Cherry - Innocenza perduta

Cherry – Innocenza perduta recensione film di Anthony e Joe Russo con Tom Holland e Ciara Bravo [Apple TV+]

Cherry - Innocenza perduta racconta il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) da un punto di vista che non ha molto da aggiungere alla lunga filmografia che ha toccato in passato e meglio la questione: la recensione

Cherry – Innocenza perduta recensione del film di Anthony e Joe Russo con Tom Holland, Ciara Bravo, Jack Reynor, Michael RispoliMichael Gandolfini

Pop the cherry è un’espressione dialettale che fa riferimento alla perdita della verginità in seguito alla rottura dell’imene. Chi mastica un minimo di slang per via dei milioni di film e serie tv americane consumate senza pietà lo avrà sentito ripetere spesso, ma Anthony e Joe Russo hanno deciso di ampliare il senso della metafora e costruirci sopra un film più profondo con un personaggio omonimo.

MadMass.it consiglia by Amazon

Nel viaggio all’esterno della bolla cinecomic, l’attore feticcio che fa da garante della transizione è l’amichevole Spider-Man di quartiere Tom Holland, sempre più alla ricerca di ruoli che gli consentano di uscire dalla comfort zone Marvel.

Ciara Bravo e Tom Holland
Ciara Bravo e Tom Holland (Credits: AGBO/The Hideaway Entertainment/Apple)

Tom Holland e Ciara Bravo
Tom Holland e Ciara Bravo (Credits: AGBO/The Hideaway Entertainment/Apple)

Nello specifico l’attore britannico è un adolescente americano che per far fronte ad una cocente delusione d’amore decide di arruolarsi nell’esercito ed abbracciare poi, una volta tornato a casa, il tremendo mondo del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) con tanto di droghe, furti e amarezze varie.

I registi di Avengers: Endgame e Community non sono partiti da zero, hanno opzionato per un milione di dollari il romanzo di Nico Walker e affidato la sceneggiatura a Jessica Goldberg e Angela Russo-Otstot prima di concentrarsi sui propri esercizi di stile. In uno strano mix di Una pazza giornata di vacanza e Full Metal Jacket, la narrazione della storia di Cherry e del suo mondo malato è un lungo ricorso a inquadrature ammiccanti, color grading spinto e fuochi d’artificio visivi per distogliere lo spettatore da una storia che al cinema non smette di essere riproposta. (Ironia della sorte o ferro caldissimo da battere, nel 2009 Tobey Maguire, altro ragno della Marvel, è il protagonista di Brothers, altro film con lo stesso background).

Cherry recensione film di Anthony e Joe Russo con Tom Holland
Tom Holland (Credits: AGBO/The Hideaway Entertainment/Apple)

Forrest Goodluck, Tom Holland, Kyle Harvey e Michael Gandolfini
Forrest Goodluck, Tom Holland, Kyle Harvey e Michael Gandolfini (Credits: AGBO/The Hideaway Entertainment/Apple)

Questo è solo uno dei problemi di Cherry. Il faccione pulito di Tom Holland che progressivamente si consuma non riesce a raccontare fino in fondo l’inferno che il suo personaggio deve attraversare. E’ un illusionista a cui per sbaglio sfugge il coniglio dal doppio fondo del cilindro. Sta recitando e nulla di ciò che gli è intorno lo aiuta a mascherare il suo impegno, prigioniero di una storia serva del suo impianto visivo. La scansione in quadri con cui servire allo spettatore la storia non è contingente, è una ruffianata utile per darsi un tono e passare alla svelta alla questione successiva da esplorare.

L’uomo che perde l’innocenza davanti agli orrori della guerra ed è costretto poi a ravanare nella miseria è una metafora che può anche risultare arguta nell’immediato, ma può essere l’unico sottotesto di un film lungo due ore? Non basta un volto riconoscibile in tutto il mondo, non basta riporre le speranze nelle nequizie della guerra, non basta rompere la quarta parete perché il frutto, piacevolmente rosso all’interno, dentro è ancora estremamente acerbo.

Sintesi

L'uomo che perde l'innocenza davanti agli orrori della guerra ed è costretto poi a ravanare nella miseria è una metafora che può anche risultare arguta nell'immediato, ma può essere l'unico sottotesto di un film lungo due ore? Non basta un volto riconoscibile in tutto il mondo, non basta riporre le speranze nelle nequizie della guerra, non basta rompere la quarta parete perché il frutto, piacevolmente rosso all'interno, dentro è ancora estremamente acerbo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli