Jumanji: The Next Level

Jumanji 2: The Next Level recensione

Jumanji 2: The Next Level recensione del film di Jake Kasdan con Dwayne Johnson, Kevin Hart, Karen Gillan, Jack Black, Danny DeVito, Danny GloverAwkwafina e Nick Jonas

I remake portano sulle spalle un peso incredibile. Devono, per forza di cose, confrontarsi con l’originale, ovvero film che hanno rappresentato una generazione a tal punto da fare in modo che, svariati anni dopo, qualcuno senta la necessità di riproporli a una nuova tipologia di pubblico. Questa è stata la storia dietro la realizzazione del primo remake di Jumanji, un film con molti difetti, ma che almeno metteva la parola “fine” agli eventi del magico gioco (divenuto videogioco). Ora, dopo poco meno di due anni, arriva nelle sale Jumanji 2: The Next Level, un film del quale si poteva fare a meno, ma che almeno mostra fieramente i suoi difetti e li esalta con delle performance gradevoli, sopra le righe, il più delle volte divertenti.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il cast di Jumanji: The Next Level
Il cast di Jumanji: The Next Level

Jumanji: The Next Level inizia circa un anno dopo le vicende del primo capitolo. In seguito ad eventi che non vi sveleremo (ma che, comunque, sono poco più di un pretesto per far in modo di sostenere un film dalla durata di due ore), i protagonisti della scorsa pellicola, più due aggiunte d’eccezione, il nonno di Spencer, Eddie (Danny DeVito), e il socio di quest’ultimo, Milo (Danny Glover), entrano nuovamente nel videogioco. In questo caso, però, gli avatar vengono assegnati in modo casuale, con il risultato di esilaranti performance da parte di Dwayne Johnson e Kevin Hart (che, nonostante l’impegno dei doppiatori, perdono parecchia della loro efficacia in lingua italiana).

Dwayne Johnson e Kevin Hart
Dwayne Johnson e Kevin Hart nei panni del Dottor Bravestone e dello zoologo Finbar, i due avatar “scelti” dai personaggi di Danny DeVito e Danny Glover

Jumanji 2: The Next Level recensione
Kevin Hart, Dwayne Johnson, Karen Gillan e Jack Black

La storia procede con escamotage narrativi sempre più banali verso un finale abbastanza sotto le righe. La sensazione, guardando questo secondo capitolo, è quella che i personaggi abbiano scordato tutto ciò che avevano imparato nel primo film, ovvero la sicurezza in loro stessi, l’importanza del lavoro di squadra, anche la maturità acquisita durante l’avventura. Si vede che è stato riproposto solo per il successo commerciale che ha riscosso il film precedente, mettendo, così, in crisi i poveri sceneggiatori, che hanno dovuto continuare una storia già bella che conclusa. Il film, per la sua durata, per la sua comicità a volte veramente di basso livello, per le sue scene d’azione caotiche e poco avvincenti, verso la metà del film, quando ci si è ormai abituati alle performance di Johnson e Hart, inizia indubbiamente ad annoiare. E questa è forse la cosa che più di tutte un film di questo genere dovrebbe assolutamente evitare di fare. Se un blockbuster concepito per divertire, inevitabilmente annoia, allora, in qualche modo, ha fallito.

Jumanji 2: The Next Level recensione
Jumanji2: The Next Level: il poster

Sintesi

Jumanji: The Next Level è uno di quei sequel non necessari, creati solo sulla scia del successo dei precedenti film. Come se non bastasse, è anche una di quelle pellicole che annoiano lo spettatore. Le avventure dentro questo mondo fantascientifico dovrebbero essere esaltanti, avvincenti. Invece, il massimo che riescono a fare è strapparti qualche risata grazie alle performance di The Rock, Kevin Hart e, soprattutto, Danny DeVito, unico elemento completamente funzionante dell'intera pellicola. Nonostante la poca concretezza del film, è evidente la passione e il divertimento che i protagonisti hanno messo nella realizzazione. In sostanza, è un film realizzato in famiglia, da persone che si conoscono e che erano coscienti della "portata limitata" del film. Hanno fatto del loro meglio per renderlo appetibile. Peccato che, sotto diversi frangenti, abbiano raggiunto il risultato opposto.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli