Lezioni di persiano

Lezioni di persiano recensione film di Vadim Perelman con Nahuel Pérez Biscayart [Anteprima]

Lezioni di persiano recensione film di Vadim Perelman con Nahuel Pérez Biscayart, Lars Eidinger, Jonas Nay, Leonie Benesch e Luisa-Céline Gaffron

Sotto la regia di Vadim Perelman, regista ucraino naturalizzato canadese noto per il suo esordio con La casa di sabbia e nebbia, distribuito da DreamWorks, prende vita Lezioni di persiano, una tragedia franco-tedesca che adotta una nuova chiave di lettura per affrontare il tema delle deportazioni naziste durante la Seconda Guerra Mondiale.

Basato sul racconto di Wolfgang Kohlhaase, Erfindung einer Sprache (Invenzione di una lingua), il film segue le vicende di un campo di transito tra la Francia e la Germania il cui ufficiale responsabile delle cucine, Koch (Lars Eidinger), sogna di aprire un ristorante di cucina tedesca in Iran una volta finita la guerra; per poter realizzare il suo progetto ha bisogno di imparare la lingua del luogo, il farsi, e sarà aiutato da Gilles (Nahuel Pérez Biscayart), ebreo che finge di essere persiano per salvarsi la vita. Quanto a lungo potrà funzionare questa sua bugia?

Lars Eidinger
Nahuel Pérez Biscayart e Lars Eidinger (Credits: UGOLPHOTO/Academy Two)
Leonie Benesch
Leonie Benesch (Credits: UGOLPHOTO/Academy Two)

L’opera, come tutte quelle che affrontano questo particolare tema, è grave e cruda in alcuni suoi punti perché cerca di riprodurre nella maniera più fedele possibile la vita nei campi di concentramento, ma, come raramente si vede, mostra anche il lato umano di tutti i suoi protagonisti, compresi i soldati tedeschi, che siamo più abituati a vedere nei panni di robot senza emozioni che gridano ordini atroci.

L’umanizzazione dei personaggi avviene attraverso rappresentazioni di piccole storie d’amore tra i soldati e la gelosia e la vendetta che da esse scaturiscono, ma soprattutto attraverso il rapporto tra il personaggio di Koch e il suo insegnante/prigioniero Gilles: è una relazione complicata, basata sull’interesse reciproco – poiché Gilles acquisirà dei privilegi e Koch apprenderà qualcosa che gli sarà utile nel futuro – ma che a volte va molto più a fondo e svela un animo gentile nell’ufficiale tedesco e approfittatore nel prigioniero.

Quasi a comporre un peculiare plot twist verso la fine, l’opera si conclude con un tributo alla memoria: i registri con i nomi degli ebrei, infatti, erano stati bruciati prima dell’arrivo delle truppe americane, ma Gilles, che per inventare le parole in farsi aveva preso spunto dagli archivi, li ricorda tutti alla perfezione, rimasti incisi nel suo animo proprio grazie alla sua particolare esperienza.

Lars Eidinger e Nahuel Pérez Biscayart
Lars Eidinger e Nahuel Pérez Biscayart (Credits: UGOLPHOTO/Academy Two)
Lezioni di persiano recensione film di Vadim Perelman
Lezioni di persiano di Vadim Perelman (Credits: UGOLPHOTO/Academy Two)

Sintesi

Vadim Perelman, celebre per la sua opera prima La casa di sabbia e nebbia, adotta una nuova chiave di lettura per affrontare il tema delle deportazioni naziste durante la Seconda Guerra Mondiale, attraverso una rara umanizzazione dei suoi personaggi, che investe anche i soldati tedeschi, e la relazione complicata e talvolta ribaltata tra l’ufficiale tedesco ed il prigioniero ebreo.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Vadim Perelman, celebre per la sua opera prima La casa di sabbia e nebbia, adotta una nuova chiave di lettura per affrontare il tema delle deportazioni naziste durante la Seconda Guerra Mondiale, attraverso una rara umanizzazione dei suoi personaggi, che investe anche i soldati tedeschi, e la relazione complicata e talvolta ribaltata tra l’ufficiale tedesco ed il prigioniero ebreo.Lezioni di persiano recensione film di Vadim Perelman con Nahuel Pérez Biscayart [Anteprima]