Mimì il principe delle tenebre

Mimì il principe delle tenebre recensione film di Brando De Sica con Domenico Cuomo [Anteprima]

Un film coraggioso nel panorama del cinema italiano che gioca con l'immaginario horror e fantastico.

Mimì il principe delle tenebre recensione film di Brando De Sica con Domenico Cuomo, Sara Ciocca, Mimmo Borrelli, Giuseppe Brunetti, Abril Zamora, Dino Porzio e Daniele Vicorito [Anteprima]

Domenico Cuomo e Sara Ciocca in Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)
Domenico Cuomo e Sara Ciocca in Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)

Torniamo a più o meno sette, otto anni fa.

Commissione ministeriale di valutazione delle sceneggiature cinematografiche.
Brando De Sica sottopone alla valutazione del suddetto la sceneggiatura di Mimì il principe delle tenebre e il pitch comincia così: in una Napoli misteriosa ed esoterica, un giovane freak dai piedi deformati scivola nelle tenebre per conquistare l’amore e la libertà con un copioso spargimento di sangue.

Qualcuno alza un sopracciglio, qualcuno fa finta di non aver sentito eppure il trasporto con cui il regista presenta la sua creatura è tangibile. Forse è quello che fa la differenza, che accende il semaforo verde per il film.

Il resto è la storia del travaglio che accomuna film pronti a nascere ma non tanto forti da sgattaiolare fuori dalla pre-produzione. Mimì si incaglia nelle logiche dietro le quinte, ma De Sica lascia che i carboni rimangano ardenti sotto la fuliggine. Soffiando forte, quando necessario.

Domenico Cuomo e Sara Ciocca protagonisti di Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)
Domenico Cuomo e Sara Ciocca protagonisti di Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)

Si realizza una compenetrazione speciale tra l’uomo e la sua creatura. Il padre, disposto a tutto pur di farla venire al mondo, la cova mentre studia come permettere che questo avvenga.

Mimì il principe delle tenebre è sicuramente un film di genere, che miscela con cognizione di causa l’immaginario horror/fantastico a una love story tra persone emarginate dalla società civile, ma con ragionevole certezza è anche la storia di come il cuore supportato dall’orgoglio, dalla passione e dalla testardaggine trovi sempre il modo di rivelarsi in tutta la sua potenza.

Finzione e realtà si inseguono e si incontrano come Mimì (Domenico Cuomo) trova e rincorre Carmilla (Sara Ciocca) lungo una Napoli cupa e segreta. E anche oltre.

È un film di resistenza stoica, sullo schermo e dietro le quinte. Perde qualcosa in termini di armonia narrativa ma il regista convoglia tutte le precedenti esperienze audiovisive nella direzione dell’autentica passione, che trasuda in ogni sua scelta: casting brillante, fotografia incisiva e un comparto VFX di prim’ordine per un esordio.

Le tinte dark e splatter invocano vampiri, bestie e altre creature della notte, ma in mezzo a questa coltre fumosa c’è il cuore di chi insegue i propri sogni in un mondo pieno di violenza e sopraffazione. La diversità e l’emarginazione sono strumenti creati per isolare e neutralizzare chi cerca una felicità diversa. Non è una dissociazione con tendenza schizofrenica, è il campo che si crea chi non ha un posto nel canone e nell’ordine imposto delle cose.

Mimì il principe delle tenebre sceglie di non fare diagnosi o esprimere giudizi, ma di abbracciare un sogno e crederci fin dove è possibile, come i canini dei vampiri affondano nella carne fin quando non sentono il sangue.

Perché quando tutto sembra perduto, tutto è ancora meravigliosamente in piedi.

Specialmente al cinema.

Domenico Cuomo in Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)
Domenico Cuomo in Mimì il principe delle tenebre (Credits: Salvatore Liguori)

Sintesi

Mimì il principe delle tenebre è un film che fonde abilmente horror e love story. Brando De Sica sceglie di non fare diagnosi o esprimere giudizi, ma di abbracciare un sogno e crederci fin dove è possibile.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da sei anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli