How to Have Sex

How to Have Sex recensione film di Molly Manning Walker con Mia McKenna-Bruce [RoFF18]

Un sguardo senza filtri del mondo dei giovanissimi alla ricerca del piacere e del desiderio

How to Have Sex recensione film di Molly Manning Walker con Mia McKenna-BruceLara Peake e Enva Lewis 

How To Have Sex (Credits: Teodora Film)
How To Have Sex (Credits: Teodora Film)

Una recensione, questa, che rischiava di annegare nella presunzione e nel pregiudizio. Perché le ragazze di How to Have Sex sono spaventosamente simili a certi fantasmi del passato, forse perché arrivate a quel crocevia che è la fine della pubertà.

Un altro modo, edulcorato, per dire che nella vacanza da sballo di Tara (Mia McKenna-Bruce), Skye (Lara Peake) e Em (Enva Lewis) c’è l’irruzione del sesso e delle sue pulsioni. Maila, la località designata per sconquassare l’ordine, è il paese dei balocchi, un porto franco per impulsi che devono essere normalmente resi asettici.

È il posto che ognuno ha cercato, almeno una volta, per calarsi nell’attimo. Cambiano i personaggi e le località, ma l’ottica è quella di sfuggire al controllo per sprofondare in una libertà travolgente.

Molly Manning Walker costruisce la sandbox perfetta per assistere alla reazione delle persone coinvolte. Dietro al vetro/schermo, si può essere voyeur con licenza di pontificare, nonostante l’abuso di clichè che ritraggono la generazione Z come vittima delle circostanze.

Sono i borbottii canonici di chi ha fatto passare troppo tempo, ha esaurito l’energia o ancora non ha accettato questo ciclo.

How to Have Sex non è un manuale. Non c’è morale o buoncostume da seguire. È il ricordo sporco di qualcosa che bussa inevitabilmente alla porta. Si ignora, si amplifica, si ridicolizza ma, come un virus, sopravvive latente di generazione in generazione. Si parlava all’inizio di pregiudizio e presunzione perchè sarebbe stato comodo mantenere le distanze da questo coming of age, bollandolo come archiviato o differente da ogni esperienza personale.

How To Have Sex (Credits: Teodora Film)
How To Have Sex (Credits: Teodora Film)

Il film che apre contemporaneamente Alice nella Città e la diciottesima edizione della Festa del Cinema di Roma spinge su quello che si è sempre fatto finta di non vedere, parlando di consenso, rapporti e educazione affettiva/sessuale completata – forse addirittura iniziata – nella fossa dei leoni.

Si cade facilmente nell’idea che la verità sia comoda in tasca, che film come questi siano grossolani e abbastanza inutili.

Uscendo dalla sala, però, è rimasta l’impressione è che ci sia ancora molta strada da fare nella consapevolezza e negli atteggiamenti quando si parla di sesso e si continua a vedere dal proprio orticello e non guardare la giungla con cui abbiamo ancora a che fare.

Il sesso non conosce perimetri o recinzioni.

Sia quindi benedetto How to Have Sex.

Sintesi

How to Have Sex, vincitore della sezione Un certain Regard al Festival di Cannes 2023, approfondisce l'esplorazione dei desideri e della ricerca del piacere offrendo uno sguardo sensibile e penetrante su queste complesse tematiche.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da sei anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli