Cinema News del 29 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 29 ottobre: Ralph Fiennes e Carey Mulligan in The Dig, Gemma Arterton nella miniserie Black Narcissus, Nicole Kidman nella serie Things I Know to Be True, Mindy Kaling in Good in Bed, Bella Thorne e Mickey Rourke in Girl, Andrea Riseborough, Harry Melling e Demi Moore in Please Baby Please, musica al cinema con Stardust, Zappa e Crock of Gold, la folle Time Warp di Jack Black & Tenacious D

CINEMA NEWS 29 OTTOBRE: Si capisce che le notizie del giorno non sono particolarmente elettrizzanti quando l’informazione più interessante è il rinvenimento, su Empire, di una foto di Ralph Fiennes nel ruolo di un architetto. The Dig non è un adattamento della poco intrigante avventura grafica della LucasArts del 1995, ma la narrazione (tratta da un libro omonimo di John Preston) del ritrovamento di un’antica nave anglosassone sotto il suolo della località Sutton Hoo, in Suffolk, Inghilterra.
Fiennes interpreta Basil Brown, architetto ed archeologo che guidò i primi scavi, su richiesta della proprietaria dei terreni, Edith Pretty (Carey Mulligan). Nella sua squadra, anche Lily James (nel ruolo dell’archeologo Peggy Preston), Ben Chaplin e Johnny Flynn.
Il film, che arriverà su Netflix l’anno prossimo, è diretto da Simon Stone, con una sceneggiatura dell’inglese Moira Buffini (autrice del Jane Eyre di Cary Joji Fukunaga, del Byzantium di Neil Jordan e del Tamara Drewe con Gemma Arterton).

Johnny Flynn è oggi meglio noto per la sua interpretazione di David Bowie in Stardust, il biopic che segue il musicista durante i primi anni ’70, il suo primo viaggio in America e la creazione del personaggio di Ziggy Stardust. Già dal trailer (e confermato dalla recensione di MadMass.it) si intuisce che cosa manca al film: i celeberrimi brani di Bowie, per i quali il regista Gabriel Range ed il suo co-sceneggiatore Christopher Bell non sono riusciti ad ottenere i diritti (l’opposizione al film del figlio di Bowie, Duncan Jones, ha avuto parecchio risalto nei mesi scorsi su Twitter).
(Nelle puntate precedenti…)

Il vero David Bowie appare per qualche fotogramma nel trailer di Zappa, il documentario scritto e diretto da Alex Winters (il ‘Bill’ dei film di Bill & Ted) che celebra il leggendario musicista americano di origini siciliane Frank Zappa:

Se siete interessati ai documentari musicali, è in arrivo anche Crock of Gold, firmato da Julien Temple, che racconta la vita di Shane McGowan, leader della band irlandese The Pogues, con la partecipazione di Johnny Depp che abbiamo incontrato in esclusiva durante il Festival di Zurigo 2020 proprio in occasione della presentazione dell’opera:

Torniamo alla narrativa: c’è un nuovo trailer di Black Narcissus, miniserie in tre puntate nella quale Gemma Arterton guida una missione di suore anglicane in India. Alle religiose viene richiesto di stabilire un convento/scuola/ospedale in un isolato palazzo derelitto tra le montagne dell’Himalaya, ma l’isolamento, unito alle tracce del passato peccaminoso dell’edificio, porteranno instabilità tra le donne, e risveglieranno desideri sopiti.
Arterton, la regista Charlotte Bruus Christensen (direttore della fotografia su film quali A Quiet Place, Molly’s Game e La ragazza del treno) e la sceneggiatrice Amanda Coe se la devono vedere piuttosto con il fantasma del film del 1947 Narciso Nero di Michael Powell ed Emeric Pressburger, tratto dallo stesso romanzo (scritto nel 1939 da Rumer Godden) che vinse due Oscar, uno dei quali proprio per la Miglior Fotografia.
Il cast di Black Narcissus include anche Alessandro Nivola, Jim Broadbent e la compianta Diana Rigg.

L’indaffaratissima Nicole Kidman ha firmato per partecipare ad un’altra serie: questa volta si tratta di Things I Know to Be True, che Amazon sta adattando dall’omonima commedia teatrale di Andrew Bovell, che racconta delle vicende della famiglia Price, e di come i genitori Fran e Bob vengano coinvolti nelle scelte di vita dei loro figli, ormai adulti. La sceneggiatura per la serie è stata adattata dallo stesso Bowell.
(Deadline)

Problemi personali e familiari affliggeranno Mindy Kaling in un adattamento del romanzo d’esordio di Jennifer Weiner, Good in Bed (Brava a letto): la giornalista Cannie Shapiro se la deve vedere con il fallimento di una relazione di media durata, la nuova vita della madre, e soprattutto la mancanza di autostima, attribuita all’abbandono paterno tanti anni prima. Il film sarà scritto da Liz Sarnoff per HBO Max. (Entertainment Weekly)

Una giovane donna (Bella Thorne) decide di tornare nella sua (tanto per cambiare) rurale cittadina nel Sud degli Stati Uniti, per ottenere vendetta sul padre che la maltrattava. Scoperto che qualcun altro ha già fatto il suo lavoro, torturando ed uccidendo il genitore degenere, cambia obiettivo, si arma di accetta e si mette sulle tracce degli assassini, e non per congratularsi. Sulla sua strada troverà uno sceriffo corrotto (Mickey Rourke). Girl è il lungometraggio d’esordio per il regista e sceneggiatore (e anche co-star) Chad Faust.

Andrea Riseborough, Harry Melling, Karl Glusman e Demi Moore saranno i protagonisti di Please Baby Please, che segue gli sposini Suze e Arthur che, nella Manhattan degli anni ‘50, assistono ad un omicidio, finendo al centro delle attenzioni di una gang. In qualche modo, gli eventi porteranno i giovani sposi a mettere in discussione la propria identità di coppia, un po’ alla Rocky Horror Picture Show. Il copione sarà opera di Noel David Taylor e Amanda Kramer. Quest’ultima si occuperà anche della regia.

In tema di Rocky Horror, curiosità elettorale di oggi è la versione dei Tenacious D (Jack Black e Kyle Gass) della celeberrima Time Warp: tra trucchi fatti in casa e la consueta esuberanza del protagonista di School of Rock, i due incoraggiano il pubblico americano a fare un salto a Sinistra, ma, questa volta, neanche un passo a Destra. In questo compito sono incoraggiati dall’originale Janet (Susan Sarandon) e da star quali Michael Peña, John Waters, Sarah Silverman, Jamie Lee Curtis, Ezra Miller e George Takei.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli