Angel Heart

Angel Heart – Ascensore per l’inferno recensione film con Mickey Rourke e Robert De Niro

Angel Heart – Ascensore per l’inferno recensione del film scritto e diretto da Alan Parker con Mickey Rourke, Robert De Niro, Lisa Bonet e Charlotte Rampling

Nel 1978, lo scrittore William Hjortsberg pubblicò Falling Angel, romanzo ibrido di detective story e horror con protagonista un investigatore privato alle prese con un caso ai limiti dell’occulto. Nove anni più tardi, il libro cattura l’attenzione del regista inglese Alan Parker, reduce dai successi di Fuga di mezzanotte e Pink Floyd – The Wall, che decide di trasformarlo in un film. Spostata la narrazione da New York a una cupa New Orleans dedita ai culti vudù, Alan Parker chiamò a raccolta l’allora sex symbol Mickey Rourke, un peso massimo del calibro di Robert De Niro e la star de I Robinson Lisa Bonet, e partì all’avventura. Il risultato dei quattro mesi di riprese fu Angel Heart, una creatura filmica strana ma affascinante, forse la più lurida e torrida della storia del cinema americano se si esclude Non aprite quella porta di Tobe Hooper.

Tuttavia la critica storse il naso, additandolo come un lungometraggio, sì, visivamente potente ma inutilmente contorto sotto il profilo narrativo e, soprattutto, sessuale in maniera non necessaria. La verità è che Angel Heart non meritava tanto fango e, sebbene nel corso degli ultimi decenni si sia costruito una cerchia di ammiratori, resta ancora oggi un’opera sottovalutata.

Lisa Bonet e Mickey Rourke
Lisa Bonet e Mickey Rourke

Angel Heart – Ascensore per l’inferno: sinossi

Anni Cinquanta. Harry Angel (Mickey Rourke) è un investigatore privato di New York che viene ingaggiato dall’inquietante ed elegante cliente Louis Cyphre (Robert De Niro) per indagare sulla misteriosa scomparsa di Johnny Favorite, un cantante blues particolarmente apprezzato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Le ricerche condurranno Angel a New Orleans, mettendolo a contatto con vari testimoni tra cui la veggente Margaret Krusemark (Charlotte Rampling) e l’avvenente ragazza madre di colore Epiphany (Lisa Bonet).
Mentre gli indizi e una serie di omicidi fortuiti non faranno che allontanare Angel dalla soluzione del mistero, l’investigatore si troverà intrappolato in una rete di violenza ed esoterismo che lo condurranno alla più spietata delle realtà.

Angel Heart - Ascensore per l’inferno recensione film Mickey Rourke Robert De Niro
Robert De Niro

Angel Heart – Ascensore per l’inferno: perdersi nel labirinto del male

I locali squattrinati di Brooklyn e l’ambiente rurale, quasi primigenio, di New Orleans, rappresentano le coordinate geografiche di un racconto hard-boiled in piena regola, solo portato alle estreme conseguenze. La contaminazione tra thriller investigativo classico a tinte erotiche e peculiarità dell’horror soprannaturale genera un percorso narrativo impervio per protagonista e spettatori. In fase di sceneggiatura, Alan Parker ha preferito rinunciare all’originalità dei colpi di scena, soprattutto nel finale, perché Angel Heart non mira tanto alle sorprese della componente mystery quanto alla narrazione di un viaggio interiore, inesorabile e senza speranza, tra gli abissi dell’anima.

Satanismo e suggestione vudù si intrecciano senza soluzione di continuità a ritmo di blues sulle note dei sax di Trevor Jones (L’ultimo dei Mohicani); la piovosa provincia del Sud fornisce terreno fertile per immagini sconcertanti – piogge di sangue durante gli amplessi, macchie di tabacco e carne madida di sudore – che vanno ad arricchire un affresco sul male labirintico ed evocativo, sospeso in una nube di miasmi surreali che odorano di morte e trasudano sex appeal.

Se il balletto tra sogno e memoria frammentata (Angel Heart è tra le dichiarate ispirazioni di Christopher Nolan per Memento) e il ritratto di una katabasis nei misteri della mente e del destino intrigano per tutta la durata ma non dicono nulla di nuovo sul fronte tematico, ciò che lascia davvero a bocca aperta è la lurida carnalità dei rapporti conflittuali tra esseri umani, all’insegna dell’oscuro passato, degli scheletri nell’armadio e di una sessualità animalesca.

Lisa Bonet in Angel Heart - Ascensore per l’inferno
Lisa Bonet in Angel Heart – Ascensore per l’inferno

Angel Heart – Ascensore per l’inferno: il noir al tempo di MTV

L’opera di Alan Parker è orgogliosamente figlia dei suoi anni, ma ciò non va interpretato come un giudizio negativo. Negli anni Ottanta, il mondo del cinema e quello del video musicale avevano dato inizio ad un flirt che dura tutt’oggi, tant’è che ormai si è perso il conto dei cineasti che hanno funto da ponte tra i due linguaggi. Parker, regista formatosi nella factory pubblicitaria di Ridley Scott, rientra senza forzature nella categoria e, anzi, è andato oltre con la sperimentazione visiva rispetto a molti contemporanei.

