Detroit

Detroit recensione del film di Kathryn Bigelow

L’anteprima americana di “Detroit” si è svolta in concomitanza del 50° anniversario dei disordini razziali avvenuti nello stato del Michigan nel 1967. Dopo “Zero dark thirty”, Kathryn Bigelow torna a immergersi in una storia basata su eventi reali per riportare in superficie il contesto sociale americano. In questa occasione focalizza l’obiettivo della sua macchina fotografica su un problema tanto amaro quanto ancestrale, ma tanto attuale: gli scontri razziali tra la polizia e la comunità afroamericana.

Uno scenario di guerra, cecchini appostati che seminano il caos e violenza dappertutto, immagini di archivio, poliziotti razzisti dal grilletto facile e i membri della comunità afro-americana che non hanno tratti distintivi se non quelli del loro status di vittime.

La storia si svolge nella città del titolo, durante i cinque giorni di luglio del 1967 quando la polizia irruppe in un bar clandestino arrestando 85 afroamericani, vicenda che scatenò una protesta pubblica divenendo così uno degli episodi più violenti della storia degli Stati Uniti che costò la vita a 43 persone e procurò più di 7.000 arresti.

Detroit di Kathryn Bigelow
Will Poulter e Anthony Mackie in Detroit

La Bigelow, in ogni caso, si concentra su un episodio specifico di quelle rivolte: l’Algiers Motel, una struttura gestita da afroamericani in cui, la terza notte, un gruppo di soldati della Guardia Nazionale pensò di aver visto un cecchino sparare contro di loro da una delle finestre dell’edificio. Supportati dalla polizia di Detroit e dalla polizia di stato, aprirono il fuoco sulle finestre e poi entrarono nell’hotel con la forza. Alla fine della notte tre dei suoi occupanti erano morti ed il resto era stato vittima di torture e umiliazioni.

Quasi come se fosse un’opera teatrale la regista divide la storia in tre atti perfettamente definiti. Nel primo introduce e descrive la situazione e dimostra ancora una volta la sua buona mano per descrivere scenari di guerra e di azione; la violenza si percepisce e le strade diventano un campo di battaglia. In quel caos urbano la storia si concentra poi in un motel dove scoppia il secondo atto (forse eccessivamente lungo) e dove Will Poulter darà vita a uno dei personaggi più “odiosi” del cinema recente. A questo punto c’è un solo scopo: far soffrire lo spettatore e farlo indignare. Siamo intrappolati in una situazione scomoda, impotente e piena di tensione che non lascia un minuto di tregua allo spettatore. Vogliamo che tutto finisca, aneliamo l’irruzione della giustizia e viviamo un brutto momento. Il terzo atto si chiude con un epilogo abbastanza convenzionale che include i testi finali che raccontano la vita dei personaggi reali dopo gli eventi del film.

Detroit di Kathryn Bigelow
John Boyega in Detroit di Kathryn Bigelow

Non c’è dubbio che “Detroit” sia un film potente e straziante. Cerca di mettere gli spettatori nella pelle dei protagonisti indifesi e terrorizzati che furono vittime della brutalità della forza pubblica.

Il razzismo ha segnato la storia degli Stati Uniti e continua a farlo. I confronti razziali, la crudeltà della polizia e le armi da fuoco occupano titoli frequenti nei quotidiani. Alla fine del film risulta chiaro con chi ci siamo identificati e chi invece odiamo; la Bigelow però ci racconta un “incidente” e non la sostanza della questione. E questo significa non solo non approfondire ciò che è successo in quel momento, ma anche non capire cosa sta succedendo ora e perché, dopo più di 50 anni di integrazione razziale, le comunità bianche e nere sono separate come sempre.

Gabriela

Detroit di Kathryn Bigelow
Will Poulter in Detroit

Detroit di Kathryn Bigelow
Will Poulter in Detroit

Sintesi

Detroit è un film potente e straziante che cerca di mettere gli spettatori nella pelle dei protagonisti indifesi e terrorizzati che furono vittime della brutalità della forza pubblica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Truth Seekers recensione serie TV con Simon Pegg e Nick Frost [Amazon Prime Video Anteprima]

Truth Seekers recensione della serie TV Amazon Prime Video creata ed interpretata da Nick Frost e Simon Pegg con Emma D'Arcy, Samson Kayo, Malcolm McDowell e...

Cinema News del 21 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 21 ottobre: Jake Gyllenhaal e Denis Villeneuve di nuovo insieme per la serie HBO The Son, Jamie Foxx l'ammazzavampiri, Willow ritorna...

Ammonite recensione film con Kate Winslet e Saoirse Ronan [Anteprima]

Ammonite recensione film di Francis Lee con Kate Winslet, Saoirse Ronan, Gemma Jones, James McArdle, Sam Parks e Fiona Shaw Ispirato alla storia vera e...

Stardust recensione film biopic su David Bowie con Johnny Flynn [Anteprima]

Stardust recensione film di Gabriel Range con Johnny Flynn, Jena Malone, Marc Maron, Aaron Poole, Anthony Flanagan, Roanna Cochrane e Lara Heller La locandina di...

El Dorado recensione film con John Wayne e Robert Mitchum

El Dorado recensione del film di Howard Hawks con John Wayne, Robert Mitchum, James Caan e Charlene Holt Era il 1959 quando Howard Hawks, con Un...

Cinema News del 20 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 ottobre: i trailer dei film Ma Rainey's Black Bottom con Viola Davis e Chadwick Boseman, Qualcuno salvi il Natale:...

BFI London Film Festival 2020: i vincitori della 64esima edizione virtuale del Festival del Cinema di Londra

BFI London Film Festival 64: vince Another Round (Un altro giro) di Thomas Vinterberg con Mads Mikkelsen come Miglior Film. Miglior Documentario a The...

Cinema News del 19 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 ottobre: L'Arminuta il nuovo film di Giuseppe Bonito, Kate Hudson e Octavia Spencer insieme nella seconda stagione di Truth Be...

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov [Netflix]

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov con Viktoriya Isakova, Kirill Käro, Aleksandr Robak, Maryana Spivak e Natalya Zemtsova su Netflix Oggi, in piena...

I Am Greta recensione film su Greta Thunberg di Nathan Grossman [Venezia 77]

I Am Greta recensione film documentario di Nathan Grossman con Greta Thunberg presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Presentato ai Festival di Venezia e...