Notte fantasma

Notte fantasma recensione film di Fulvio Risuleo con Edoardo Pesce [Venezia 79]

Notte fantasma approfitta della sua accoglienza per dare corpo ad una rocambolesca avventura tutto-in-una-notte che dialoga con Roma. La recensione in diretta dalla Mostra del Cinema di Venezia

Notte fantasma recensione film di Fulvio Risuleo con Edoardo Pesce e Yothin Clavenzani presentato a Venezia 79 ad Orizzonti Extra

Provate a confutare il luogo comune che identifica Roma con un immenso set cinematografico. Ogni storia può trovare la giusta dimensione in uno dei suoi infiniti angoli e trovare la sua realtà. Notte fantasma approfitta della sua accoglienza per dare corpo ad una rocambolesca avventura tutto-in-una-notte che altrove sarebbe stata considerata piuttosto surreale.

Fulvio Risuleo nella capitale ci è nato e cresciuto, affidandole i suoi sogni e subendone l’influenza a livello immaginativo. Lo si capiva già da suo esordio Guarda in alto, un road movie fatto di misteriose suore, comunità di bambini sperduti, gemelli nudi e aviatori in mongolfiera e dedicato ai tetti della sua città. Con Edoardo Pesce (il supervisore Proietti) e Yothin Clavenzani (Tarek) torna invece in strada ad immaginare un abuso di potere che sconfina in una strana sindrome di Stoccolma.

 

Yothin Clavenzani è Tarek in Notte fantasma
Yothin Clavenzani è Tarek in Notte fantasma (Credits: Elsinore Film/Wildside/Vision Distribution)
Edoardo Pesce e Yothin Clavenzani
Edoardo Pesce e Yothin Clavenzani (Credits: Elsinore Film/Wildside/Vision Distribution)

LEGGI ANCORA: Venezia 79, tutti i film premiati alla Mostra del Cinema di Venezia

Un poliziotto arresta un giovane sorpreso a comprare della droga e lo sequestra per una notte intera trascorsa a fare i conti con il peso della vita. Si tratta di una storia che non è mai esistita e potrebbe tranquillamente accadere in qualunque momento del prossimo futuro. I protagonisti dialogano con le architetture romane e, mentre la notte offusca le luci della ragione, si abbandonano ad una spirale di violenta vitalità che rovescerà i rapporti di partenza.

Hemingway direbbe che èfacilissimo reagire con freddezza alle cose durante il giorno, ma di notte è tutto un altro discorso. E’ un pezzo di Fiesta, il suo primo romanzo, che ha come sottotitolo il sole sorgerà ancora. La Notte fantasma di Fulvio Risuleo esplora gli esiti imprevisti di una storia che può esistere soltanto in un intervallo di tempo così limitato. Come Tarek, si è restii ad accettare che sia davvero possibile ma le reazioni notturne di una città come Roma sono tanto imprevedibili quanto fugaci.

Bisogna inseguirle insieme agli attori, prima di sparire nella luce dell’alba e realizzare che in fondo era tutto falsamente vero. Come Roma.

Notte fantasma recensione film di Fulvio Risuleo con Edoardo Pesce
Notte fantasma di Fulvio Risuleo con Edoardo Pesce e Yothin Clavenzani (Credits: Elsinore Film/Wildside/Vision Distribution)

Sintesi

La Notte fantasma di Fulvio Risuleo esplora gli esiti imprevisti di una storia alimentata dalle reazioni notturne di una città come Roma che sono tanto imprevedibili quanto fugaci. Bisogna inseguirle insieme agli attori, prima di sparire nella luce dell'alba e realizzare che in fondo era tutto falsamente vero. Come Roma.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Notte fantasma recensione film di Fulvio Risuleo con Edoardo Pesce [Venezia 79]La Notte fantasma di Fulvio Risuleo esplora gli esiti imprevisti di una storia alimentata dalle reazioni notturne di una città come Roma che sono tanto imprevedibili quanto fugaci. Bisogna inseguirle insieme agli attori, prima di sparire nella luce dell'alba e realizzare che in fondo era tutto falsamente vero. Come Roma.