La Révolution

La Révolution recensione serie TV di Aurélien Molas [Netflix Anteprima]

La Révolution recensione serie TV di Aurélien Molas con Marilou Aussilloux, Lionel Erdogan, Amir El Kacem, Julien Frison, Isabel Aimé González-Sola, Amélia Lacquemant, Coline Beal e Gaia Weiss

La storia è un insieme di menzogne concordate.
(La Révolution)

Aurélien Molas consegna alla Francia il suo Game of Thrones a corte, reimmaginando la Rivoluzione francese del 1789 a partire dagli eventi “dimenticati” di due anni prima, quando il dolore per l’assassinio di una figlia del popolo ha provocato la scintilla che ha incendiato il Regno di Francia, spingendo gli ultimi a ribellarsi, pronti a battersi per la libertà, l’uguaglianza e la fraternità.

MadMass.it consiglia by Amazon

Al di là della spettacolarità delle derive zombie e splatter di una serie marcatamente d’azione a tinte horror, La Révolution trova la sua forza nei simbolismi e nella creatività di una narrazione che rivisita la storia francese immaginando Re Luigi XVI come una figura mefistofelica che tesse un piano scellerato per sfidare Dio e la morte, chiamando alla sua corte le dodici principali famiglie aristocratiche della Francia con la promessa dell’immortalità e di cambiare il mondo.

Marilou Aussilloux e Lionel Erdogan
Marilou Aussilloux e Lionel Erdogan

Amir El Kacem e Isabel Aimé González-Sola
Amir El Kacem e Isabel Aimé González-Sola

Questo giorno verrà ricordato come brillante esempio dell’ordine delle cose.
Il popolo deve ricordarsi qual è il suo destino: sottomettersi, ubbidire e nutrirci.
(Julien Frison in La Révolution)

La minaccia di un’epidemia che si preannuncia tragicamente più grave della peste o del vaiolo, la sofferenza degli umili e dei senza nome, sottomessi e sfruttati dai potenti, la rivoluzione degli schiavi di ieri che diventano i ribelli della Rivoluzione, tra superuomini zombie dal sangue blu che si spingono a nutrirsi anche “fisicamente” del popolo e quest’ultimo che insorge unendosi nella Fraternità, l’atavica sfida tra il Bene e il Male, tra Dio ed il Diavolo, tra i ricchi e i poveri, attraverso stregonerie, possessioni e resurrezioni.

Zombie e carneficine splatter servono ad Aurélien Molas per dipingere a tinte gore l’avidità, la depravazione e la lussuria della monarchia assoluta francese e dell’Ancien Régime, responsabile dello stato di diseguaglianza e povertà e della sofferenza del popolo sottomesso, attraverso una narrazione coinvolgente e una messa in scena spettacolare che esalta il dramma attraverso i primi piani dei suoi protagonisti, evitando sapientemente di mettere in campo grandi sequenze di combattimento corali e facendo leva sui suoi punti di forza, come il giovane e talentuoso cast, da Marilou Aussilloux (Elise de Montargis) a Lionel Erdogan (Albert Guillotin), Isabel Aimé González-Sola (Katell) e Julien Frison (Donatien de Montargis), l’eccellenza del design di produzione e del dipartimento makeup, la colonna sonora realizzata dal compositore e produttore francese di musica elettronica Saycet che elettrizza l’opera.

La Révolution recensione serie TV Netflix di Aurélien Molas
Gaia Weiss

Julien Frison
Julien Frison

Quello che la storia mi ha insegnato è che tutto può cambiare grazie a chi non ha paura né di morire per una causa né di battersi per la giustizia
(La Révolution)

La Révolution riesce a suscitare un moto di disprezzo nei confronti dei suoi villain, su tutti il sadico capo delle forze dell’ordine Edmond de Pérouse interpretato da Dimitri Storoge ed il già citato Julien Frison che dà vita o meglio morte all’odioso e scandaloso Donatien de Montargis, conte depravato che si macchia dei peggiori misfatti nei confronti del popolo e della sua stessa famiglia.

Una ghigliottina non ancora “inventata” – tra i protagonisti principali della storia troviamo con non poca fantasia il medico realmente esistito Joseph Guillotin (Amir El Kacem), che nella “realtà” della finzione ideerà presumibilmente la ghigliottina come unico strumento di morte in grado di uccidere davvero i morti risorti, infettati dal virus del sangue blu, attraverso la decapitazione – e l’alba della Repubblica, che sancirà l’uguaglianza tra gli uomini attraverso l’abolizione dei diritti di nascita e familiari e l’emanazione della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, sono l’intrigante contesto in cui ci immerge la nuova serie originale Netflix La Révolution, impreziosita da finezze come la “vera storia” della nascita del tricolore della bandiera francese, blu, bianco e rosso.

La Révolution recensione serie TV Netflix di Aurélien Molas
La Révolution serie TV Netflix di Aurélien Molas

Le frasi de La Révolution

Perché nasconderci?
Il popolo è sempre esistito per nutrirci.
Così o in un altro modo che differenza fa?
(Julien Frison in La Révolution)

Scappa via dall’asino se non vuoi ragliare anche tu.

Non esiste alcuna cura per la mediocrità

Isabel Aimé González-Sola
Isabel Aimé González-Sola

La Révolution recensione serie TV Netflix di Aurélien Molas
La Révolution serie TV Netflix di Aurélien Molas

Sintesi

Aurélien Molas consegna alla Francia il suo Game of Thrones a corte, reimmaginando la Rivoluzione francese con una spettacolare e coinvolgente serie d'azione a tinte horror che, tra derive zombie e splatter, trova la sua forza nei simbolismi e nella creatività di una narrazione che dipinge l'avidità, la depravazione e la lussuria della monarchia assoluta francese e l'alba della Repubblica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli