Ghostbusters: Legacy

Ghostbusters: Legacy recensione film di Jason Reitman con Finn Wolfhard e Mckenna Grace [RomaFF16]

Ghostbusters: Legacy è il tentativo di Jason Reitman di chiudere un cerchio mai del tutto riuscito con gli Acchiappafantasmi dal 1984: la recensione

Ghostbusters: Legacy recensione film di Jason Reitman con Paul Rudd, Finn Wolfhard, Mckenna Grace, Carrie Coon, Bill Murray e Dan Aykroyd

La settimana scorsa abbiamo rivisto il nostro vecchio amico Mario. Erano anni che non ci sentivamo ma è stato come se fossero passati pochi giorni. Si vede che il tempo è passato per entrambi, ma sotto sotto siamo ancora gli stessi di sempre. Le smorfie, i gesti, la complicità, mi sono sentito catapultato indietro nel tempo in quelle due ore di chiacchiere sul viale dei ricordi. Ci siamo salutati affettuosamente ma rimanendo estremamente vaghi sulla prossima volta in cui ci saremmo visti, poi ognuno ha ripreso la sua strada ed è tornato alla propria vita. Lo rivedremo? Ci sono buone probabilità. Quando? Non è dato sapere. Ci mancherà? Ni. Sicuramente è stato bello, ma in fondo tra un incontro e l’altro c’è una vita che va vissuta.
Chissà se Mario si offenderà, ma non c’è metafora più efficace per avvicinarsi con cautela al ritorno dei flussi protonici di Ghostbusters: Legacy, la fatica di Jason Reitman nel riportare in auge un franchise non più di primo pelo e vittima della sua stessa iconicità.

MadMass.it consiglia by Amazon

Tra sequel, reboot e spin-off crossmediali, il mondo degli Acchiappafantasmi ha visto tramontare progressivamente fascino e potenza rimanendo confinato in momento cult del cinema a stelle e strisce. Il lavoro del figlio di Ivan Reitman si è concentrato nella direzione tracciata in modo stranamente complementare dai sottotitoli che accompagnano il film. Se in italiano si fa riferimento ad una nuova generazione di esploratori del paranormale con inevitabile passaggio di testimone, nella versione internazionale la questione si fa più specifica evocando un Afterlife che è sicuramente un esplicito omaggio ad Harold Ramis (scomparso nel 2014) ma anche un’esplorazione della leggenda.

Mckenna Grace, Logan Kim e Finn Wolfhard
Mckenna Grace, Logan Kim e Finn Wolfhard (Credits: Sony Pictures)

Paul Rudd
Paul Rudd in Ghostbusters: Legacy (Credits: Sony Pictures)

Oggetti, antagonisti, personaggi sono evocati con il rituale di oltre trent’anni fa per compiere un ultimo atto di fede e dimostrare a fedeli e miscredenti che l’attività paranormale è lontana dall’essere cessata. È la stessa struttura del film a raccontarlo: i suoi protagonisti passano buona parte del tempo a levare polvere dalle origini, riannodare fili con il passato e mostrare come e perché si è arrivati a questo punto attraverso i volti chi ne ha affrontato le conseguenze. Tutto sembra voler ricordare il picco di attività paranormale registrato a New York nel 1984, che è stato un evento da cui non si può prescindere e verso cui andare in devoto pellegrinaggio, rimanendo in un alveo inattaccabile e riproposto in maniera quasi pedissequa.

D’altronde gli anni sono passati anche per Dan Aykroyd, Bill Murray ed Ernie Hudson ed è difficile non avere un sussulto di nostalgia davanti ad un ultimo incrocio di flussi per sventare l’ennesima minaccia globale. Che, a dire il vero, ha una dimensione circoscritta dalla periferia, dalla campagna, da luoghi dal sapore vintage anacronistico e da un pericolo non più sconosciuto come in passato. Chi conosceva Peter, Ray, Egon e Winston è già alfabetizzato, chi li incontra per la prima volta avverte un’atmosfera controllata in cui la situazione non è mai del tutto fuori controllo perché ci sono dei numi tutelari pronti a risolvere la situazione. Uno c’è solo in spirito e in CGI ma il messaggio dovrebbe arrivare comunque a destinazione: il 555-2368 è ancora attivo per tutti coloro che dovessero averne bisogno.

Celeste O'Connor, Finn Wolfhard, Logan Kim e Mckenna Grace
Celeste O’Connor, Finn Wolfhard, Logan Kim e Mckenna Grace (Credits: Sony Pictures)

Ghostbusters: Legacy recensione film di Jason Reitman
Ghostbusters: Legacy di Jason Reitman con Paul Rudd, Finn Wolfhard e Mckenna Grace (Credits: Sony Pictures)

Sintesi

Jason Reitman prova a riportare in auge un franchise vittima della sua stessa iconicità: tra sequel, reboot e spin-off crossmediali il mondo degli Acchiappafantasmi ha visto tramontare progressivamente fascino e potenza rimanendo confinato in momento cult del cinema a stelle e strisce. Ghostbusters: Legacy compie un ultimo atto di fede e dimostra a fedeli e miscredenti che l'attività paranormale è lontana dall'essere cessata e che il 555-2368 è ancora attivo per tutti coloro che dovessero averne bisogno.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli