Alice e il sindaco

Alice e il sindaco recensione

Alice e il sindaco recensione del film di Nicolas Pariser con Fabrice Luchini, Anaïs Demoustier, Nora Hamzawi, Léonie Simaga e Antoine Reinartz

La politica ha ancora bisogno degli intellettuali nella società di oggi? Sembra partire da questo spunto interessante Nicolas Pariser che, al suo secondo lungometraggio, con Alice e il sindaco prova ad aggiornare ai nostri tempi la lezione Rohmeriana e a strutturare un film basato prevalentemente sui dialoghi come forma di azione. Paul Théraneau, sindaco di Lione interpretato dal grande Fabrice Luchini, è da molto tempo a corto di idee. In un contesto in cui si assiste sempre più alla specializzazione della politica (con esperti di comunicazione, marketing, gestione crisi, etc.), il suo entourage decide di affiancargli Alice Heimann, una giovane e brillante filosofa che ha il compito principale di stimolare nuovamente la sua curiosità e immaginazione. Ma una nuova presa di coscienza può essere funzionale al mantenimento dello status quo?

Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier
Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier

Alice e il sindaco è a tutti gli effetti un film politico, come se ne vedono sempre meno. Un po’ perché la società sta cambiando radicalmente e il tema sembra essere passato in secondo piano, lasciando spazio alle questioni più prettamente sociali. Un po’ perché la mancanza di idee in questo ambito, spesso affogate nel populismo e in una logica da accumulo di voti, non spinge chi registra il cambiamento della società a sporcarsi le mani con un argomento che negli anni ’60 o ’70 aveva ben altro valore. Nicolas Pariser, non a caso, sceglie un’angolazione differente: crea un personaggio fittizio, ma molto vicino al reale, lo mette in un contesto in continua evoluzione come quello di Lione, e lo affianca a una giovane che non ha ancora capito quale sarà il suo futuro. Dall’incontro tra Alice e il sindaco si scatenano una serie di riflessioni sul ruolo della politica, sull’importanza del cambiamento e sulla necessità di mantenersi fedeli alle proprie idee.

Anaïs Demoustier
Anaïs Demoustier

Nella sua dimensione pubblica, Paul Théraneau è un personaggio che si trascina stancamente, un uomo che ha perso fiducia nei suoi ideali e che è entrato in una routine lavorativa che lo opprime. Alice riesce a ridargli lo smalto di un tempo ma anche a farlo riflettere e, di conseguenza, a incrinare quei rituali che sono essenziali per un agire politico in linea con i nostri tempi. Il regista fa emergere dai continui dialoghi una visione molto critica della nostra realtà, come se echeggiasse una crisi della democrazia in cui vince chi ha smesso di pensare. La forza del film sta proprio in questo côté, nel racconto di una società che sta perdendo i suoi valori attraverso un confronto che vive di una scrittura molto raffinata, solo raramente intellettualoide.

Fabrice Luchini
Fabrice Luchini

Alice e il sindaco recensione
Léonie Simaga e Anaïs Demoustier

Alice e il sindaco trova i suoi momenti migliori quando sono in scena, da soli, Alice e il sindaco, quando si scambiano arguti punti di vista su politica, società, cultura e futuro. Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier si confermano attori perfetti per la parte, molto abili nel dare vigore alle loro parole, nel formulare appunto dialoghi come azione. Il film, invece, perde un pochino di efficacia quando si sposta a rappresentare la vita privata di Alice e la sua incompiutezza. Forse più interessato al lato politico, Nicolas Pariser tende a lavorare di convenzionalità su questo aspetto, raccontando un personaggio che passa attraverso diversi amanti, che è in crisi perché non sa che cosa fare della sua vita, che non si sente affermato, ma rimanendo un pochino prigioniero della superficialità. Anche le figure di contorno risultano abbozzate, funzionali soltanto alla narrazione.

Per tutti questi motivi, Alice e il sindaco è un film che convince ma che non si può considerare memorabile. Un esempio di cinema francese che si mantiene fedele all’eredità politica e sociale della Nouvelle Vague ma che non ne raggiunge in toto la grandezza.

Sergio

Sintesi

Nicolas Pariser con Alice e il sindaco prova ad aggiornare ai nostri tempi la lezione Rohmeriana e a strutturare un film basato prevalentemente sui dialoghi come forma di azione, facendo emergere una visione molto critica della nostra realtà, come se echeggiasse una crisi della democrazia in cui vince chi ha smesso di pensare. La forza del film sta proprio in questo côté, nel racconto di una società che sta perdendo i suoi valori attraverso un confronto che vive di una scrittura molto raffinata, solo raramente intellettualoide.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...