Dogman stasera in TV [CheTVedi]

Dogman stasera in TV
Marcello Fonte in Dogman di Matteo Garrone stasera in TV

Stasera in TV: Dogman

La rubrica CheTVedi torna anche questa settimana e, come sempre, va alla ricerca di un buon film da consigliare tra quelli proposti dal nostro palinsesto televisivo. La pellicola scelta per la seconda settimana di gennaio è Dogman di Matteo Garrone con Marcello Fonte (Marcello), Edoardo Pesce (Simoncino), Nunzia Schiano (madre di Simoncino), Adamo Dionisi (Franco) e Francesco Acquaroli (Francesco). L’opera di Garrone, dal carattere fortemente drammatico, sarà in onda stasera alle 21:30 su Rai 3.

Marcello è un uomo piccolo e silenzioso che vive in una piccola periferia romana. Divide il suo tempo tra sua figlia e i cani, che sono il suo lavoro dato che possiede una piccola toeletta. Sopraffatto, per l’ennesima volta, dalla piccola criminalità della sua periferia, Marcello decide di reagire, pronto a tutto.

Risulta necessario precisare che Dogman si basa, seppur non in maniera precisa e dettegliata, su dei fatti realmente accaduti. Marcello è liberamente ispirato a quello che è stato chiamato Canaro, colui che ha veramente commesso parte delle atrocità raccontate nel film, nel quartiere Magliana, a Roma. Superando questo punto che rivela parte delle veridicità della storia, per evitare di entrare in dettagli che rivelerebbero troppo sulla trama, passiamo al film, in cui la regia di Garrone fa scuola: arriva (o meglio torna) qualcosa di incisivo, di determinato, di artistico anche tra i registi nostrani. Un occhio unico ed autoriale focalizzato su un fatto di cronaca nera da dare i brividi. Una fotografia abbagliante, un montaggio che nel suo essere netto e schiacciante riesce a creare angoscia fin dai primi passi della pellicola.

Dogman - di Matteo Garrone
Dogman – di Matteo Garrone
Dogman
Dogman di Matteo Garrone

I personaggi della storia raccontata appaiono estremamente veritieri, costruiti al meglio per creare tensione all’interno della narrazione. Sono uomini di periferia, diversi tra loro, ma credibili nelle loro diversità. Con Marcello si crea da subito una vicinanza particolare. La vicinanza che si ha con le persone deboli che hanno difficoltà nel riuscire a tenere testa ai lupi che li circondano. E Marcello Fonte riesce perfettamente a render questa idea di fragilità, un uomo adulto ma incapace di distanziarsi dalle compagnie negative che non solo lo soffocano, ma lo gettano nei guai peggiori. Quello che vediamo su schermo appare reale in tutte le sue sfaccettature. Una rappresentazione della periferia, della malavita cancerogena nelle piccole grandi realtà romane, che sorprende chi non ha mai avuto modo di vederla e fa venire i birividi a chi sa di cosa si parla.

Garrone da applausi nella realizzazione di Dogman, che entra di diritto nei migliori film italiani degli ultimi anni. Un tema difficile da toccare, interpretato da un senza cast perfetto e realizzato attraverso un lavoro certosino ed impeccabile. Visione più che consigliata, come confermato dalla nostra recensione che trovate qui.

Valentina