Alice e il sindaco

Alice e il sindaco recensione

Alice e il sindaco recensione del film di Nicolas Pariser con Fabrice Luchini, Anaïs Demoustier, Nora Hamzawi, Léonie Simaga e Antoine Reinartz

La politica ha ancora bisogno degli intellettuali nella società di oggi? Sembra partire da questo spunto interessante Nicolas Pariser che, al suo secondo lungometraggio, con Alice e il sindaco prova ad aggiornare ai nostri tempi la lezione Rohmeriana e a strutturare un film basato prevalentemente sui dialoghi come forma di azione. Paul Théraneau, sindaco di Lione interpretato dal grande Fabrice Luchini, è da molto tempo a corto di idee. In un contesto in cui si assiste sempre più alla specializzazione della politica (con esperti di comunicazione, marketing, gestione crisi, etc.), il suo entourage decide di affiancargli Alice Heimann, una giovane e brillante filosofa che ha il compito principale di stimolare nuovamente la sua curiosità e immaginazione. Ma una nuova presa di coscienza può essere funzionale al mantenimento dello status quo?

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier
Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier

Alice e il sindaco è a tutti gli effetti un film politico, come se ne vedono sempre meno. Un po’ perché la società sta cambiando radicalmente e il tema sembra essere passato in secondo piano, lasciando spazio alle questioni più prettamente sociali. Un po’ perché la mancanza di idee in questo ambito, spesso affogate nel populismo e in una logica da accumulo di voti, non spinge chi registra il cambiamento della società a sporcarsi le mani con un argomento che negli anni ’60 o ’70 aveva ben altro valore. Nicolas Pariser, non a caso, sceglie un’angolazione differente: crea un personaggio fittizio, ma molto vicino al reale, lo mette in un contesto in continua evoluzione come quello di Lione, e lo affianca a una giovane che non ha ancora capito quale sarà il suo futuro. Dall’incontro tra Alice e il sindaco si scatenano una serie di riflessioni sul ruolo della politica, sull’importanza del cambiamento e sulla necessità di mantenersi fedeli alle proprie idee.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Anaïs Demoustier
Anaïs Demoustier

Nella sua dimensione pubblica, Paul Théraneau è un personaggio che si trascina stancamente, un uomo che ha perso fiducia nei suoi ideali e che è entrato in una routine lavorativa che lo opprime. Alice riesce a ridargli lo smalto di un tempo ma anche a farlo riflettere e, di conseguenza, a incrinare quei rituali che sono essenziali per un agire politico in linea con i nostri tempi. Il regista fa emergere dai continui dialoghi una visione molto critica della nostra realtà, come se echeggiasse una crisi della democrazia in cui vince chi ha smesso di pensare. La forza del film sta proprio in questo côté, nel racconto di una società che sta perdendo i suoi valori attraverso un confronto che vive di una scrittura molto raffinata, solo raramente intellettualoide.

Fabrice Luchini
Fabrice Luchini

Alice e il sindaco recensione
Léonie Simaga e Anaïs Demoustier

Alice e il sindaco trova i suoi momenti migliori quando sono in scena, da soli, Alice e il sindaco, quando si scambiano arguti punti di vista su politica, società, cultura e futuro. Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier si confermano attori perfetti per la parte, molto abili nel dare vigore alle loro parole, nel formulare appunto dialoghi come azione. Il film, invece, perde un pochino di efficacia quando si sposta a rappresentare la vita privata di Alice e la sua incompiutezza. Forse più interessato al lato politico, Nicolas Pariser tende a lavorare di convenzionalità su questo aspetto, raccontando un personaggio che passa attraverso diversi amanti, che è in crisi perché non sa che cosa fare della sua vita, che non si sente affermato, ma rimanendo un pochino prigioniero della superficialità. Anche le figure di contorno risultano abbozzate, funzionali soltanto alla narrazione.

Per tutti questi motivi, Alice e il sindaco è un film che convince ma che non si può considerare memorabile. Un esempio di cinema francese che si mantiene fedele all’eredità politica e sociale della Nouvelle Vague ma che non ne raggiunge in toto la grandezza.

Sergio

Sintesi

Nicolas Pariser con Alice e il sindaco prova ad aggiornare ai nostri tempi la lezione Rohmeriana e a strutturare un film basato prevalentemente sui dialoghi come forma di azione, facendo emergere una visione molto critica della nostra realtà, come se echeggiasse una crisi della democrazia in cui vince chi ha smesso di pensare. La forza del film sta proprio in questo côté, nel racconto di una società che sta perdendo i suoi valori attraverso un confronto che vive di una scrittura molto raffinata, solo raramente intellettualoide.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Gamberetti per tutti recensione

Gamberetti per tutti recensione film di Cédric Le Gallo e Maxime Govare con Nicolas Gob, Alban Lenoir, Michaël Abiteboul, David Baïot e Romain Lancry Commedia francese...

Giffoni 50: programma ospiti e film in concorso. Premio a Sergio Castellitto

Giffoni Film Festival 50esima edizione: programma e ospiti delle prime due fasi dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020. A...

Crash recensione (versione restaurata 4K integrale)

Crash recensione film di David Cronenberg edizione restaurata 4K integrale con James Spader, Deborah Kara Unger, Holly Hunter, Elias Koteas e Rosanna Arquette Il 16...

Cine Rassegna Stampa del 14 luglio

Cine Rassegna Stampa del 14 luglio: addio a Kelly Preston, The Card Counter di Paul Schrader con Oscar Isaac e Tye Sheridan, il trailer...

L’anno che verrà recensione

L'anno che verrà recensione film di Grand Corps Malade e Mehdi Idir con Zita Hanrot, Liam Pierron, Soufiane Guerrab, Moussa Mansaly, Alban Ivanov, Antoine...

Uomini contro recensione

Uomini contro recensione film di Francesco Rosi con Gian Maria Volonté, Alain Cuny, Mark Frechette, Pier Paolo Capponi, Franco Graziosi e Mario Feliciani Prima guerra mondiale....

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio: i trailer del biopic Tesla con Ethan Hawke e Kyle McLachlan nel ruolo di Edison e dell'horror di...

The 100 recensione stagione 7 episodi 6-7 6 7×6 Nakara 7×7 La mossa della regina

The 100 recensione 7x6 7x7 episodi 6-7 stagione 7 Nakara e La mossa della regina con Eliza Taylor, Marie Avgeropoulos, Lindsey Morgan e Richard Harmon Riprendiamo...

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...