Friends: The Reunion

Friends: The Reunion recensione dello speciale con Jennifer Aniston e Courteney Cox [Sky]

In onda su Sky Atlantic e in streaming on demand su NOW uno degli eventi televisivi più attesi di quest’anno: Friends: The Reunion, la recensione

Friends: The Reunion recensione dello speciale su Sky con Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry e David Schwimmer

In onda su Sky Atlantic e in streaming on demand su NOW uno degli eventi televisivi più attesi di quest’anno: Friends: The Reunion, lo speciale dell’amatissima serie cult andata in onda dal 1994 al 2004.
L’episodio – condotto dall’attore e comico britannico James Corden – si presenta come una dolce e nostalgica chiacchierata sull’iconico divano arancione in compagnia di Courteney Cox, Jennifer Aniston, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry e David Schwimmer, che tornano a parlare dello show che li ha resi delle star.

Perché una reunion e non un revival?

MadMass.it consiglia by Amazon

La risposta è immediata: con così tante persone ancora innamorate di Friends, c’erano molte cose che potevano andare storte nell’ordinare nuovi episodi. È chiaro dunque perché HBO Max non abbia voluto rischiare esplorando possibili nuove storie per Rachel, Ross, Chandler, Monica, Phoebe e Joey, ma abbia preferito andare sul sicuro chiamando Jennifer Aniston, David Schwimmer, Matthew Perry, Courteney Cox, Lisa Kudrow e Matt LeBlanc, e chiedere direttamente a loro “dove vedresti adesso il tuo personaggio?”.
Nonostante l’opportunità mancata di adottare un approccio più creativo, il risultato – per gli appassionati della serie –  non è affatto deludente. E il merito va principalmente ai sei protagonisti.

L’episodio è essenzialmente una festa in onore del cast. La prima scena mostra i sei ormai cinquantenni, con le lacrime agli occhi, che tornano sui set ricreati appositamente per l’occasione. Toccano i vari oggetti di scena, si abbracciano e rivivono i primissimi ricordi che hanno condiviso poco più che ventenni. Nonostante la situazione ci metta un po’ a scaldarsi, dopo l’imbarazzo iniziale i protagonisti si ributtano a capofitto ognuno nel proprio personaggio: David prende in mano la situazione con il gioco dei quiz, Lisa urla alla Phoebe per un insetto che le vola tra i capelli, Matthew – inizialmente il più impacciato – trova una battuta sarcastica in cui infilarsi. Di colpo sono di nuovo negli anni ’90!

I creatori dello show, Marta Kauffman e David Crane, presenti attraverso video interviste, raccontano delle difficoltà che hanno incontrato nel realizzare una serie televisiva che non avesse un unico protagonista, o due magari, ma ben sei, e tutti allo stesso livello. Una vera e propria scommessa, decisamente vinta. A tal proposito hanno rivelato il dietro le quinte dei provini e la genesi dei personaggi: scopriamo così che la voce lamentosa di David ispirò il personaggio di Ross, che Lisa ottenne la parte grazie allo show Innamorati pazzi, e altri simpatici aneddoti di cui qualcuno forse era già a conoscenza, ma che ascoltati in questa circostanza hanno tutto un altro sapore.

Jennifer Aniston, Courteney Cox, Matthew Perry, Lisa Kudrow, David Schwimmer e Matt LeBlanc
Jennifer Aniston, Courteney Cox, Matthew Perry, Lisa Kudrow, David Schwimmer e Matt LeBlanc (Credits: HBO Max/Sky)

Matt LeBlanc, Matthew Perry, Jennifer Aniston, Courteney Cox e Lisa Kudrow
Matt LeBlanc, Matthew Perry, Jennifer Aniston, Courteney Cox e Lisa Kudrow (Credits: HBO Max/Sky)

