodzilla, poco importa che in pochi istanti campioni energetici unici vengano clonati e Godzilla buchi il pianeta Terra fino alle sue viscere – dove il problema non è solo il come, quanto il perché non venga data rilevanza ad un evento che ci presenta i poteri di Godzilla innalzati a nuovi livelli, in attesa che magari anche al cinema si spinga fino all’Inferno -, il focus rimane sempre e saldamente solo sulle sequenze d’azione del combattimento tra i due mostruosi kaiju, al punto da farcene osservare ed apprezzare punti di forza e di debolezza: la forza delle braccia e l’agilità di Kong, la debolezza degli arti superiori di Godzilla compensati dalle tremende fauci, dalla coda tagliente e dalla potenza della sua energia atomica.

Un epilogo apprezzato anche perché inatteso e definitivo sugli equilibri di forza tra i due titani va a sommarsi alla notevole spettacolarità visiva e ad una buona dose di intrattenimento nel rendere giustizia al tanto atteso scontro che restituisce vigore al MonsterVerse di Warner Bros. e Legendary Pictures dopo l’opaco Godzilla II – King of the Monsters… in attesa del prossimo capitolo.

Adoro le idee folli. Mi hanno reso ricco.
(Demián Bichir in Godzilla vs. Kong)

Kong e Kaylee Hottle
Kong e Kaylee Hottle (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Godzilla vs. Kong recensione film di Adam Wingard
Kaylee Hottle e Kong (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Godzilla vs. Kong recensione film di Adam Wingard
Il villain Demián Bichir (Credits: Warner Bros./Legendary Pictures)

Sintesi

Seppur con una narrazione e una componente umana ridotte ai minimi termini, il tanto atteso scontro tra titani di Godzilla vs. Kong mantiene le attese battendosi il petto forte della sua spettacolarità visiva e di una buona dose di intrattenimento che rende giustizia alle due leggendarie icone del cinema dei mostri.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli