Gloria Mundi

Gloria Mundi recensione [Venezia 76]

Gloria Mundi recensione del film di Robert Guédiguian con Ariane Ascaride, Gérard Meylan, Anaïs Demoustier, Jean-Pierre Darroussin e Lola Naymark

A due anni da La casa sul mare, Robert Guédiguian torna in Concorso a Venezia con Gloria Mundi e abbandona le atmosfere di Méjan per rituffarsi a Marsiglia. Al centro della vicenda, ancora una volta, la famiglia. Il regista francese ama girare con gli stessi attori da anni e questo rende i suoi lavori ancora più autentici, capaci di raccontare come pochi altri la realtà che ci circonda.

Il motore dell’azione è, in questo caso, il ritorno a casa di Daniel (Gérard Meylan) che, appena uscito di prigione, scopre di essere nonno e raggiunge la sua ex moglie, che si è risposata, per trovare una famiglia oppressa da forti problemi economici.

Anaïs Demoustier
Anaïs Demoustier

Anaïs Demoustier
Anaïs Demoustier alla Mostra del Cinema di Venezia

Le dinamiche all’interno del nucleo (allargato) sono quanto mai intricate e Guédiguian non si risparmia nel fornire un ritratto delle due generazioni in scena al limite del pessimistico. Messa (quasi) da parte la crisi politica e ideologica, il regista francese si sofferma in Gloria Mundi sul disfacimento economico, sulle difficoltà che si incontrano tutti i giorni quando si deve arrivare a fine mese.

La mancanza di una forte ideologia è l’humus per il trionfo del denaro, della ricerca a tutti i costi di un guadagno facile, del fallimento di tutti quei valori per i quali la generazione del ’68 aveva strenuamente lottato. È un film tremendamente attuale quello di Guédiguian, proprio perché parte dal passato e dalla descrizione della sconfitta dei nostri “padri” per raccontare come sono diventati i giovani di oggi e quale futuro li attende.

Gloria Mundi
Ariane Ascaride e Anaïs Demoustier in Gloria Mundi di Robert Guédiguian

Gloria Mundi di Robert Guédiguian
Gloria Mundi di Robert Guédiguian

Nessuno viene risparmiato, a tratti c’è empatia ma tra le pieghe del racconto si nasconde un nichilismo che ha molto a che vedere con le derive populiste alle quali stiamo assistendo in tutto il mondo. E così, paradossalmente, l’eroe romantico diventa Daniel, un uomo che ha commesso una sciocchezza, che ha meritatamente pagato, che è rimasto fuori dal mondo e proprio per questo non ne è rimasto corrotto. Non c’è tuttavia nostalgia nel racconto della sua parabola, c’è una semplice presa di coscienza di come sono andate e di come stanno andando le cose.

Guédiguian si conferma ancora una volta un regista con una profondità non comune, un cantore di storie tanto malinconiche quanto necessarie.

Sergio

Gloria Mundi di Robert Guédiguian
Gloria Mundi di Robert Guédiguian alla Mostra del Cinema di Venezia

Anaïs Demoustier
Anaïs Demoustier alla Mostra del Cinema di Venezia

Sintesi

Con Gloria Mundi Guédiguian mette al centro dell'opera ancora una volta la famiglia, fornendo un ritratto delle due generazioni in scena al limite del pessimistico. il regista francese si sofferma sul disfacimento economico, partendo dal passato e dalla descrizione della sconfitta dei nostri “padri” per raccontare come sono diventati i giovani di oggi e quale futuro li attende. Guédiguian si conferma ancora una volta un regista con una profondità non comune, un cantore di storie tanto malinconiche quanto necessarie.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...

Blackpink: Light Up the Sky recensione film documentario sulla K-pop band Blackpink [Netflix]

Blackpink: Light Up the Sky recensione documentario di Caroline Suh con Jennie Kim, Ji-soo Kim, Lalisa Manoban e Rosé dedicato alla K-pop band Blackpink Il...

Cinema News del 2 dicembre [Rassegna Stampa]

Il trailer di The Mauritanian Il making of de Il Padrino… Parte Seconda Jada Pinkett Smith in Redd Zone Il nuovo Van Helsing ...