When You Finish Saving the World

When You Finish Saving the World recensione film di Jesse Eisenberg con Julianne Moore [Cannes 75]

When You Finish Saving the World recensione film di Jesse Eisenberg con Julianne Moore, Finn Wolfhard, Billy Bryk, Alisha Boe e Eleonore Hendricks

Jesse Eisenberg racconta se stesso

Attore e comico ricordato soprattutto per il ruolo di protagonista in The Social Network, Jesse Eisenberg è solo l’ultimo di una lunga serie di attori di giovane età che hanno deciso di fare il salto dalla recitazione alla regia, con risultati spesso molto soddisfacenti. Prima di lui si sono mosse le colleghe Rebecca Hall e Olivia Wilde, Paul Dano e Bradley Cooper. Con When You Finish Saving the World il 38enne Eisenberg confeziona un debutto dai toni comici davvero convincente, in cui la sua presenza è sempre chiaramente percepibile nel mondo vagamente nevrotico con cui i protagonisti articolano i loro pensieri a parole, celando maldestramente le proprie vere intenzioni dietro fiumi di frasi pungenti.

Non stupisce che la mano di Eisenberg sia così riconoscibile nella sceneggiatura: quella raccontata dal film è una vicenda autobiografica rimaneggiata ad arte e attualizzata all’era degli adolescenti live streamer imprenditori di se stessi e ai genitori liberal attenti che non si macchino di cultural appropriation. Nel film il padre del protagonista – che non sembra mai minimamente interessato a quello che fa il figlio – si assicura che non suoni musica blues, perché appunto sarebbe cultural appropriation. Sia a casa sia a scuola, Ziggy è immerso in un’America benestante e woke, mentre lui è completamente concentrato sul progetto di diventare ricco.

Finn Wolfhard in When You Finish Saving the World di Jesse Eisenberg
Finn Wolfhard in When You Finish Saving the World di Jesse Eisenberg (Credits: Fruit Tree/Saving the World Rights LLC)

Julianne Moore e Finn Wolfhard fanno scintille

Protagonista della pellicola è il duo formato da Julianne Moore e dal 19enne Finn Wolfhard che già si muove come un veterano, perfettamente a suo agio al fianco di un’attrice consumata come la collega. I due interpretano Evelyn e Ziggy Katz, rispettivamente madre e figlio adolescente. Lei è una donna benestante che spende la sua vita in favore delle donne vittime di violenza, accogliendole in un rifugio che ha costruito con le sue forze. Lui invece è un adolescente ossessionato dalla sua carriera di musicista streamer: con le sue ballad smielate e il suo aspetto belloccio è riuscito a mettere insieme un pubblico di 20mila ragazzine che gli fanno donazioni da tutto il mondo durante i suoi concerti settimanali.

Nonostante le premesse suggeriscano una grande distanza morale tra madre e figlio, in realtà la comicità del film è costruita proprio sul fatto che la loro incomunicabilità derivi dall’essere identici, senza però rendersene conto. Entrambi sono affamati di attenzioni e lodi, entrambi vogliono che l’altro abbracci la loro visione e li lodi, entrambi sono dei mostri di narcisismo completamente assorbiti da se stessi, che finiranno per cercare l’adulazione e l’approvazione altrui in due sconosciuti, con esiti disastrosi.

Immaginate Lady Bird di Greta Gerwig ma rendete la madre tanto immatura e narcisista quanto la figlia adolescente e avrete When You Finish Saving the World, una commedia brillante e spesso cinica che racconta di quanto spesso il bisogno di essere amati per come siamo possa trasformarsi nel desiderio di essere amati e ammirati per come ci immaginiamo. Attuale ma non cieco alle complessità del presente, ben girato e splendidamente recitato, When You Finish Saving the World ha una sola pecca: manca del coraggio di arrivare fino in fondo, portando i suoi personaggi a una redenzione non spiegata e poco realistica, che sa tanto di soluzione di comodo per non dare il colpo di grazia alla poca speranza residua che tornare a parlarsi e amarsi davvero sia possibile.

Come esordio alla regia e alla sceneggiatura però è davvero un film promettente. Non stupisce dunque che ci sia l’occhio lungo di A24 dietro. Considerando i nomi coinvolti e il tono brillante del film, potrebbe arrivare con facilità al grande pubblico.

Sintesi

Attuale ma non cieco alle complessità del presente, ben girato e splendidamente recitato, con When You Finish Saving the World Jesse Eisenberg confeziona un debutto dai toni comici davvero convincente nel quale Julianne Moore e Finn Wolfhard fanno scintille.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Attuale ma non cieco alle complessità del presente, ben girato e splendidamente recitato, con When You Finish Saving the World Jesse Eisenberg confeziona un debutto dai toni comici davvero convincente nel quale Julianne Moore e Finn Wolfhard fanno scintille.When You Finish Saving the World recensione film di Jesse Eisenberg con Julianne Moore [Cannes 75]