Beautiful Boy

Beautiful Boy recensione

Beautiful Boy: la recensione del nuovo film di Felix Van Groeningen, con Timothée Chalamet e Steve Carell

Girare un film sulla tossicodipendenza e creare qualcosa che non sia ripetitivo, tenendo conto della lunga filmografia esistente sull’argomento, diventa arduo.
David Sheff pubblicò sul New York Times un articolo sulla dipendenza da metamfetamina del figlio Nic, cui fece seguito nel 2008 il best seller Beautiful Boy. Basato sull’omonimo romanzo e sull’autobiografia di Nic Sheff arriva il primo film in lingua inglese del regista belga Felix Van Groeningen.

In Beautiful Boy il punto centrale non è tanto il tema della droga, ma quanto questa devasti il tessuto familiare, mostrando in modo crudele e senza remore l’impatto e i danni collaterali.
Un film che fa riflettere, oltre che sul circolo vizioso di un ragazzo tossicodipendente che perde totalmente il controllo, soprattutto sull’effetto che tale dipendenza ha sui suoi cari e la loro impotenza di poterlo aiutare. Gradualmente entriamo nei panni dei protagonisti e ci interroghiamo su cosa faremmo al posto loro, ma non riusciamo a trovare risposte, non c’è un modo giusto di reagire. La storia perde forse un po’ di mordente e si sfibra quando gli attimi di disperazione non vengono avvertiti come tali, considerando che ogni dose potrebbe essere l’ultima.

David Sheff (Steve Carell) alla ricerca di Nic in Beautiful Boy
David Sheff (Steve Carell) alla disperata ricerca del figlio Nic in Beautiful Boy

Indubbiamente la forza del film risiede negli attori poiché l’unico modo per rendere credibile un tema così visto e rivisto è l’interpretazione dei protagonisti, qui carica di espressione e veemenza. I ricorrenti flashback rivelano come la personalità di entrambi si evolve e come la complicità padre-figlio si accresce poiché l’uno rappresenta ‘tutto’ per l’altro.
Gli occhi di Steve Carell (David) ci rendono complici della disperazione, della paura e dell’impotenza che prova un padre quando non riesce a mettere in salvo il proprio figlio. Timothée Chalamet (Nic) è volubile, fragile e sofferente, ma soprattutto prova vergogna nel deludere suo padre; è alla ricerca costante di qualcosa mentre entra ed esce dai centri di riabilitazione.

Beautiful Boy non elabora nulla di nuovo. Non è questo il suo intento. La tossicodipendenza e le conseguenze all’interno del nucleo familiare sono state già rappresentante nel cinema una infinità di volte, costituendo quasi un sottogenere cinematografico. Ma trova forza e pregio nelle sontuose interpretazioni di Carell e Chalamet, i quali plasmano un profondo ritratto sull’amore tra padre e figlio senza morbosi artifici.

Nic Sheff (Timothée Chalamet) con sua madre Vicky (Amy Ryan)
Nic Sheff (Timothée Chalamet) con sua madre Vicky (Amy Ryan)

Van Groeningen realizza un film dolorosamente tenero, schiudendo una ferita dolente senza bisogno di ricorrere a strazianti scene di crisi di astinenza o a ruvide ostentazioni dell’abuso di droga; al contrario, l’assenza di queste scene non placa il potente messaggio sotteso: siamo soltanto padri, madri, figli o fratelli inermi e con le mani legate, testimoni inutili dell’autodistruzione della persona che più amiamo. Legami che diventano catene.

In Beautiful Boy l’ossessione di David di salvare Nic si trasforma in assuefazione, una dipendenza affettiva che viaggia parallelamente a quella del figlio.
L’amore, anche quello più puro, può essere un’ancora, ma anche un masso, legato al quale andare a fondo.

Gabriela

P.S. Per un’altra opinione sul film, leggete la recensione di Martina dalla Festa del Cinema di Roma

Sintesi

Felix Van Groeningen realizza un film, dolorosamente tenero, sull'impatto delle droghe sui legami familiari: privo dei cliché del genere, la sua forza risiede nelle interpretazioni di Steve Carell e Timothée Chalamet.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...