Gemini Man

Gemini Man recensione

Gemini Man recensione del film di Ang Lee con Will Smith, Mary Elizabeth Winstead, Clive Owen, Benedict Wong, Theodora Miranne, Douglas Hodge e Ralph Brown

Henry Brogen è un killer del governo che, dopo lunghi anni di servizio, decide di ritirarsi a vita privata, abbandonando missioni ed intrighi politici per godersi la meritata pensione. Tuttavia non sarà facile lasciarsi alle spalle gli oscuri segreti del sistema, dal momento che verrà inseguito da un giovane e misterioso agente (Junior), un suo clone di quasi 30 anni più giovane che sembra essere in grado di prevedere ogni sua mossa. Brogen, quando scopre la verità sul suo inseguitore, decide di ingaggiare una lotta senza quartiere contro il sistema corrotto che ha creato il suo doppio, una losca istituzione guidata dal suo ex capo Clay Varris (Clive Owen).

Will Smith qui svolge un doppio ruolo: interpreta sia una esperta spia che il giovane clone di sé stesso. Smith ringiovanito digitalmente è, in poche parole, un “prodigio tecnico” che, oltre alle potenti sequenze d’azione che il film racchiude, rende Gemini Man un‘esperienza visiva da godere assolutamente in 3D.

Gemini Man di Ang Lee con Will Smith
Gemini Man di Ang Lee con Will Smith

Gemini Man di Ang Lee con Will Smith
Gemini Man di Ang Lee con Will Smith

Ang Lee con questo film ci prospetta una complicata premessa futuristica nel cinema: un attore e il suo clone. Considerando che l’abitudine è sempre stata quella di utilizzare immagini generate al computer per creare la versione giovane di un attore maturo, sembra che l’attesa del perfezionamento della tecnica sia finita.

Il vecchio Will contro il giovane Will diventa un’esperienza ‘visivamente’ intensa e potente. La maggior parte degli elogi, quindi, va alla riuscita combinazione del 3D, alla cinematografia high frame 120 al secondo (un film “normale” segue lo standard 24 fps) e all’ingegneria informatica che hanno consentito di dar vita al giovane clone di Smith (che, è bene ricordare, oggi ha 50 anni).

Tutte le azioni e i movimenti, sia nei combattimenti che nei dialoghi, vengono percepiti in modo vivido e intenso, alla stessa stregua stessimo guardando un documentario con immagini prese direttamente dalla natura. Le sequenze d’azione sono travolgenti ma si apprezza maggiormente il livello di perfezione della creazione digitale del clone nelle conversazioni e nei momenti drammatici. Il personaggio ricreato digitalmente riesce a trasporre perfettamente tutte le espressioni del suo interprete con una capacità mimetica sorprendente.

Will Smith e Mary Elizabeth Winstead
Will Smith e Mary Elizabeth Winstead in Gemini Man

Gemini Man recensione
Clive Owen e Junior Smith

Troppo convenzionale? Forse. Ci si poteva avvalere di una sceneggiatura più originale? Anche. Ma Ang Lee ha sempre dimostrato nella sua filmografia il coraggio di includere i progressi tecnologici e la voglia di indagare nel profondo dei propri personaggi.

Gemini Man non fa eccezione, attribuisce alla tecnologia uno scopo narrativo. Non risulta una semplice aggiunta che abbellisce il tutto correggendo i difetti; gli effetti speciali diventano una parte essenziale del film per veicolare il messaggio della storia; il concetto del “doppio”. Il tema delle scelte compiute o di quelle che avremmo dovuto fare, veicolando forse anche un accenno critico alla società attuale nella quale il “vecchio” e il processo di invecchiamento sono visti con occhio turpe, in un’ottica fallace che vede nel “bello perché nuovo” il Vangelo del XXI secolo.

Ang Lee ci consegna un semplice divertissement, tecnicamente ben fatto, ma che sconta forse la presenza di qualche cliché di troppo.

Gabriela

Sintesi

Gemini Man ci prospetta una complicata premessa futuristica nel cinema: l'attore e il suo clone, il vecchio contro il giovane, in un'esperienza visivamente intensa e potente. Ang Lee attribuisce alla tecnologia uno scopo narrativo, veicolando il concetto del “doppio”, il tema delle scelte compiute o di quelle che avremmo dovuto fare e un accenno critico alla società odierna nella quale il “vecchio” e il processo di invecchiamento sono visti con occhio turpe, in un’ottica fallace che vede nel “bello perché nuovo” il Vangelo del XXI secolo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...