Ammonite

Ammonite recensione film con Kate Winslet e Saoirse Ronan [Anteprima]

Ammonite recensione film di Francis Lee con Kate Winslet, Saoirse Ronan, Gemma Jones, James McArdle, Sam Parks e Fiona Shaw

Ispirato alla storia vera e poco conosciuta della paleontologa britannica Mary Anning, Ammonite era uno dei film più attesi del BFI London Film Festival 2020, anche grazie alla presenza di due protagoniste di eccezione come Kate Winslet e Saoirse Ronan. Si tratta di un classico film LGBT a sfondo storico, per certi versi involontariamente simile a Ritratto della giovane in fiamme di Céline Sciamma, del tutto concentrato sulle sue due protagoniste e sulla segreta storia d’amore che, in contrasto alle convenzioni del tempo, sboccia fra di loro.

MadMass.it consiglia by Amazon

Con un passato da attore, Francis Lee, classe 1969, non era nuovo a questo genere di storie, dal momento che la sua opera di debutto, La terra di Dio – God’s Own Country, trattava anch’essa di un amore clandestino fra un giovane inglese e un operaio rumeno, nella campagna dello Yorkshire. Questi elementi tornano in Ammonite, ambientato prevalentemente nel paesino costiero di Lyne, nel Sud dell’Inghilterra. Siamo negli anni quaranta dell’Ottocento: Mary Anning è una pioniera della paleontologia ma, ostacolata nel suo lavoro dall’essere donna, si ritrova a vendere piccoli fossili di ammonite ai turisti.

Kate Winslet e Saoirse Ronan
Kate Winslet e Saoirse Ronan

Ammonite recensione film con Kate Winslet e Saoirse Ronan
Kate Winslet è la paleontologa britannica Mary Anning

Un giorno un ricco inglese, appassionato dei suoi lavori, le lascia in custodia la moglie Charlotte, caduta in depressione dopo la morte in fasce della figlia. Nel giro di poche settimane, l’iniziale diffidenza fra le due donne si trasforma in passione, ma Mary non tarderà a manifestare la sua indipendenza di fronte ai tentativi di Charlotte di legarla alla sua vita da altoborghese. Ammonite fa parte della simbolica selezione del Festival di Cannes 2020, annullato come è noto a causa del COVID-19, ed ha effettivamente debuttato al Toronto Film Festival; almeno per quanto riguarda le due interpreti principali è scontata la candidatura all’Oscar.

Il nostro è un periodo storico in cui il cinema racconta spesso storie LGBT, al punto che nello stesso festival compaiono facilmente in cartellone due o più film che raccontano storie d’amore e/o di discriminazione a sfondo gay: pensiamo ad esempio ad un altro film analogo e sempre di ambientazione marina, Estate ’85 (Été 85) di François Ozon, sull’amore estivo fra due adolescenti. In questi frangenti è difficile mantenere l’originalità nella messa in scena e nella narrazione, e da questo punto di vista il film di Francis Lee non è del tutto riuscito: le somiglianze con Ritratto della giovane in fiamme, del tutto casuali dal momento che il film della Sciamma veniva presentato a Cannes 2019 nello stesso momento in cui Ammonite entrava nel vivo della produzione, sono molte e sono sintomatiche di una certa sovrabbondanza di storie di un certo tenore.

Kate Winslet e Saoirse Ronan
Kate Winslet e Saoirse Ronan

Kate Winslet e Saoirse Ronan
Kate Winslet e Saoirse Ronan

Sicuramente Ammonite non passerà inosservato grazie al suo ricco cast: ma non ha lo stesso carattere dirompente e seminale di film come La vita di Adele o Chiamami col tuo nome, né si presta in modo significativo a fare luce sul contributo dimenticato di Mary Anning alla paleontologia dell’Ottocento. Un pregio della regia di Lee è riuscire a spezzare la staticità e la statuarietà tipiche di gran parte dei film storici: la macchina da presa è spesso montata su uno steadycam, e segue da vicino le attrici in un modo funzionale al racconto. Ammonite però non è valorizzato dal ritmo della sua scrittura, che gioca senza troppa convinzione sui silenzi e riduce all’osso le situazioni e il numero dei personaggi: le due ore del film trascorrono abbastanza rapidamente per lo spettatore, ma il ritmo interno a ogni scena pare un po’ dilatato verso il superfluo.

L’ambientazione del film è bella, ma forse non sfruttata fino in fondo nelle sue potenzialità visive, così come poteva essere approfondito di più il lavoro di archeologa del personaggio di Kate Winslet: forse una scrittura un po’ più accorta avrebbe potuto evidenziare il ritrovamento delle ammoniti come una sorta di correlativo oggettivo dell’amore inaspettato che nasce fra le due. Più che difetti però queste sono potenzialità non sfruttate a pieno, e Ammonite merita sicuramente una visione, soprattutto per i fan del “genere”.

Sintesi

In un periodo storico in cui il cinema racconta spesso storie LGBT, L'opera di Francis Lee non è del tutto riuscita: le somiglianze con Ritratto della giovane in fiamme sono molte e sintomatiche di una certa sovrabbondanza di storie di un certo tenore. Sicuramente Ammonite non passerà inosservato grazie alla presenza di due protagoniste d'eccezione come Kate Winslet e Saoirse Ronan, ma non ha lo stesso carattere dirompente e seminale di film come La vita di Adele o Chiamami col tuo nome, né si presta in modo significativo a fare luce sul contributo dimenticato di Mary Anning alla paleontologia dell'Ottocento.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...