The Painted Bird

The Painted Bird recensione [Venezia 76]

The Painted Bird recensione del film di Václav Marhoul con Petr Kotlár, Udo Kier, Stellan Skarsgård, Harvey Keitel, Barry Pepper e Julian Sands

Ma cos’altro è stata, la Shoah, se non un film dell’orrore fin troppo reale? The Painted Bird sembra partire da quest’assunto, e il libro da cui è tratto (di Jerzy Kosinski, lo stesso di Oltre il giardino, all’epoca accusato di nazionalismo e di plagio) serve a Marhoul per portare a Venezia 76, in Concorso, un oscuro cammino quasi cristologico nel suo affondare nella violenza più cieca e ottusa.

Barry Pepper
Barry Pepper in The Painted Bird di Václav Marhoul

The Painted Bird racconta la storia di un bambino, nell’epoca dell’Olocausto, affidato dai genitori ad una vecchia zia: se lui è bullizzato da alcuni coetanei che mentre lo picchiano a calci e pugni gli incendiano davanti agli occhi una lontra, la zia morirà bruciata in un rogo appiccato per caso. In seguito sarà: picchiato brutalmente dai suoi paesani perché accusato di essere uno spirito maligno portatore di calamità; venduto ad una zingara che lo schiavizzerà fino a seppellirlo fino al collo e lasciarlo in balia del becco acuminato di un branco di corvi; raccolto da un mugnaio che lo farà assistere mentre picchia selvaggiamente la moglie sospettata di adulterio e cava gli occhi al supposto amante con un cucchiaio; picchiato ancora, chiuso dentro un sacco; quasi fucilato dai nazisti, che però non si faranno mancare occasione di uccidere a sangue freddo madri e bambini; preso da un prete che lo affiderà ad un buon uomo che si rivela sodomizzatore e violento, ma che morirà sbranato dai ratti; appeso ad una corda mentre un cane gli mangia i piedi; accolto da un allevatore di uccelli che però si suiciderà dopo che la ragazza amata, una ninfomane, viene torturata e uccisa dalle donne del villaggio; gettato nel letame… ed altri esempi di brutale efferatezza.

The Painted Bird di Václav Marhoul
The Painted Bird di Václav Marhoul

Tutto in primissimo piano, tutto in bella vista sbattuto in faccia allo spettatore, cortocircuitando la bellezza di una fotografia essenziale in un bianco e nero che desatura l’immagine per rendere ancora più asciutto, ancora più lacerante il dolore, in un percorso fatto di un’oscurità così buia ma alla fine così compiaciuta da far destare qualche sospetto. Gli orrori a cui viene sottoposto il piccolo protagonista e a cui assiste suo malgrado diventano però, dopo la prima, lunga metà del film (che in tutto ha una durata monstre di 163 minuti), prevedibili e paradossali.

Harvey Keitel
Harvey Keitel in The Painted Bird di Václav Marhoul

Se i richiami sono tutti al cinema di Von Trier e Haneke (che a confronto sembrano due sempliciotti), il côté teorico echeggia buona parte del cinema scandinavo: con cui però il film ceco ha ben poco a che fare. Perché siamo lontanissimi da un cinema rigoroso ma appassionato: The Painted Bird sembra teso solo ad annullare e spegnere ogni luce di speranza e di vitalità dagli occhi dell’innocente costretto al calvario, che inevitabilmente lo porta al dissolvimento individuale – il bimbo non ha nome – posto senza difesa di fronte al peggio che il mondo dell’essere umano può offrire, dalle superstizioni tribali al razzismo più ripugnante, da una religione oscurantista al finto perbenismo che genera mostri.

The Painted Bird di Václav Marhoul
The Painted Bird di Václav Marhoul

Così, l’opera di Marhoul sembra perdere una direzione e precipitare pian piano in una scivolosa ambiguità (che, a onor del vero, è presente anche nel romanzo) che non si salva pur rimandando ad un mondo preda dell’homo homini lupus, cieco di fronte all’innocenza, sbraitante e sbavante per un tozzo di pane. I corsi e ricorsi storici qua non c’entrano nulla: c’è solo l’autocompiacimento virtuoso di un cinema che segue le ombre oscene della banalità del Male, correndo il rischio di perdercisi dentro.

Gianlorenzo

Sintesi

Václav Marhoul porta in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia un oscuro cammino quasi cristologico nel suo affondare nella violenza più cieca e ottusa. The Painted Bird precipita pian piano in una scivolosa ambiguità che non si salva pur rimandando ad un mondo preda dell’homo homini lupus, cieco di fronte all’innocenza, sbraitante e sbavante per un tozzo di pane. Marhoul con la sua opera palesa l’autocompiacimento virtuoso di un cinema che segue le ombre oscene della banalità del Male, perdendocisi dentro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Buon compleanno Pinocchio: l’81esimo anniversario del capolavoro Disney

Buon compleanno Pinocchio: l'81esimo anniversario del capolavoro dell'animazione di Walt Disney tratto dal romanzo di Carlo Collodi Buon compleanno Pinocchio non è il solito articolo...

Tutta colpa di Freud recensione del film di Paolo Genovese con Marco Giallini [Netflix]

Tutta colpa di Freud recensione film di Paolo Genovese con Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Claudia Gerini, Anna Foglietta e Vittoria Puccini Inizia così Tutta colpa...

Cinema News: il cast di The Outfit, i trailer di Natural Light e di A Week Away e Il grande Gatsby serie animata

Cinema News by Day su MadMass.it The Outfit: il cast del film di Graham Moore Natural Light: il trailer del film di Dénes Nagy...

Hanno crocifisso Jared Leto: nuove foto di Gal Gadot & Co. da Zack Snyder’s Justice League e il cameo segreto di un supereroe

Zack Snyder ci mostra alcuni nuovi scatti del dietro le quinte dei reshoot di Justice League, con Gal Gadot, Amber Heard, Ben Affleck e...

Alien recensione film di Ridley Scott con Sigourney Weaver [Disney+ Star]

Alien recensione del film di Ridley Scott, con Sigourney Weaver, Tom Skerritt, John Hurt, Ian Holm, Harry Dean Stanton, Yaphet Kotto e Veronica Cartwright "In...

Cinema News: Ethan Hawke spiega perché ha scelto Moon Knight e Gillian Anderson entra nel cast di First Lady

Cinema News by Day su MadMass.it Ethan Hawke spiega perché ha accettato di girare Moon Knight, la nuova serie Marvel Anche Gillian Anderson si...

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini e Marco Pigossi [Netflix]

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini, Marco Pigossi, Jéssica Córes, Julia Konrad, Wesley Guimarães e Fábio Lago Disponibile su Netflix, Città...

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston [Sky Anteprima]

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston, Michael Stuhlbarg, Hope Davis, Hunter Doohan, Carmen Ejogo, Isiah Whitlock Jr., Sofia Black-D'Elia e...

Zack Snyder, non solo Justice League: Army of the Dead e il film su Re Artù

Zack Snyder, non solo Justice League: la data di uscita di Army of the Dead su Netflix e il film su Re Artù Non c'è...

La mappa delle piccole cose perfette recensione film con Kathryn Newton [Amazon Prime Video]

La mappa delle piccole cose perfette recensione film di Ian Samuels con Kathryn Newton, Kyle Allen, Jermaine Harris, Anna Mikami e Jorja Fox Disponibile su...