Solo due trailer, ma un sacco di star [Daily Madness]

Se vi serve una colonna sonora per la lettura di questo post, consigliamo ‘Dogs’ dei Pink Floyd.

Siccome oggi è il compleanno di Bill Murray, Wes Anderson ha deciso di farci un regalo e di pubblicare il trailer di Isle of Dogs, che ovviamente vede anche la partecipazione di Murray. Più che vede, sente, perché – come già Fantastic Mr. Fox, Isle of Dogs è un lavoro d’animazione in stop motion. Tra una ventina d’anni, nella città di Megasaki, in Giappone, si è diffusa una pericolosa ‘influenza canina’, perciò tutti i canidi vengono esiliati per ordine del sindaco Kobayashi su ‘Trash Island’. Ma il giovane Atari Kobayashi (parente?) non prende alla leggera la deportazione del suo fedele compagno Spot, e fa irruzione sull’isola per trovarlo e riportarlo a casa. Più facile a dirsi che a farsi, ma grazie alla collaborazione di un gruppo di ‘alpha dogs’ dai nomi altisonanti (Rex, King, Duke, Chief, Boss) l’impresa sembra meno ardua. Nel cast la solita valanga di cognomi, alcuni già da tempo nell’Olimpo Andersoniano, altri new entry: Norton-McDormand-Johansson-Cranston-Swinton-Goldblum-Keitel-Abraham-Watanabe-Ono-Gerwig-Schreiber-Balaban.
Anche in animazione, come dice su Twitter il giornalista @BrendonConnelly, Wes Anderson sembra saper dirigere solo ad angoli retti.

Per non essere da meno, l’altro filmone con una lista di star che non finisce più, Assassinio sull’Orient Express, ha un nuovo trailer nel quale Kenneth Poirot sembra deciso a catturare il colpevole di, presumiamo, un assassinio avvenuto sull’Orient Express.

Il treno di cognomi in questo caso si sciorina così: Branagh-Pfeiffer-Dench-Depp-Ridley-Cruz-Dafoe-Gad-Colman-Jacobi (onestamente, è un peccato che Dafoe, già Andersoniano in passato, non sia anche in Isle of Dogs, avrebbe fatto doppietta).

Il marketing del film sembra volerci incitare alla caccia al killer, e allora io non faccio la spia e vi propongo il filmato qui sotto, e il sito ufficiale: Clues Are Everywhere

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli