Nostalgia della luce, Citizenfour, Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker

Nostalgia della luce, Citizenfour, Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker recensione [Indie]

La rubrica Indie dedicata a tre documentari: Nostalgia della luce, Citizenfour e Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker

Anche se spesso vengono banalmente considerati prodotti cinematografici a parte rispetto ai lungometraggi, i documentari si sono guadagnati, soprattutto negli ultimi decenni, una fetta sempre più vasta di spettatori, interessati a scoprire fatti per lo più nascosti o volutamente ignorati dal mondo dell’informazione ma snocciolati dettagliatamente da coraggiosi registi che non si sono arresi alle spietate regole spesso imposte dalle case di produzione e hanno fatto delle loro macchine da presa lo specchio di una realtà spesso scomoda da raccontare.

Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker
Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker

In realtà il cinema è nato per documentare, sin dai sui albori alla fine dell’Ottocento. Si è passati infatti da esperimenti protocinematografici realizzati con sequenze di scatti fotografici che consentivano di analizzare il movimento di esseri umani e animali all’evoluzione tecnologica, ad opera soprattutto di Thomas Edison e dei fratelli Lumière, che ha permesso la riproduzione del movimento verosimile grazie alla proiezione su schermo di immagini distinte. Il documentario rappresenta quindi la forma più autentica di fare cinema e la sua forza sta proprio nel raccontare una storia senza passare attraverso la dicotomia realtà-finzione come fa un film.

La top 3 dei documentari scelti dalla rubrica Indie per il loro modo di narrare o rivelare fatti storici abbastanza controversi, soprattutto per non farli dimenticare e mantenerne viva la memoria, è composta da Nostalgia della luce (Nostalgia de la luz) del 2010, Citizenfour del 2014 e The Russian Woodpecker del 2015.

Nostalgia della luce di Patricio Guzmán
Nostalgia della luce di Patricio Guzmán

Documentari: Nostalgia della luce di Patricio Guzmán
Nostalgia della luce di Patricio Guzmán

Documentari: Nostalgia della luce (Nostalgia de la luz) recensione

Premiato all’European Film Award, Nostalgia della luce è un sorprendente documentario di 90 minuti diretto da Patricio Guzmán, che ne è anche la voce narrante. Il regista cileno descrive, attraverso le testimonianze di varie persone, la bellezza del deserto di Atacama, in cui è più facile vedere le stelle per via della bassissima percentuale di umidità presente nell’aria, che quindi rende il cielo più facile da esplorare. Posto preferito da innumerevoli osservatori astronomici, questo luogo magico nasconde anche molte realtà passate. Il deserto cileno era sede infatti, di diversi campi di prigionia creati sotto la dittatura di Pinochet e contiene quindi, nel suo arido territorio, le tracce delle atrocità imposte dal regime. I resti dei desaparecidos, nascosti in questa terra al confine del mondo, vengono ancora cercati dai familiari per assicurare loro una degna sepoltura proprio come gli archeologi rintracciano la presenza di civiltà passate, attraverso iscrizioni e mummie precolombiane. Guzmán ci guida alla scoperta di questo posto meraviglioso e ricco di storia utilizzando abilmente analogie tra i vari racconti, sia scientifici che storici, che si mescolano tra di loro, conferendogli una magia unica.

Documentari: Citizenfour
Edward Snowden in Citizenfour

Documentari: Citizenfour recensione

Citizenfour, che ha fatto vincere a Laura Poitras l’Oscar al miglior documentario, è l’ultima opera di una trilogia iniziata dalla documentarista statunitense nel 2006 con My Country My Country, basato sull’occupazione militare degli USA in Iraq e proseguita nel 2010 con The Oath, un documentario che parla della storia di due uomini yemeniti intenti a fuggire dalla guerra. Lo spiazzante documentario, che racconta lo scandalo spionistico della NSA denunciato da Edward Snowden, è un excursus crescente del complesso rapporto di comunicazione, iniziato con una e-mail crittografata da uno sconosciuto che si firma “Citizen Four”, tra la regista è quello poi lei scoprirà essere l’informatico statunitense.
Il potere di questo documentario sta sicuramente nel montaggio di varie situazioni che precedono e susseguono l’incontro tra la Poitras e Snowden rendendolo emozionante come un thriller, con la sola differenza che non si tratta di fiction ma di una triste e vera storia di spionaggio sia politico che finanziario messo in atto dal governo americano.

Il complotto di Chernobyl - The Russian Woodpecker
Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker

Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker recensione

The Russian Woodpecker, diretto e prodotto da Chad Gracia, è un altro sconvolgente documento che rivela verità tenute nascoste per anni dal governo russo sul disastro di Chernobyl.
Vincitore del Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival, il documentario svela, con i toni di un thriller politico, le indagini di un eccentrico artista ucraino, Fedor Alexandrovich, sul legame tra l’incidente di Chernobyl e la Duga, un’antenna che ai tempi della Guerra Fredda mandava alle radio di tutto il mondo un segnale ribattezzato “Russian Woodpecker”, letteralmente “picchio russo”. La formula vincente del docufilm è stata proprio scegliere come protagonista narrante il giovane ucraino, che quando avvenne l’incidente alla centrale nucleare, nel 1986, aveva solo quattro anni. Mosso dalla rabbia nei confronti del regime sovietico, che secondo lui ha nascosto la verità sulla natura del disastro facendo ricadere la colpa sugli operatori dell’impianto, Alexandrovich cerca di far luce con ironica malinconia sulle ombre di una delle tante cospirazioni dell’Unione Sovietica.

Arianna

Sintesi

Tre eccellenti documentari, molti diversi tra di loro nel contenuto ma simili nello scopo, cercano di fare luce su alcuni punti, ancora molto controversi, della storia, della politica e dell’umanità.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...