Il delitto di Cogne

Il delitto di Cogne recensione documentario di Claudio Pisano [Sky Anteprima]

Il delitto di Cogne recensione documentario Crime+Investigation su Sky diretto da Claudio Pisano e scritto da Simone Passarella

A vent’anni dalla terribile vicenda arriva Il delitto di Cogne, documentario in due puntate su Sky al canale 119 Crime+Investigation che ricostruisce in modo inedito e dettagliato uno dei casi di cronaca nera italiani più cupi e che ebbe come protagonista il piccolo Samuele Lorenzi di soli tre anni.

30 gennaio 2002, Montroz, frazione di Cogne. Alle 8:16 del mattino Annamaria Franzoni esce con suo figlio maggiore Davide per accompagnarlo alla fermata dell’autobus, lasciando solo in casa il secondogenito Samuele. Quando la madre rientra, alle 8:24, ritrova Samuele in un bagno di sangue e vani risultano gli interventi dei soccorsi, perché il piccolo muore dopo pochi minuti. Quella frazione di tempo di otto minuti è avvolta nel mistero. La tranquilla vita di una famiglia per bene muta completamente e la principale sospettata di tutta la faccenda è proprio la madre Annamaria. Il delitto di Cogne diventa in poco tempo uno dei casi mediatici più influenti della storia italiana e ancora oggi molte questioni rimangono senza risposta.

Il funerale del piccolo Samuele Lorenzi
Il funerale del piccolo Samuele Lorenzi (Credits: Sky)

Produzione originale Crime + Investigation, scritto da Simone Passarella e diretto da Claudio Pisano, il documentario si presenta come un prodotto dalla struttura molto classica dato il filone a cui appartiene. Ricco di testimonianze di coloro che all’epoca vissero la vicenda in prima fila, tra loro troviamo quella di Gigi Iorio, primo fotoreporter arrivato sul luogo del delitto, il giornalista e conduttore Rai Michele Cucuzza che raccontò la vicenda in ogni minimo dettaglio sulla TV nazionale, passando poi per Alessandra Comazzi, giornalista de La Stampa, Maria Del Savio Bonaudo, procuratore capo di Aosta, fino a Carlo Taormina avvocato difensore di Franzoni.

Il racconto è poi arricchito con immagini e video esclusivi inediti e dal contenuto molto forte, fino ad ora celati al grande pubblico, che si sommano a filmati recuperati da vari servizi televisivi giornalistici in cui persone comuni si esprimono in merito a questa vicenda fuori dalle aule del tribunale, agendo quasi come spettatori di un film. Più volte è sottolineato l’impatto che un caso come questo ebbe sulla popolazione italiana e sulla cronaca, restando impresso nella memoria collettiva in modo insolito, mentre le indagini e il processo giudiziario, che potevano avere un ruolo principale nella narrazione, passano in secondo piano.

Annamaria Franzoni
Annamaria Franzoni (Credits: Sky)

La stampa ha giocato un ruolo fondamentale nella vicenda: tutto il delitto è stato raccontato minuto per minuto, trasformando la piccola cittadina e la principale sospettata in una sorta di The Truman Show, dove le telecamere erano in funzione ventiquattro ore su ventiquattro e nulla era più privato. Il suo impatto mediatico ha dato il via a un nuovo modo di raccontare la realtà donando così a casi del genere la loro veste televisiva e un proprio format. Questo tipo di scelta è analizzata anche dallo stesso Taormina, che nella sua testimonianza parla del modo artificioso in cui i “vuoti’’ andavano colmati in favore proprio della stampa, andando molto spesso contro le indagini stesse.

Nonostante la narrazione sotto alcuni aspetti possa sembrare affrettata, l’analisi del caso fornita è ben eseguita e torna ancora una volta a far luce sui punti oscuri di questa vicenda, che vide il suo epilogo nel maggio 2008, quando la Corte di Cassazione condannò Annamaria Franzoni a sedici anni di reclusione riconoscendola come colpevole.

Sintesi

Scritto da Simone Passarella e diretto da Claudio Pisano, il documentario Crime+Investigation racconta una delle pagine più nere della cronaca italiana, mescolando reperti di archivio, documenti e testimonianze inedite. Più volte viene sottolineato l'impatto che ebbe il delitto di Cogne sulla memoria collettiva, dando vita a un nuovo modo di raccontare la realtà e donando a casi del genere una veste televisiva e un proprio format.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Scritto da Simone Passarella e diretto da Claudio Pisano, il documentario Crime+Investigation racconta una delle pagine più nere della cronaca italiana, mescolando reperti di archivio, documenti e testimonianze inedite. Più volte viene sottolineato l'impatto che ebbe il delitto di Cogne sulla memoria collettiva, dando vita a un nuovo modo di raccontare la realtà e donando a casi del genere una veste televisiva e un proprio format.Il delitto di Cogne recensione documentario di Claudio Pisano [Sky Anteprima]