La mano del cineasta si fa pesante quando la vicenda butta sull’onirico, soprattutto per come vengono impiegati i contrasti sgranati tra tenebre fitte e lame di luce gelidissima. La scenografia è molto evocativa e ammanta storia e personaggi di una cappa putrida e malata indimenticabile. Sorprendente il lavoro tecnico del montaggio di Gerry Hambling, che imprime selvagge accelerazioni e sagge diluizione dei tempi filmici quando richiesto dal dramma. Sembra davvero di vedere un video di MTV a tinte acide, e sarà davvero difficile dimenticare la frenesia del rito vudù o del torrido e spintissimo rapporto sessuale tra Rourke e Bonet.

Lisa Bonet in Angel Heart - Ascensore per l’inferno
Lisa Bonet in Angel Heart – Ascensore per l’inferno

Angel Heart – Ascensore per l’inferno: il dramma dei borderline

Giunti alla nerissima conclusione del film, viene spontaneo chiedersi: Angel Heart sarebbe stato lo stesso senza il suo cast di alto profilo? Tra le critiche negative a cui si accennava a inizio recensione ne è stata mossa una nei confronti della recitazione, reputata fin troppo sopra le righe ma in realtà coerente con gli andamenti allucinatori del racconto.

Recitando appena un quarto d’ora, Robert De Niro non ha bisogno di presentazioni e tratteggia una figura mefistofelica impalpabile e al contempo solenne ma mai tronfia; mentre Lisa Bonet propaga per tutto il secondo atto una carica erotica che buca lo schermo. Chi ne esce meglio è il trucido detective di Mickey Rourke, un Humphrey Bogart più svampito e sornione che arricchisce la galleria di personaggi maledetti allo sbando che hanno fatto la fortuna dell’attore americano, da 9 settimane e mezzo a Sin City, per arrivare a The Wrestler.

Sintesi: Bel thriller investigativo/psicologico appenna intaccato da aggraziate spennellate di horror, Angel Heart dimostra di non aver perso nulla della sua carica fascinatoria inquietante nel corso di un trentennio. La messa in scena potente e le interpretazioni di un cast di mostri sacri impediscono al maggior difetto del film (la prevedibilità dei colpi di scena) di privarlo di interesse. Un cult da riscoprire.

Sintesi

Bel thriller investigativo psicologico appena intaccato da aggraziate spennellate di horror, Angel Heart dimostra di non aver perso nulla della sua carica fascinatoria inquietante nel corso di un trentennio. La messa in scena potente e le interpretazioni di un cast di mostri sacri impediscono al maggior difetto del film (la prevedibilità dei colpi di scena) di privarlo di interesse. Un cult da riscoprire.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Trieste Science + Fiction Festival 2020: il programma con tutti i film e le serie TV in concorso e gli ospiti alla 20esima edizione...

Trieste Science + Fiction Festival 2020: il programma, i film e gli ospiti della 20esima edizione del festival dedicato alla fantascienza, tra anteprime come...

Cinema News del 29 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 29 ottobre: Ralph Fiennes e Carey Mulligan in The Dig, Gemma Arterton nella miniserie Black Narcissus, Nicole Kidman nella serie Things...

La leggenda dell’Uomo Nero: i migliori film sul Boogeyman o Babau [Horror Week]

La leggenda dell'Uomo Nero: i migliori film al cinema sul Babau, dalla trilogia Boogeyman a Sinister e Babadook Prima dell'Uomo Nero rileggi l'appuntamento dedicato a...

Cinema News del 28 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 28 ottobre: la fantascienza di George Clooney in The Midnight Sky e di Brian K. Vaughan in Y: The Last Man,...

Paura nella città dei morti viventi recensione film di Lucio Fulci [Trilogia della Morte]

Paura nella città dei morti viventi recensione del film scritto da Dardano Sacchetti e diretto da Lucio Fulci con Christopher George e Catriona MacColl Tra...

La bottega dei suicidi recensione film di Patrice Leconte [Horror Week]

La bottega dei suicidi recensione film d'animazione scritto e diretto da Patrice Leconte basato sul romanzo Il negozio dei suicidi di Jean Teulé Trapassati o...

Food For Change recensione film di Benoît Bringer [Terra di Tutti Film Festival]

Food For Change recensione documentario di Benoît Bringer presentato al Terra di Tutti Film Festival “Il vostro piatto è legato a tutti i problemi che...

Cinema News del 27 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 27 ottobre: Superhero news con Oscar Isaac Moon Knight, le riprese di Spider-Man 3 e le prime immagini della nuova Batwoman...

Utopia recensione serie TV [Amazon Prime Video Anteprima]

Utopia recensione serie TV di Gillian Flynn con John Cusack, Ashleigh LaThrop, Dan Byrd, Sasha Lane,  Desmin Borges, Jessica Rothe, Rainn Wilson, Christopher Denham e Cory Michael...

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: il programma con tutti i film in concorso e gli ospiti alla XVIII edizione [RNFF 20]

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: da Marco Bellocchio ai Manetti Bros., passando per i nuovi corti di Yorgos Lanthimos e Jonathan Glazer, scopriamo il...