Fellinopolis

Fellinopolis recensione film documentario di Silvia Giulietti su Federico Fellini [Anteprima]

Fellinopolis recensione documentario di Silvia Giulietti su Federico Fellini con Lina Wertmüller, Nicola Piovani, Dante Ferretti e Ferruccio Castronuovo

Tra i molti titoli di questo tipo realizzato per cavalcare l’onda del centenario della nascita di Federico Fellini (1920-2020), Fellinopolis di Silvia Giulietti spicca per la sua abilità nel portare lo spettatore letteralmente dentro i set del regista riminese, con grande attenzione soprattutto a film dell’ultima parte della sua carriera come La città delle donne, E la nave va e il penultimo Ginger e Fred. Il documentario della Giulietti è infatti basato su tre precedenti film di Ferruccio Castronuovo, una figura molto presente sui set del cinema italiano degli anni settanta, ottanta e novanta, specialista nella realizzazione di lunghi documentari di backstage.

MadMass.it consiglia by Amazon

Quasi quarant’anni dopo la loro prima messa in onda, Silvia Giulietti ha co-finanziato la digitalizzazione di questi lavori di Castronuovo, i cui spezzoni compongono gran parte dell’asse narrativo del documentario; a puntellarne la narrazione, interviste originali e di archivio con alcuni dei collaboratori più stretti di Fellini oltre allo stesso Castronuovo, tra cui personalità d’eccezione come lo scenografo Dante Ferretti, il compositore Nicola Piovani e la regista Lina Wertmüller, aiuto di Fellini all’inizio della sua carriera.

Marcello Mastroianni in Fellinopolis
Marcello Mastroianni in Fellinopolis (Credits: Officine UBU)

Lina Wertmüller
Lina Wertmüller (Credits: Officine UBU)

Grazie a questa compresenza di materiali di backstage a lungo finiti nel dimenticatoio e interviste molto puntuali e al tempo stesso appassionate, Fellinopolis è capace più di altri documentari a cogliere l’essenza del fare cinema di Fellini, non tanto il senso dei film finiti quanto il cuore stesso della sua attività sul set.

Non mancano notazioni tecniche relative alla costruzione delle scenografie, soprattutto quelle de E la nave va: “per Fellini il mare era soprattutto una sorta di suggestione da trasferire al pubblico“, ricorda Ferretti che per il film realizzò una sorta di mare di plastica trasparente, mentre Castronuovo ricorda come i sistemi idraulici su cui era montata la nave provocassero il mal di mare agli attori e alla troupe. Sorprende soprattutto il modo al tempo stesso metaforico e preciso con cui Fellini dava indicazioni ai suoi collaboratori, con Piovani che ricorda con un sorriso come il maestro riminese gli avesse chiesto, per il finale di Ginger e Fred, una musica “tronfia, spocchiosa, ripetitiva, cinica“, “ma mi raccomando, falla anche bella“.

Dante Ferretti
Dante Ferretti (Credits: Officine UBU)

Ferruccio Castronuovo
Ferruccio Castronuovo (Credits: Officine UBU)

Il cinema di Fellini era anche una grande carrellata di facce difficilmente dimenticabili, tanto di dive e divi quanto di non-attori presi letteralmente “dalla strada”; e oltre a sentire la Wertmüller che ricorda come il regista di spesso inseguisse le persone per strada se riteneva che il loro volto fosse adatto al suo prossimo film, grazie alle riprese di Castronuovo Fellinopolis ci porta in mezzo alle comparse, agli attori non professionisti e in generale alle facce che popolavano i set di Fellini. Purtroppo come molti documentari anche questo si serve di superflue “coperture” realizzate nella Cinecittà e nelle strade della Roma di oggi per intervallare e accompagnare le interviste, ma sono in una percentuale irrisoria rispetto alla durata complessiva del film, ben equilibrato nelle sue parti; fra i materiali di Castronuovo s’intravede più volte anche il volto dello schivo Peppino Rotunno, direttore della fotografia di Fellini scomparso all’inizio dell’anno.

Il senso dell’operazione di Silvia Giulietti sembra essere ben riassunto in una frase che dice Piovani: “Federico aveva una visione della contemporaneità fortissima. Era sempre sull’oggi“. Fellinopolis rappresenta allora un documento interessante e piuttosto “generalista”, capace di ricostruire e in un certo modo anche di introdurre i neofiti all’universo felliniano.

Nicola Piovani
Nicola Piovani (Credits: Officine UBU)

Fellinopolis recensione documentario di Silvia Giulietti su Federico Fellini
Fellinopolis documentario di Silvia Giulietti su Federico Fellini (Credits: Officine UBU)

Sintesi

Tra materiali di backstage a lungo finiti nel dimenticatoio e interviste molto puntuali e al tempo stesso appassionate, Fellinopolis di Silvia Giulietti spicca per la sua abilità nel portare lo spettatore letteralmente dentro i set di Federico Fellini, cogliendo l'essenza del fare cinema del maestro, non tanto il senso dei film finiti quanto il cuore stesso della sua attività sul set.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli