Due donne - Passing

Due donne – Passing recensione film di Rebecca Hall con Tessa Thompson e Ruth Negga [RomaFF16]

La recensione di Due donne - Passing, lungometraggio targato Netflix che ha fatto parlare di sé alla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma.

Due donne – Passing recensione film di Rebecca Hall con Tessa Thompson, Ruth Negga, André Holland, Bill Camp, Gbenga Akinnagbe e Alexander Skarsgård

Netflix ha lasciato anche quest’anno la sua orma alla Festa del Cinema di Roma.
A portare lo stendardo della piattaforma streaming troviamo un lungometraggio particolare, capace di dividere gli spettatori. Si tratta di Due donne – Passing, diretto da Rebecca Hall con Tessa Thompson, Ruth Negga, André Holland e Alexander Skarsgård.

MadMass.it consiglia by Amazon

La storia segue la vita di Irene (Tessa Thompson), una donna afroamericana che, grazie alla sua carnagione sufficientemente chiara, riesce a passare per bianca, cosa che le permette di accedere a tutta una serie di luoghi e comfort altrimenti a lei preclusi. Questo “metodo” la porta a incontrare casualmente la sua vecchia amica d’infanzia Clare (Ruth Negga), anche lei spinta a farsi riconoscere per ciò che non è e che l’ha spinta in un territorio pericoloso, avvolta da un mondo ostile, capitanato da un marito (Alexander Skarsgård) estremamente intollerante verso il diverso da sé.

Due donne - Passing recensione film di Rebecca Hall con Tessa Thompson e Ruth Negga
Ruth Negga e Tessa Thompson (Credits: Netflix)

Ruth Negga e Alexander Skarsgård
Ruth Negga e Alexander Skarsgård (Credits: Netflix)

Il tentativo di fuga di Clare da tale realtà, a tratti più opprimente di quella che il Rinascimento di Harlem (il movimento culturale sostenuto ampiamente da Irene) cerca ogni giorno di combattere e di sradicare, porterà la giovane donna a invadere sempre di più lo spazio vitale di Irene, che vedrà il suo piccolo microcosmo scivolarle via lentamente dalle mani. Questa è la base su cui si articola una narrazione flemmatica, lineare, che punta tutto sul non detto, ma forse spaventato dalla portata e dalla rilevanza di ciò che intende raccontare non riesce a essere incisivo come dovrebbe.

Per quanto Netflix si sforzi di portare sui nostri schermi storie socialmente impattanti, capaci di scuotere l’animo e il pensiero dello spettatore, si trova sempre a cascare nel solito, formale e statico processo di costruzione drammatizzante che ormai non aggiunge nulla di nuovo. È vero che per far comprendere qualcosa è necessario ripetere tale intuizione ancora e ancora fino a che non si instauri definitivamente nel pensiero comune, ma Netflix porta all’esasperazione tale concetto, continuando a proporre pellicole iperformalizzate, didascaliche anche quando non vogliono esserlo.

Due donne – Passing sembra vivere di una sola idea: utilizzare la fotografia per creare un effetto di camuffamento (molto efficace e utilizzato coscienziosamente, va detto) capace di stupire e colpire. Ma ciò non è sufficiente alla costruzione di un intero lungometraggio. Nonostante le prove attoriali non siano assolutamente da sottovalutare, queste vengono asfissiate da un testo ridondante, con poche cose da dire, privato di ogni minima attrattiva, empaticamente distaccato. Tanto quanto il bianco e nero esalta e, al contempo, appiana le differenze, la narrazione depotenzia e ostacola il flusso significante, che così ardentemente vorrebbe liberarsi dalle catene formali che lo legano a una lunga tradizione di interessanti progetti avvinghiati dall’oscura ala dell’intuizione fulminea.

Tessa Thompson e Ruth Negga
Tessa Thompson e Ruth Negga (Credits: Netflix)

Ruth Negga
Ruth Negga (Credits: Netflix)

Due donne - Passing recensione film di Rebecca Hall con Tessa Thompson e Ruth Negga
Ruth Negga e Tessa Thompson (Credits: Netflix)

Sintesi

Asfissiato da un testo ridondante, con poche cose da dire, privato di ogni minima attrattiva ed empaticamente distaccato, Due donne - Passing sembra vivere di una sola idea: utilizzare la fotografia per creare un effetto di camuffamento capace di stupire e colpire, lasciando allo spettatore unire i puntini di una narrazione soffusa, sfocata e banalmente enfatizzata da una ricercatezza ideologica che, ormai, ha perso la sua forza espressiva.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli