Era mio figlio

Era mio figlio recensione

Era mio figlio recensione film di Todd Robinson con Sebastian Stan, Christopher Plummer, William Hurt, Samuel L. Jackson, Ed Harris e Peter Fonda

Era mio figlio (The last full measure) scritto e diretto da Todd Robinson si sviluppa su due storyline differenti ma strettamente correlate: una si svolge durante la battaglia realmente avvenuta a Xa Cam My in Vietnam, dove il soldato semplice dell’Air Force americana William H. Pitsenbarger (Jeremy Irvine) sacrificò la vita salvando un gruppo di soldati intrappolati nella giungla vietnamita e sotto attacco dei Vietcong. La trama principale è ambientata circa 30 anni più tardi e ha come protagonista Scott Huffman (Sebastian Stan), un burocrate del Pentagono a cui viene assegnato l’incarico di stilare il rapporto per l’assegnazione della Medaglia al Valore postuma all’eroe di Xa Cam My.

Samuel L. Jackson e Sebastian Stan
Samuel L. Jackson e Sebastian Stan

Era mio figlio recensione
Era mio figlio di Todd Robinson, storia del soldato William H. Pitsenbarger

A sostenere Huffman nell’impresa di trovare prove e testimonianze necessarie alla causa troviamo i veterani sopravvissuti alla battaglia e profondamente segnati dalle gesta di “Pits”, tra cui Takoda e Ray Mott, interpretati rispettivamente da Samuel L. Jackson e Ed Harris. Sebbene ispirata ad eventi realmente accaduti, alcune figure e diversi avvenimenti sono stati aggiustati ai fini della storia.

Il personaggio meglio riuscito è anche uno dei pochi a cui il regista ha tenuto fede. Il padre di Pits, Frank Pitsenbarger, ha passato gli anni successivi alla morte del figlio cercando di ottenere per lui il massimo dell’onorificenza militare americana, lottando al contempo contro il cancro. Christopher Plummer fa un ottimo lavoro nel mostrare un padre stanco e consumato ma mosso dall’amore per il figlio e dal desiderio di rendergli giustizia. William Hurt indossa la divisa del commilitone che accompagnò l’amico sul campo di battaglia a bordo dello stesso elicottero sul quale Pits avrebbe dovuto far ritorno.

Ed Harris in Era mio figlio
Ed Harris in Era mio figlio

Era mio figlio recensione
Christopher Plummer è Frank Pitsenbarger

Era mio figlio tocca nel profondo attraverso lo scorrere dei lunghi dialoghi intercorsi tra Huffman e ciascuno dei veterani, con momenti toccanti regalati da un cast d’eccezione al servizio di Robinson.
Assistiamo da una parte ad una dura critica alla corruzione nel governo americano, dall’altra ad un visto e rivisto inno al sogno americano che forse sgretola in parte la genuinità di una toccante storia di guerra.

Alessio

Sintesi

Era mio figlio tocca nel profondo grazie ad un cast d'eccezione che mette in scena una dura critica alla corruzione nel governo americano, accompagnata purtroppo da un visto e rivisto inno al sogno americano che forse sgretola in parte la genuinità di una toccante storia di guerra.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli