Onward - Oltre la magia

Onward recensione

Onward arriverà nelle sale italiane il 16 aprile e ci permetterà di intraprendere uno straordinario viaggio al fianco dei fratelli Ian e Barley.

Onward – Oltre la magia recensione film d’animazione Disney Pixar di Dan Scanlon con le voci italiane di Alex Polidori, Andrea Mete, Sabrina Ferilli e Fabio Volo

Dopo il successo di pubblico e critica raccolto con Toy Story 4, vincitore dell’Oscar come miglior film d’animazione, la Pixar torna nelle sale con Onward – Oltre la magia. Ma cosa c’è oltre la magia? A suggerircelo sono Ian (voce di Alex Polidori) e Barley (voce di Andrea Mete), due fratelli elfi estremamente diversi tra loro: il prima è magrolino e combatte ogni giorno con la propria insicurezza, il secondo ha due spalle larghe in tutti i sensi, che gli permettono di farsi scivolare di dosso i commenti di chi lo giudica un po’ troppo fuori dalle righe. Entrambi hanno dovuto affrontare la precoce perdita del papà, anche se in apparenza sembra che soltanto Ian senta la mancanza del genitore perduto e per questo non mancano momenti di tensione tra i due. Ma, come una sorta di P.S. I Love You versione cartoon, sarà proprio loro padre a riuscire, dall’aldilà, a colmare le lacune del loro legame fraterno.

Laurel, Ian e Barley in Onward
Laurel, Ian e Barley in Onward

Ian (Tom Holland), Barley (Chris Pratt) Lightfoot e e "papà"
Ian (Tom Holland), Barley (Chris Pratt) Lightfoot e e “papà”

Onward, in viaggio con due fratelli e il loro papà

Papà Wilden (voce di Fabio Volo) dona ai propri figli quello che appare come un semplice bastone magico ma che presto diventerà il mezzo concesso a Ian e Barley, un po’ grazie al volere del destino e un po’ all’intuito che non manca mai ad un genitore, per intraprendere quel viaggio che sì, rappresenta davvero il regalo del loro padre scomparso. In fondo, non è forse vero che più della destinazione sia il tragitto a rappresentare il vero senso di un viaggio? Lo diceva anche Dorothy ne Il Mago di Oz e chi siamo noi per dubitarne?!

Solo che, in questo caso, Ian e Barley come compagni di viaggio non hanno uno spaventapasseri, un uomo di latta o un leone codardo ma, udite udite, le gambe di loro padre. Solo ed esclusivamente gli arti inferiori ma tanto bastano per rendere indimenticabile l’esperienza dei due fratelli.

La magia del cinema animato ci permette come al solito di non stupirci se vediamo una manticora servire ai tavoli di un fast food o un gruppo di fatine punk-metal a bordo di una Harley Davidson. Ma proprio intorno a questo tema si sviluppa Onward che racconta come nel corso dei secoli i personaggi epici si dimentichino della loro natura e si auto-addomesticano per adeguarsi alla società che li circonda.

Onward - Oltre la magia recensione
Ian e Barley Lightfoot (voci originali di Tom Holland e Chris Pratt)

Ian Lightfoot, doppiato in italiano da Alex Polidori
Ian Lightfoot, doppiato in italiano da Alex Polidori

Introdotto il primo personaggio LGBT, già censurato in Russia

Si spera che dopo la sua uscita nelle sale, Onward non diventi oggetto di discussione solo per la prima apparizione di un personaggio omosessuale. Una poliziotta che interpreta una parte di pochi secondi e che semplicemente declina un singolo sostantivo al femminile (la mia compagna), anziché al maschile. In molti si chiedono se i tempi siano maturi e bisognerebbe comprendere se ad esserlo siano gli adulti e i genitori, considerata l’immediata censura da parte della Russia, poiché se si parlasse esclusivamente di un pubblico composto da bambini, il “problema” neanche si porrebbe.

Un po’ come in Frozen, dove al centro vi era il rapporto tra le sorelle Anna ed Elsa e le nuove consapevolezze conquistate da quest’ultima, Onward sceglie di raccontarci il legame tra due fratelli e ci rende spettatori di un percorso di maturità intrapreso in particolare dal più piccolo, Ian.

Onward mette in evidenza anche il lavoro di una madre (Laurel, voce di Sabrina Ferilli) rimasta vedova, e del suo attuale compagno che tenta di equilibrare il senso di responsabilità nei confronti dei ragazzi con la voglia di provare a risultare divertente ai loro occhi. L’istinto materno della donna rappresenta un superpotere aggiunto, che non necessita di bastoni magici o formule strane: se i suoi figli sono in pericolo, diventa portatrice di coraggio, cuore e intuito, un mix letale contro cui neanche un drago gigante può fare nulla.

Barley Lightfoot e il suo van Guinevere
Barley Lightfoot e il suo van Guinevere

Sabrina Ferlli è la voce italiana di Laurel in Onward
Sabrina Ferlli è la voce italiana di Laurel in Onward – Oltre la magia

Magia e risate tra personaggi irresistibili

I personaggi incrociati dai due fratelli durante il loro tragitto, si imbattono con la madre e sarebbe stato bello vedere tutte le creature coinvolte nella ricerca di Ian e Barley, come poi ha fatto solamente la manticora, un po’ nello stile de Alla ricerca di Nemo. Le stesse creature nel corso degli anni si sono omologate alla mediocrità che li circondava, rinunciando alla propria straordinaria natura e dimenticandosi di quello è racchiuso nel loro DNA.

In Onward, Dan Scanlon inserisce richiami evidenti all’universo di Indiana Jones e Dungeons & Dragons, mischiando costantemente elementi magici alla realtà quotidiana. Avventura ed enigmi da risolvere la fan da padrona, ma lasciano ampio spazio a battute irriverenti e momenti da lacrima facile sparsi qua e là. Un film che ci ricorda ancora una volta come l’essere diventati adulti ci faccia vivere un cartone animato a 360 gradi: oltre a riuscire a comprendere meglio la genialità di alcune gag, che magari potrebbe sfuggire ad un pubblico più giovane, risulta ormai impossibile trattenere la commozione di fronte ad alcune scene. Allo stesso tempo, i bambini verranno facilmente rapiti dai bellissimi colori di Onward e dai tanti personaggi più o meno buffi che ritroviamo sullo schermo nel corso dei 100 minuti di visione.

Un viaggio dentro noi stessi, per chi c’è e per chi non c’è più

Dopo aver visto Onward, dovremmo un po’ tutti fare come Ian e scrivere le cose da fare per migliorarci ogni giorno e superare così i limiti che inconsciamente ci imponiamo da chissà quanto tempo. Tutti abbiamo desiderato, almeno una volta, di possedere un po’ di magia per riportare al nostro fianco, anche solo per un giorno, chi non c’è più. Eppure non ci rendiamo conto che non servono formule strampalate per ottenere tutto ciò: chi se ne è andato rimane comunque dentro di noi e nelle persone che ci circondano, che poi sono proprio le persone che ci conoscono di più e che diamo spesso per scontate, ed è grazie a loro che possiamo rendere ancora più magico questo viaggio chiamato vita.

Sintesi

Un viaggio dentro noi stessi, per chi c'è e per chi non c'è più, tra magia, risate e personaggi irresistibili, Onward - Oltre la magia ci ricorda come, più della destinazione, sia il tragitto a rappresentare il vero senso di un percorso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...