Booksmart, Good Boys – due film Superbad

Supponiamo più per coincidenza che per pianificazione, nella giornata di ieri sono stati pubblicati i trailer di due film che chiaramente contengono il DNA di Superbad, il film del 2007 scritto da Seth Rogen ed Evan Goldberg, con Michael Cera e Jonah Hill che, alla fine delle superiori e prima di andare al college, cercano di partecipare ad una festa e, diciamo così, ‘diventare uomini’.

Booksmart riprende all’incirca lo stesso tema, ma al femminile: Amy (Kaitlyn Dever) e Molly (Beanie Feldstein), studentesse modello, prima di dividersi per andare all’università cercano di dimostrare a sé stesse di poter essere divertenti e sfrenate (Feldstein assomiglia anche marcatamente a Jonah Hill; non è un caso: è sua sorella).
Booksmart è il primo film da regista di Olivia Wilde, vista recentemente in La vita in un attimo e prima in Rush, Tron:Legacy, Cowboys and Aliens, eccetera. La sceneggiatura è di Susanna Fogel (Il tuo ex non muore mai), Emily Halpern e Sarah Haskins, Katie Silberman. Nel cast troviamo anche Jason Sudeikis (marito di Olivia Wilde nella vita) con Lisa Kudrow e Will Forte nel ruolo dei genitori di Amy.

Jason Sudeikis e Olivia Wilde

In Good Boys, l’idea di Superbad viene riportata indietro di qualche anno: tre ragazzini delle medie si preparano ad una festa nella quale potrebbero avere l’opportunità del primo bacio; nel tentativo di non arrivare impreparati al fatidico momento, si mettono nei guai.
Nel trailer, il produttore Seth Rogen (che non appare nel film) ammonisce i protagonisti (Jacob Tremblay – che era il protagonista di Room, Brady Noon e Keith L. Williams) che, dato il contenuto ‘adulto’ del promo, non potranno guardarlo – nonostante abbiano recitato in quelle stesse scene.

Il film è scritto da Lee Eisenberg e Gene Stupnitksy (autori di Anno Uno) e diretto da quest’ultimo, e prodotto da Rogen e Goldberg. Di nuovo, Will Forte interpreta il padre di uno dei protagonisti.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli