L’Uno

L’Uno recensione film di Paolo Carenzo con Elena Cascino [Chili Anteprima]

L'Uno è l'adattamento cinematografico della pièce teatrale diretta da Paolo Carenzo e scritta dal gruppo Contrasto, disponibile su Chili dal 23 novembre.

L’Uno recensione film di Alessandro Antonaci, Stefano Mandalà, Daniel Lascar e Paolo Carenzo con Elena Cascino, Matteo Sintucci e Stefano Accomo

Siamo all’alba de L’Uno gennaio, la notte di Capodanno del 31 dicembre duemila non si sa, in uno splendido seminterrato di design, dove abitano Marta (Elena Cascino), architetto in carriera, e Tommaso (Matteo Sintucci), studente di comunicazione. Al cenone saranno presenti anche Giulio (Stefano Accomo) e Claire (Anna Canale), la sua nuova fiamma francese e Cecilia (Alice Piano), la sorella di Marta, con il suo nuovo ragazzo (Carlo Alberto Cravino).

Fin dall’incipit L’Uno ci confonde le idee, gli oggetti e le trasmissioni televisive sono vintage, eppure i protagonisti hanno gli smartphone, ci sono delle restrizioni sociali, come il divieto di far esplodere fuochi d’artificio, strano per la notte di Capodanno.

L’Uno è una strana presenza in cielo, visibile da qualsiasi parte del mondo, un elemento sconosciuto che costringe l’essere umano a pensare oltre al visibile e al noto sentendosi perennemente in pericolo dall’incerto che lo sovrasta. Una situazione in cui, purtroppo, ci immedesimiamo facilmente in questo 2020.

Elena Cascino
Elena Cascino

Carlo Alberto Cravino e Alice Piano
Carlo Alberto Cravino e Alice Piano

L’Uno è una profetica pièce teatrale diretta da Paolo Carenzo e scritta dal gruppo Contrasto alla fine del 2018 e andato in scena a partire dal Capodanno di quell’anno, si rivela una sceneggiatura perfetta per l’adattamento cinematografico, anche se questo elemento è allo stesso tempo punto di forza e di debolezza.

Lo scheletro di un film è la sua storia, ma senza l’uso corretto del linguaggio di riferimento (in questo caso quello cinematografico) il prodotto non rende giustizia a una bella storia. L’Uno non sembra un film, ma uno spettacolo teatrale filmato. La regia è tipicamente teatrale, tranne per qualche movimento di macchina più audace, e lo sono anche la scenografia e la recitazione degli attori.

Anna Canale e Matteo Sintucci
Anna Canale e Matteo Sintucci

L'Uno recensione film di Paolo Carenzo con Elena Cascino
Anna Canale e Stefano Accomo

La storia de L’Uno è disturbante sufficientemente da creare interesse e non abbastanza da risultare gravosa. L’ambientazione unica e l’interpretazione degli attori ci permettono di immergerci nella storia e sentirla nostra, invogliandoci a capire tanto quanto i personaggi cosa sia l’Uno.

Lungometraggio coraggioso e originale, L’Uno, visto il periodo attuale, segue un processo distributivo inverso: la NewGen Entertainment ha deciso di renderlo disponibile a noleggio sulla piattaforma Chili dal 23 novembre, senza trascurare l’uscita in sala, che avverrà in tempi migliori.

Sintesi

Profetica pièce teatrale diretta da Paolo Carenzo e scritta dal gruppo Contrasto alla fine del 2018, L’Uno è una storia dal genere ibrido, quasi fantascientifico, che racconta in maniera coraggiosa e originale la debolezza del genere umano di fronte all'ignoto.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli