La brava moglie

La brava moglie recensione film di Martin Provost con Juliette Binoche [Anteprima]

La brava moglie recensione film di Martin Provost con Juliette Binoche, Yolande Moreau, Noémie Lvovsky, Edouard Baer e François Berléand

A lungo rimandato a causa della pandemia, La brava moglie approderà finalmente sugli schermi italiani il 17 giugno grazie a Movies Inspired. Nel frattempo, è stato tra i protagonisti dei César (i corrispettivi in Francia dei nostri David di Donatello), aggiudicandosene uno per i migliori costumi e concorrendo in quattro categorie.

Il nuovo film di Martin Provost torna su un tema sempre molto attuale, soprattutto alla luce delle continue assurdità a cui ci tocca assistere quotidianamente, ovvero quello dell’emancipazione femminile. Ambientato in pieno ’68, un’epoca in cui soffiava il vento del cambiamento, La brava moglie mette in scena a mo’ di controcampo la quotidianità di una scuola che ha come obiettivo l’educazione di giovani ragazze in età da marito. Cucinare, rammendare, stirare, fare il bucato e al contempo assimilare una filosofia di devozione e subalternità per assecondare in tutto e per tutto il consorte. Una sorta di microcosmo a sé stante, in un momento in cui finalmente si cominciava a marciare verso una presa di coscienza femminile, nel tentativo di sovvertire un malcostume sociale durato nei secoli (e che ancora oggi, purtroppo, continua tristemente a esistere).

Juliette Binoche
Juliette Binoche (Credits: Movies Inspired)
Noémie Lvovsky e Juliette Binoche
Noémie Lvovsky e Juliette Binoche (Credits: Movies Inspired)

Martin Provost è un regista che, da sempre, ha dedicato un’attenzione particolare alle donne e al loro mondo. Lo dimostrano il bellissimo Séraphine, incentrato sulla figura della pittrice francese Séraphine de Senlis, interpretata con sfumature di rara intensità da Yolande Moreau, e Quello che so di lei, storia di amicizia-ostilità femminile in cui assistiamo agli scambi di alto livello recitativo tra Catherine Deneuve e Catherine Frot. Anche in questo caso il regista francese affida a Juliette Binoche un ruolo affascinante, raccontandone la progressiva emancipazione e il passaggio da vedova inconsolabile (di un marito che ha sperperato tutta la sua ricchezza per colpa del vizio del gioco) a donna pronta a prendere in mano la sua vita e a mettersi realmente in gioco.

L’ambientazione scolastica gli permette di spingere sulla coralità, alternando tra la generazione delle insegnanti – e qui torna ancora una volta la Moreau, cognata della protagonista con la quale instaura un rapporto di grande complicità – e quella delle alunne, restie a essere indottrinate e piegate a un futuro che non accettano. A prevalere sono i toni della commedia, dell’impegno civile che non contempla necessariamente il dramma, della leggerezza che non è sinonimo di superficialità. Provost prova a percorrere diverse strade, a rappresentare psicologie figlie di quell’epoca (ma anche universali), a entrare realmente in contatto con l’universo femminile. In alcuni momenti ci riesce, in altri si lascia prendere da un eccesso di schematismo e perde di vista i buoni spunti iniziali.

Noémie Lvovsky, Juliette Binoche e Armelle
Noémie Lvovsky, Juliette Binoche e Armelle (Credits: Movies Inspired)
La brava moglie recensione film di Martin Provost con Juliette Binoche
La brava moglie di Martin Provost con Juliette Binoche e Yolande Moreau (Credits: Movies Inspired)

Da un certo punto in poi, infatti, il film viene fagocitato dal suo messaggio, i personaggi passano in secondo piano, così come la storia, e la sovraesposizione tematica spegne la narrazione. Non è nemmeno una questione di stile, con quel passaggio al musical che è invece una buonissima intuizione, ma di contenuti. Ed è un peccato perché in passato il regista francese aveva dimostrato una grande capacità di entrare in profondità, senza forzare troppo la mano.

La brava moglie, invece, funziona a sprazzi ma si perde in un’esplicitazione non necessaria di quello che vuol dire, non riuscendo, di conseguenza, a valorizzare in toto un cast che ha nella Binoche e nella Moreau due punte di diamante.

Sintesi

Il nuovo film di Martin Provost mostra ancora una volta l’attenzione particolare del regista francese alle donne e al loro mondo tornando su un tema molto attuale, quello dell’emancipazione femminile. La brava moglie soffre tuttavia di un eccesso di schematismo e di una sovraesposizione tematica che spegne la narrazione e non valorizza il cast, che vede in Juliette Binoche e Yolande Moreau le sue due punte di diamante.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Il nuovo film di Martin Provost mostra ancora una volta l’attenzione particolare del regista francese alle donne e al loro mondo tornando su un tema molto attuale, quello dell’emancipazione femminile. La brava moglie soffre tuttavia di un eccesso di schematismo e di una sovraesposizione tematica che spegne la narrazione e non valorizza il cast, che vede in Juliette Binoche e Yolande Moreau le sue due punte di diamante.La brava moglie recensione film di Martin Provost con Juliette Binoche [Anteprima]