Happy End

Happy End di Michael Haneke – la recensione

Happy End di Michael Haneke arriva a cinque anni dal trionfo di Amour (Palma d’Oro a Cannes e Miglior Film Straniero agli Oscar), a testimonianza del fatto che anche per chi ha maggiore esperienza, dopo un grande successo può essere difficile trovare ispirazione e motivazione.

Il titolo stesso desta qualche perplessità: possibile che il regista austriaco, i cui film non sono certo sinonimo di allegria, abbia deciso di passare ad una nuova fase?

Di sicuro non c’è un happy beginning. Prima ancora che ci venga presentata la famiglia Laurent, ricca proprietaria di un’impresa edile a Calais, assistiamo a due tragedie: uno smottamento in un cantiere causa la morte di un dipendente (colpevole di aver avuto bisogno della toilette), e la tredicenne Eve deve chiamare un’ambulanza perché la madre è in overdose da anti-depressivi.

Con la mamma in ospedale, Eve (Fantine Harduin) non può restare da sola e si trasferisce nell’enorme villa di famiglia, unendosi al resto del clan: il padre Thomas (Mathieu Kassovitz, ancora pronto a sfoderare il sorriso dolce di Nino Quincampoix), medico, con nuova giovane moglie e bebè, la zia Anne (Isabelle Huppert) e suo figlio Pierre (Franz Rogowski), che mandano avanti l’impresa edile, e il senile patriarca Georges (Jean-Louis Trintignant).

Eve imparerà a conoscere i suoi familiari e capirà che forse sono meno diversi da lei di quanto creda.

Ogni membro del clan vive un’esistenza a parte, cercando sostegno contro le difficoltà quotidiane non nel legame familiare, ma nell’isolamento di uno dei tanti palliativi: ai grandi classici – sesso, antidepressivi, alcool, carriera – si aggiunge la tecnologia, oppio del ventunesimo secolo. I social network offrono un confessionale per pensieri, parole, opere ed omissioni: riversare la propria umanità su uno schermo rimuove l’esigenza di manifestarla di persona, e consente di mantenere un dignitoso distacco nella vita ‘civile’.

Lo stesso distacco permea lo stile e la narrazione del film: le prime scene sono brevi video catturati da uno smartphone, in cui la voce narrante è sostituita da messaggi/sms; diverse scene sono riprese da una distanza tale che i dialoghi sono volutamente inintelligibili; ad esclusione dei primi minuti, non siamo mai partecipi degli eventi importanti, ma solo delle loro conseguenze.

Sono scelte che da un lato ci richiedono l’impegno di riempire gli spazi vuoti, ma dall’altro ci estromettono da qualsiasi coinvolgimento con questi personaggi, e negano al film una trama vera e propria. Se non c’è uno sviluppo, se manca un arco narrativo, che cos’è un finale?

Quando la conclusione arriva, dopo una mezza dozzina di scene che avrebbero potuto essere finali anch’esse, non possiamo dire con certezza se sia lieto oppure no. Ci lascia indifferenti.

Sintesi

Il distacco permea lo stile e la narrazione di Happy End di Michael Haneke. Quando la conclusione arriva, non possiamo dire con certezza se sia un finale lieto oppure no. Ci lascia indifferenti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...