Ad Astra

Ad Astra recensione [Venezia 76]

Ad Astra recensione del film di James Gray con Brad Pitt, Tommy Lee Jones, Ruth Negga, Liv Tyler e Donald Sutherland

Uno dei film più attesi al Lido è stato certamente Ad Astra, pellicola fantascientifica diretta da James Gray. In un futuro prossimo in cui l’uomo ha conquistato l’intero sistema solare, la prossima sfida è trovare nuove forme di vita oltre Nettuno, e lo scopo della missione
capitanata da Clifford (Tommy Lee Jones), padre del protagonista Roy (Brad Pitt), è proprio questo.

Dopo oltre venti anni di silenzio radio che fa presagire una tragica conclusione del programma spaziale, delle misteriose tempeste elettromagnetiche cominciano ad abbattersi sulla terra provocando gravi danni e morti e l’astronauta Roy viene scelto per andare su Nettuno e scoprirne la causa. Il suo viaggio, un’odissea piena di sfide da superare, lo porterà a fare i conti con il passato che credeva ormai essersi lasciato alle spalle.

Brad Pitt
Brad Pitt in Ad Astra
Ruth Negga e Brad Pitt
Ruth Negga e Brad Pitt in Ad Astra

Interessante è il modo in cui viene immaginato il sistema solare: viaggiare dalla Terra alla Luna e dalla Luna a qualsiasi altro pianeta è ormai usuale e salire su uno space shuttle è così semplice che equivale a prendere un aereo. Si perde così il fascino e il mistero dei viaggi spaziali, elemento portante di numerosi film di fantascienza, che lascia spazio ad un senso di abitudine e all’immaginazione di come potrebbe essere la nostra vita se avessimo davvero conquistato altri pianeti. La risposta a questa domanda arriva subito, ed è molto prevedibile: la conquista di nuove terre, nella storia, ha sempre portato a lotte e guerre per il loro possedimento, e lo stesso accade sugli altri corpi celesti, perché la brama di potere è insita nella natura umana.

Oltre a questa rappresentazione dell’avanzamento tecnologico non seguito da una migliore capacità di adattamento, sono tanti, forse troppi, gli elementi del film che non convincono: da una fotografia che cerca a tutti i costi di essere futuristica, quasi imitando quella di Roger Deakins in Blade Runner 2049, ma che risulta macchinosa e non spontanea passando alla debole risoluzione della trama.

Tommy Lee Jones in Ad Astra
Tommy Lee Jones in Ad Astra
Donald Sutherland, Brad Pitt e Sean Blakemore
Donald Sutherland, Brad Pitt e Sean Blakemore

Nel complesso il film non brilla per i colpi di scena né per la profonda caratterizzazione del protagonista Roy. L’astronauta, la cui impassibilità è fondamentale per la buona riuscita delle sue missioni, non mostra altri lati del suo carattere. Persino il momento dell’incontro tra padre e figlio, rimasti separati per decenni (evento già ampiamente prevedibile dal trailer), che dovrebbe essere il momento cruciale della storia risulta apatico e senza emozioni.

Se aggiungiamo scene inutili ai fini della trama e lotte non necessarie per il comando della navicella spaziale, possiamo concludere che il risultato finale non sia, purtroppo, quello che tutti ci aspettavamo da questo film.

Marta

Sintesi

Tra i film più attesi alla 76. Mostra del Cinema di Venezia, Ad Astra di James Gray disperde il fascino e il mistero dei viaggi spaziali mettondo in scena una debole risoluzione della trama e una caratterizzazione superficiale dei personaggi. Apatico e privo di emozioni, l'ultima opera di James Gray disattende le grandi aspettative di pubblico e critica presenti al Lido.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Tra i film più attesi alla 76. Mostra del Cinema di Venezia, Ad Astra di James Gray disperde il fascino e il mistero dei viaggi spaziali mettondo in scena una debole risoluzione della trama e una caratterizzazione superficiale dei personaggi. Apatico e privo di emozioni, l'ultima opera di James Gray disattende le grandi aspettative di pubblico e critica presenti al Lido.Ad Astra recensione [Venezia 76]