Il metodo Kominsky 2

Il metodo Kominsky 2 recensione seconda stagione

Il metodo Kominsky 2 recensione della serie TV di Chuck Lorre con Michael Douglas, Alan Arkin, Sarah Baker, Jane Seymour, Paul Reiser e Lisa Edelstein

Vincitore di due premi ai Golden Globe 2019 come miglior serie commedia o musicale e miglior attore in una serie commedia o musicale (Michael Douglas), Il metodo Kominsky è tornato sulla piattaforma Netflix – il 25 ottobre – con una seconda stagione composta ancora una volta da 8 episodi. Era impossibile non continuare questa serie creata da Chuck Lorre (lo stesso ideatore di di Due uomini e mezzo e The Big Bang Theory) dopo il buonissimo riscontro avuto sia dal pubblico che dalla critica. 75 anni per Michael Douglas e 85 anni per Alan Arkin, che tornano come attori protagonisti (più in forma che mai) in questa serie che è ancora più apprezzabile della passata stagione.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il metodo Kominsky si era fatta apprezzare per la sua capacità di mescolare commedia e dramma in uno cocktail però leggerissimo. Difatti, non affondava il colpo per strappare qualche risata o lacrima in più, rimanendo comunque elastica pur trattando tematiche serie. La seconda stagione invece cambia strategia, spinge molto di più sull’acceleratore, sulla profondità e sull’emotività. Il metodo Kominsky 2 riesce in maniera fantastica a suscitare più emozioni della prima stagione, mantenendo comunque leggeri i toni.

Alan Arkin e Jane Seymour
Alan Arkin e Jane Seymour

Nella seconda stagione, Sandy Kominsky (Michael Douglas) conoscerà Martin (Paul Reiser), il fidanzato di sua figlia Mindy (Sarah Baker), il problema è che Paul è anziano tanto quanto Sandy. In aggiunta poi, Sandy dovrà fare i conti con una brutta malattia che lo affligge. Dall’altra parte troviamo il suo migliore amico Norman Newlander (Alan Arkin), intento a riprendere in mano la propria vita dopo la morte di sua moglie. Per cambiare definitivamente esistenza, Norman frequenterà l’ex ragazza Madelyn (Jane Seymour) e proverà una volta per tutte a dare fiducia a sua figlia tossicodipendente Phoebe (Lisa Edelstein), anche lei determinata a cambiare il proprio stile di vita. In mezzo a tutto questo, ovviamente, c’è il legame di amicizia tra Sandy e Norman, sempre pronti a punzecchiarsi e ad aiutarsi a vicenda.

La seconda stagione si concentra sulla morale: “Non è mai troppo tardi“, frase che calza a pennello dal momento che non è mai tardi per Sandy, che nonostante la malattia continua a frequentare una donna e a lavorare. Egli, dunque, non si lascia abbattere da questo male dimostrandosi più forte, o meglio, più orgoglioso. Difatti, è un uomo che vuole avere tutto sotto controllo e quando qualcosa non va come previsto, perde la testa e inizia a intestardirsi. Norman invece, nonostante la sua età, cerca di cambiare la propria vita diventando più buono con il prossimo e soprattutto con i suoi cari. Un cambiamento più spirituale per Norman, a differenza del suo migliore amico tendente alla praticità.

Nancy Travis e Michael Douglas
Nancy Travis e Michael Douglas

Il metodo Kominsky 2 recensione
Sarah Baker e Alan Arkin

Il duo ancora una volta è irresistibile, si nota il loro volersi bene ma anche le loro differenze perlopiù divertenti. Adesso poi, dovranno fare i conti anche con l’età che avanza (il loro continuo scordarsi delle parole lo dimostra). Ottimi i neo entrati: Martin, un uomo dal cuore d’oro e sensibile, può sembrare felice ma invece nasconde un profondo senso di insoddisfazione della propria vita. Questo lo rende un personaggio interessante e Paul Reiser è stato bravissimo nella sua performance. Come lui, è anche bravissima nonché bellissima Madelyn (Jane Seymour), la donna giusta per far cambiare Norman vista la diversità di carattere. Le sequenze girate nella classe teatrale di Sandy sono poi ancora più coinvolgenti e profonde.

Una stagione significativa contraddistinta da personaggi in lotta che non vogliono darla vinta non soltanto al tempo che passa, ma anche al tempo passato. Il metodo Kominsky 2 dimostra come sia indispensabile aprirsi con qualcuno/a per poter scacciare i propri fantasmi e per migliorarsi. Nella serie questo accade in maniera assolutamente eccelsa, diventando il fattore principale che porta gli spettatori a proseguire episodio dopo episodio.

Seconda stagione che conferma e rende favolosa una serie già bella di suo, capace di far ridere e commuovere con leggerezza.

Sintesi

All'insegna del "Non è mai troppo tardi", la seconda stagione de Il metodo Kominsky di Chuck Lorre fa il salto di qualità grazie alla sua carica emozionale, pur mantenendo la leggerezza che contraddistingue la serie. I protagonisti Michael Douglas e Alan Arkin si confermano irresistibili.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...