La vita davanti a sé

La vita davanti a sé recensione film di Edoardo Ponti con Sophia Loren [Netflix]

La vita davanti a sé recensione film di Edoardo Ponti con Sophia Loren, Ibrahima Gueye, Renato Carpentieri, Abril Zamora e Massimiliano Rossi

Ispirato all’omonimo romanzo scritto da Romain Gary nel 1975 e già portato sul grande schermo da Moshé Mizrahi, il quale vinse l’Oscar per il migliore film straniero nel 1978, La vita davanti a sé viene riproposto da Edoardo Ponti che sceglie la propria madre, la colossale Sophia Loren, come interprete di Madame Rosa, la forte ma allo stesso tempo fragile protagonista femminile della pellicola, non più uscita nelle sale cinematografiche a causa della pandemia e quindi distribuita direttamente sulla piattaforma Netflix.

Una Bari interetnica e multiculturale, che sembra quasi una Gerusalemme italiana, fa da cornice alla storia drammatica ma piena di emozioni di Madame Rosa, una ex prostituta ebrea, e Momò, un irrequieto dodicenne di origini senegalesi e musulmano, interpretato empaticamente da Ibrahima Gueye, che al suo debutto cinematografico regala una egregia interpretazione di un personaggio che si sdoppia spesso passando da atteggiamenti burberi e aspri ad altri più dolci ed emotivi.

La vita davanti a sé recensione film con Sophia Loren
Sophia Loren (Credits: Regine De Lazzaris aka Greta)
Sophia Loren e Ibrahima Gueye
Sophia Loren e Ibrahima Gueye (Credits: Regine De Lazzaris aka Greta)

Le vicende dei due protagonisti, così diversi tra loro ma anche su certi aspetti molto simili, si intersecano e si incontrano nelle stradine del capoluogo pugliese quando lo sbandato ragazzino ruba alla vecchia signora la borsa che le verrà restituita dal dottor Cohen (Renato Carpentieri), il quale tiene in affido il giovane Mohamed, ormai rimasto orfano.

Dopo aver riconsegnato l’oggetto del furto il vecchio signore ne approfitta per chiedere a Rosa di tenere almeno per un periodo l’indisciplinato Momò, in quanto ritiene sia l’unica a poterlo capire dato il suo vissuto particolarmente duro e la sola a poterlo rimettere in riga. L’anziana donna infatti ha già esperienza con i bambini problematici, occupandosi spesso dei figli delle ex colleghe prostitute e tenendo in casa Joseph (Iosif Diego Pirvu), abbandonato dalla madre.

Renato Carpentieri
Renato Carpentieri (Credits: Regine De Lazzaris aka Greta)

Un cast d’eccezione costituito da vecchie colonne del cinema come Loren e Carpentieri, da giovani promesse come Gueye e da bravi interpreti come Abril Zamora che interpreta la prostituta transessuale Lola, insieme ad una storia già collaudata ma ricca di emozioni contrastanti fanno de La vita davanti a sé un film che fa riflettere su come l’esistenza umana sia legata sempre all’inevitabile destino che può donare felicità ma anche toglierla velocemente senza nemmeno rendercene conto.

Ottima la fotografia di Angus Hudson che con bellissime inquadrature di dettagli sottolinea particolari dei personaggi in maniera elegante ed eloquente, come le mani vissute della bellissima Madame Rosa o gli occhi neri e penetranti di Momò.
La presenza di una imponente e magnifica Sophia Loren conferisce alla pellicola un più che sufficiente motivo per non perderla.

Sintesi

Una meravigliosa Sophia Loren viene diretta da suo figlio Edoardo Ponti in La vita da-vanti a sé: ispirato all’omonimo romanzo scritto da Romain Gary, la pellicola racconta in maniera elegante ma schietta come le differenze culturali possano essere un motivo di unione e coesione tra le persone.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una meravigliosa Sophia Loren viene diretta da suo figlio Edoardo Ponti in La vita da-vanti a sé: ispirato all’omonimo romanzo scritto da Romain Gary, la pellicola racconta in maniera elegante ma schietta come le differenze culturali possano essere un motivo di unione e coesione tra le persone. La vita davanti a sé recensione film di Edoardo Ponti con Sophia Loren [Netflix]