Frida Kahlo

Frida Kahlo recensione documentario di Ali Ray

La storia della pittrice Frida Kahlo, analizzata attraverso alcune tappe fondamentali della sua vita e alcune delle sue opere più significative. La recensione del documentario di Ali Ra

Frida Kahlo recensione documentario di Ali Ray con Díana Bermudez prodotto da Phil Grabsky

Quello che abbiamo appreso sulla pittrice di Coyoacán, nel corso degli anni, abbiamo avuto modo di leggerlo nei libri di storia al liceo, su Internet o sui social in cui la sua effige viene continuamente proposta come simbolo di emancipazione femminile e, in particolare, di ribellione. Sul personaggio di Frida Kahlo si è parlato tantissimo nel corso degli ultimi anni, impossibile non esserne venuti a conoscenza, anche per sentito dire.

Sviscerata, analizzata e largamente discussa, la sua arte è ancora al centro di numerosi dibattiti, così come la sua vita, già trasposta in passato al cinema e che oggi ritorna sul grande schermo in occasione di un piccolo “omaggio” ad una delle donne più rappresentative del ventunesimo secolo.

Frida Kahlo, The Two Fridas, 1939
Frida Kahlo, The Two Fridas, 1939 (Credits: © Exhibition on Screen)

L’ultimo documentario prodotto sulla vita e il percorso artistico della pittrice messicana e diretto da Ali Ray, è un racconto di nascita, rinascita e morte: dal 6 luglio 1907, data del concepimento di Frida, passando attraverso i suoi traumi e le opere che ne seguirono sino alla morte, il 13 luglio del 1954. Tutto il film ripercorre gli eventi più importanti e tragici della pittrice tramite le sue opere più importanti e significative. Sin dal 1925, anno in cui subì un terribile incidente all’uscita da scuola che segnerà inevitabilmente la sua intera esistenza, Frida costretta a letto riesce a sopravvivere alla convalescenza grazie alla pittura, realizzando i primi autoritratti della sua carriera. Già da quelle prime pennellate traspare un certo stile e, allo stesso tempo, una personale visione artistica che farà molto discutere negli anni successivi.

La tensione artistica di Frida Kahlo si muove attraverso le sue scelte politiche e, in particolare, affettive: l’adesione al Partito Comunista Messicano da una parte e, dall’altra, la travagliata relazione col pittore Diego Rivera. Se il suo avvicinamento ad un pensiero di sinistra si assimilerà parallelamente ad un avvicinamento alla cultura e alle tradizioni del popolo messicano da parte di Frida, il suo amore per Rivera sarà causa di enormi dolori per la donna nel corso degli anni, tra vari tradimenti e continue separazioni.

Frida Kahlo recensione documentario di Ali Ray
Frida Kahlo (Credits: © Exhibition on Screen, Seventh Art Productions)
La regista Ali Ray
La regista Ali Ray (Credits: © Exhibition on Screen)

Tutto ciò viene fuori attraverso alcune delle opere più importanti e significative della pittrice: Ritratto di Luther Burbank (1931), Frida e L’aborto (1936) e Ciò che ho visto nell’acqua è ciò che l’acqua mi ha dato (1938) sono solo alcuni esempi di un’arte in bilico tra il dolore e il sentimento di famiglia, tra l’esigenza di raccontare un dramma personale e la nostalgia verso la terra natia. Sentimenti e pulsioni che molti riterranno a suo tempo “surrealiste” da parte di Frida Kahlo, a cui però lei si è sempre dissociata, ritenendo le sue creazioni profondamente ispirate alla realtà che la circonda, oltre al suo perenne turbamento fisico e, soprattutto, emotivo.

Il filo narrativo messo in pratica da Ali Ray, per raccontare la vita di una delle figure più emblematiche e discusse degli ultimi anni, fornisce allo spettatore la giusta chiave di lettura per interpretare il personaggio di Frida, per chi non ne conosce la storia e le opere più importanti. D’altro canto, chi ha già una profonda conoscenza del percorso artistico della pittrice di Coyoacán probabilmente avrà poco o nulla di nuovo da scoprire. Un film adatto ai neofiti che di questo personaggio ne conoscono soprattutto il mito.

The Broken Column, 1944, Frida Kahlo, Museo Dolores Olmedo Patino
The Broken Column, 1944, Frida Kahlo, Museo Dolores Olmedo Patino (Credits: © Bridgeman Images)

Sintesi

L’ultimo documentario su Frida Kahlo è un racconto abbastanza equilibrato tra i momenti salienti nella vita dell’artista, vista attraverso alcune delle sue opere più famose e controverse. L'opera di Ali Ray è priva tuttavia di approfondimenti particolari in grado di compiacere anche chi, di Frida, conosce già vita, morte e miracoli.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

L’ultimo documentario su Frida Kahlo è un racconto abbastanza equilibrato tra i momenti salienti nella vita dell’artista, vista attraverso alcune delle sue opere più famose e controverse. L'opera di Ali Ray è priva tuttavia di approfondimenti particolari in grado di compiacere anche chi, di Frida, conosce già vita, morte e miracoli.Frida Kahlo recensione documentario di Ali Ray