Toy Story 4

Toy Story 4 recensione

Toy Story 4: la recensione del film di Josh Cooley con Angelo Maggi, Massimo Dapporto, Cinzia De Carolis, Luca Laurenti, Corrado Guzzanti, Rossella Brescia

Andrea non sta più nella pelle. Di nuovo. È un po’ strano, dopo quasi vent’anni.

La prima volta che ha visto Toy Story nemmeno se la ricorda. Eppure, la mamma sa benissimo che quel film d’animazione sorprendente è stato il suo film preferito da bambino, sa quante volte ha consumato il VHS originale per andare verso l’infinito e oltre. Erano gli anni ’90 e lo sceriffo Woody e Buzz Lightyear prendevano vita in un mondo fantastico ma estremamente realistico davanti ai suoi occhi increduli. Come dargli torto? Da quel momento in poi sarebbe cominciata un’attesa spasmodica per averne ancora, non importa se avrebbe dovuto aspettare tre (Toy Story 2 – Woody e Buzz alla riscossa), undici (Toy Story 3 – La grande fuga) o ventitre anni (Toy Story 4) per assistere alle nuove avventure della banda di giocattoli.

Toy Story 4
Woody, Bo Peep, Ducky, Bunny e Giggle McDimples in una scena del film

Dopo tutto questo tempo, ancora segue dei giocattoli?! Andrea sorride, ecco la famigerata domanda.

Se dovesse provare a spiegare a qualcuno cosa renda Toy Story ancora così irresistibile, di certo partirebbe da quell’accezione negativa che proviene da faciloni e profani. Sì, sullo schermo ci sono pupazzi antropomorfizzati alle prese con avventure rocambolesche. Esplorano, però, lo spettro esistenziale con una raffinatezza e una profondità tali da renderli più umani dell’uomo. La forma-giocattolo è il contenitore ideale per scandagliare i confini dell’animo senza dover preoccuparsi di essere necessariamente nel tempo e nello spazio presente.

Toy Story 4
Woody, Bo Peep e Duke Caboom

Quando Andrea si trova di fronte al franchise DisneyPixar, è facile che non faccia troppo caso ad una forchetta con un filo di lana come mani e due stecchette da gelato come piedi o ad un cane a molla. Riconosce in quella forma specifica le esperienze, i toni, i significati che mancano o corrispondono alla vita reale. Lo fa adesso, nel 2019, con gli strumenti di comprensione e critica dell’età adulta, lo ha fatto in maniera semplificata ma altrettanto valida quando era bambino. È una bella risposta. Viene da ringraziare intuitivamente chi queste avventure le ha messe per iscritte (lode a Pete Docter ed Andrew Stanton, un po’ meno a John Lasseter), ma l’efficacia e la trasversalità di Toy Story sono il risultato di uno sforzo tecnico-artistico globale in cui le competenze di ognuno sono state fondamentali.

Torniamo però un momento ad Andrea, che non vede l’ora che arrivi il 26 giugno. Se il cerchio sembrava chiuso nel 2010, cosa avranno tirato fuori dal cilindro in Toy Story 4? È arrivato il momento di fare i conti con sé stessi, non in quanto giocattoli (la questione era stata già affrontata con il personaggio di Buzz Lightyear nel primo capitolo), ma come essere dotati di aspirazioni, sogni e destini da compiere. È il momento della maturità, con la leggerezza di sempre, in cui sembra che venga alzata la posta in gioco per lo spettatore. Non si tratta soltanto, però, di chi ha seguito la saga dal 1996, ma anche di chi oggi sta costruendo la propria identità e trova un mondo completamente nuovo, con problemi ed esigenze diverse.

Toy Story 4
Woody, Gabby Gabby e Benson

Ci sono tutti i nostri beniamini, ma ci sono anche nuovi arrivati. Da Duke Caboom, l’acrobata su due ruote con la sindrome dell’abbandono (con la voce italiana di Corrado Guzzanti) a Forky, il giocattolo artigianale nevrotico creato da Bonnie con materiali di scarto (un perfetto Luca Laurenti), passando per la metamorfosi survival di Bo Peep (doppiata da Cinzia de Carolis), c’è soltanto da scegliere su quale sia il focus della narrazione. Il piatto è ricco e, a seconda delle papille gustative di ognuno, ci sarà qualche sapore che prevarrà sugli altri. La base, ovviamente, è dettata dall’inconfidibile tappeto musicale di Randy Newman.

Non c’è pericolo per Andrea, quindi. Non rimarrà deluso. Sarà come rivedere dei vecchi amici dopo un sacco di tempo. Qualcuno sarà cambiato, qualcosa cambierà dopo, ma fino a quando resteranno nella sua vita, in qualche modo se la caverà sempre.

Sintesi

Toy Story 4 alza la posta in gioco per lo spettatore rappresentando il momento di fare i conti con sé stessi, il momento della maturità per tutti gli esseri dotati di aspirazioni, sogni e destini da compiere, alla ricerca della propria identità.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 15 gennaio [Rassegna Stampa]

Chris Evans potrebbe staccare lo scudo dal chiodo Kevin Smith al lavoro su Clerks III Scott Frank al lavoro su The Sparrow Brevissime...

5 film sul giornalismo da vedere [Throwback Thursday]

Il cinema ha spesso dedicato pellicole di valore al mestiere del giornalismo. Riscopriamo insieme 5 film da vedere dedicate al giornalismo Il cinema si è...

Cinema News del 14 gennaio [Rassegna Stampa]

Il biopic su John McCain Rami Malek e Zoe Saldana per David O. Russell Women of the Movement Jeremy Davies in The Black...

Netflix film 2021: il trailer del listino cinematografico con trame e cast di tutti i film

Netflix presenta i suoi film 2021 con un trailer che introduce l'intero listino cinematografico di tutti i film dell'anno. Scopriamo la lista dei titoli...

WandaVision: Emanuela Folliero e Susanna Messaggio annunciano l’arrivo della nuova serie TV Disney+ nello spot Mediaset su Italia 1

In occasione dell'arrivo di WandaVision su Disney+, ritorno al passato su Mediaset e Italia 1 con Emanuela Folliero e Susanna Messaggio che annunciano l'arrivo...

Cinema News del 13 gennaio [Rassegna Stampa]

Salma Hayek confonde Owen Wilson in Bliss Riccardo Scamarcio ne L’ultimo paradiso James Bond probabilmente rimandato a novembre Il nuovo trailer di Judas...

Clarice: il trailer della serie TV con Rebecca Breeds nel ruolo dell’agente FBI Clarice Starling

Clarice: il trailer della serie TV con Rebecca Breeds nel ruolo dell'agente FBI Clarice Starling in uscita su CBS e CBS All Access Rebecca Breeds...

The Martian recensione film di Ridley Scott con Matt Damon

Sopravvissuto - The Martian recensione film scritto da Drew Goddard e diretto da Ridley Scott con Matt Damon, Jessica Chastain e Sean Bean Chissà se...

Cinema News del 12 gennaio [Rassegna Stampa]

Darren Aronofsky rilancia Brendan Fraser Il prossimo film di Aaron Sorkin I Sex Pistols raccontati da Danny Boyle RisiKo! arriva in TV Brevissime Cinema...

Equinox recensione serie TV di Tea Lindeburg con Danica Curcic e Karoline Hamm [Netflix]

Equinox recensione serie TV di Tea Lindeburg con Danica Curcic, Karoline Hamm, Viola Martinsen, Lars Brygmann, Hanne Hedelund, August Carter, Fanny Leander Bornedal e Alexandre...