Una carrellata di celebrità

Il cast è completato da innumerevoli cammei di celebrità, tra cui Lady Gaga – che duetta con Lisa Kudrow sulle note di Smelly CatJustin Bieber, Cara Delevingne e Cindy Crawford, che sfilano con indosso i vestiti più iconici dello show, come l’armadillo natalizio di Ross o il vestito da damigella di Rachel.
Molto azzeccate anche le testimonianze di attori che – non presenti fisicamente – si sono uniti alla serata attraverso dei video messaggi, come Reese Witherspoon (che nella serie ha interpretato Jill, la sorella di Rachel), David Beckham e Kit Harington.
Forse troppo brevi le apparizioni di Maggie Wheeler (l’indimenticabile Janice) – accolta così brevemente da essere rimasta appollaiata sul bracciolo del divano e spiegare da lì la nascita della sua iconica battuta Oh My GodTom Selleck (Richard, il primo amore di Monica), Elliott Gould e Christina Pickles (i genitori Geller), il cui contributo dato allo show avrebbe potuto essere onorato in maniera più profonda.
Più toccanti sono stati i messaggi inviati dai fan di Friends provenienti da diverse parti del mondo – tra cui l’attivista premio Nobel per la pace Malala Yousafzai – che hanno spiegato brevemente quanto la sit-com li abbia aiutati durante i momenti più bui della loro vita, come un vecchio amico da cui rifugiarsi.

Effetto nostalgia

In poco meno di un’ora e quarantacinque minuti, Friends: The Reunion punta sull’effetto nostalgia, regalando ai fan un’immersione totale nel loro mondo televisivo preferito.
Nella storia delle sit-com, non c’è mai stata una richiesta così forte per una reunion, anche perché poche serie tv possono vantare un successo di questa portata, praticamente globale: durante l’episodio James Corden svela infatti che lo show è stato visto più di cento miliardi di volte su tutte le piattaforme. Un numero impressionante.
La chiave del successo di Friends è chiara oggi come allora: nonostante i sei protagonisti si siano persi di vista con il passare degli anni, l’affetto, l’amicizia, l’aver condiviso insieme l’arrivo di un successo smisurato, sono tutti elementi che li uniranno per sempre, come spiega chiaramente David Schwimmer nel corso della serata: “Le nostre famiglie non potevano capire. I nostri amici – anche quelli più cari – nemmeno. Erano lì per noi, certo, ma le uniche persone che sapevano davvero cosa provassi erano gli altri cinque.”

Friends: The Reunion recensione speciale Sky con Jennifer Aniston e Courteney Cox
Matt LeBlanc, Matthew Perry, Jennifer Aniston, Courteney Cox e Lisa Kudrow (Credits: HBO Max/Sky)

Friends: The Reunion
Friends: The Reunion (Credits: HBO Max/Sky)

Proprio in memoria di quei ricordi nostalgici e positivi, lo show evita volontariamente argomenti scomodi, come i problemi di droga e alcool di Matthew Perry, o la trattativa per arrivare a un milione di dollari ad episodio, ma lascia comunque ai protagonisti la possibilità di mettersi a nudo. Scopriamo così che Jennifer Aniston e David Schwimmer avevano una cotta l’una per l’altro durante le riprese della prima stagione, e che Matthew Perry soffriva di una sorta di ansia da prestazione: “Se non avevo la risata, andavo fuori di testa. Avevo paura di non riuscire a far ridere il pubblico”. È proprio Perry quello che appare il più commosso della serata, quello che più di tutti forse aveva davvero bisogno di questa “rimpatriata”.

Stream It or Skip It?

Nonostante la bravura di James Corden nel guidare la serata, i momenti migliori dello speciale sono quelli senza la sua simpatica interferenza, come le clip che mostrano i membri del cast che –  a distanza di ventisette anni dal primo episodio – rileggono i copioni intorno ad un tavolo e si prendono in giro, o che ricordano dell’abbraccio in cui si univano prima di ogni messa in scena dal vivo.
Chi considera il fascino di Friends eterno, chi dopo anni ride ancora delle gag e dei bloopers, chi si emoziona nel vederli seduti tutti e sei l’uno accanto all’altro, non resterà deluso.

Sintesi

Friends: The Reunion punta sull’effetto nostalgia, regalando ai fan della serie la gioia nel rivedere i sei indimenticabili protagonisti tutti insieme, mentre viaggiano nel tempo rispolverando i ricordi e i momenti più emozionanti dello show che li ha resi celebri in tutto il mondo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli